Paestum, Maida di Francesco Vastola e il buono da conservare

Letture: 455

 

Fabrizio Vastola

Il progresso ed il decollo socio-economico di un territorio passa anche, e soprattutto, attraverso l’unione di tutte le sue forze sinergiche e le risorse produttive alimentari di cui esso dispone: vini, oli, carni, prodotti agro-alimentari, ittici e lattiero-caseari. Il Cilento, seppur con colpevole ritardo, sta finalmente imparando a fare sistema e negli ultimi anni riesce a produrre alimenti di qualità che incontrano il favore di una sempre più vasta utenza non solo locale, ma soprattutto nazionale ed estera. Senza trascurare poi una fervente attività imprenditoriale che riguarda gli agriturismi, la ristorazione e i prodotti trasformati.

Anfora pestana

I coniugi Francesco e Annamaria Vastola con i figli Fabrizio e Maria Antonia, dopo aver maturato una solida esperienza agricola nell’azienda di famiglia situata nella campagna pestana, circa quindici anni fa hanno avuto la bella idea di trasformare i loro ortaggi e la frutta in prodotti conservieri, con metodo e lavorazione prettamente artigianali.

coltivazione propria

Fabrizio, che sta completando gli studi in tecnologia alimentare alla Facoltà di Agraria di Potenza, è il motore di quest’azienda: s’interessa della produzione, del marketing e intrattiene contatti con i buyers, anche quelli stranieri.

Azienda Maida

All’estero, infatti, viene esportato il 40% del fatturato complessivo, mentre in Italia c’è notevole richiesta da parte di importanti esercizi della ristorazione.

panorama

La produzione, regolata sulla stagionalità di frutta e verdura, è incentrata su due marchi: “Maida” e “Francesco Vastola”, con quest’ultima che distingue la linea bio e prodotti particolari.

filari di olivi

Entrambi, comunque, seguono la tradizione cilentana, con la valorizzazione del territorio, delle colture locali e il rilancio di antiche ricette locali. Le proposte sono basate su prodotti altamente qualitativi e genuini, preservando così gli antichi sapori che sono riadattati in chiave moderna. Qui, infatti, sono banditi assolutamente conservanti e additivi chimici e si usa soltanto l’olio extravergine di oliva per le preparazioni, che viene prodotto in massima parte direttamente in azienda.
Alla fine l’offerta, di assoluta eccellenza, è vasta, eterogenea e in continua evoluzione, che stimola sempre di più il consumatore.

Azienda Maida

Le confezioni sono fatte di vetro trasparente, contornato da un cartoncino che contiene tutte le informazioni necessarie.

campionario di squisitezze

La linea “Maida” prevede vari tipi di confetture: arance, cedro, cipolle e zenzero; cipolle ramate di Montoro; fichi bianchi del Cilento; mele annurche; peperoncini; pere e noci; pomodori gialli; uva fragola. Poi le creme: asparagini; carciofi; cipolle ramate di Montoro; melanzane grigliate e pomodori secchi; olive; olive al cacao; pomodori secchi; pomodori verdi; zucca. I sott’oli: antipasto; asparagini; carciofini piccoli; carciofini piccolissimi; melanzane; olive nere; peperoncini con acciughe; peperoncini tritati; pomodori secchi.

caciofini sott'olio

 

campo di broccoli friarielli

 

infiorescenza broccoli friarielli

La linea bio “Francesco Vastola” rappresenta le olive nere in olio extravergine di oliva; il sugo pronto al basilico; sugo pomodori gialli e friarielli; sugo melanzane e friarielli; sugo papaccelle; kiwi; papaccelle.

macchinari

I prodotti speciali sott’olio, sempre sotto il marcio “Francesco Vastola”, sono: broccolo friariello di Napoli; carciofini mignon; carciofo grigliato; cipollotto grigliato; fagiolini metro; fichi bianchi; papaccelle; pomodorino corbarino secco; pomodori verdi farciti; zucca lunga di Napoli; cicoria selvatica; melanzane piccole farcite. E allora, buon appetito!
Enrico Malgi

MAIDA – AZIENDA AGRICOLA FRANCESCO VASTOLA
VIA TEMPA DI LEPRE, 33 – CAPACCIO-PAESTUM
TEL. E FAX: 0828 722975 – info@vastolaitaly.com – www.vastolaitaly.com

4 commenti

  • diodato buonora

    (6 febbraio 2012 - 19:25)

    Maida è una realtà che va ben oltre i nostri confini. Grandissimi prodotti, poi l’azienda è a un km da casa mia. Complimenti.

  • patrizia malanga

    (9 febbraio 2012 - 16:55)

    veramente ottimi prodotti! Un ‘altra eccellenza del nostro territorio

  • enrico malgi

    (9 febbraio 2012 - 17:25)

    E’ vero, riprendendo le parole usate dal competente amico Diodato e dalla brava e professionale signora Malanga (che tra l’altro sforna ottimi vini e quindi è una vera intenditrice), l’azienda Maida è una consolidata ed eccellente realtà del territorio cilentano. Ma per fortuna, non è la sola, perché negli ultimi tempi, come tutti sanno, stanno emergendo grosse novità eno-alimentari-gastronomiche a livello provinciale e regionale che fanno progredire tutta la filiera. Basta crederci, impegnarsi tanto, organizzarsi seriamente, farsi conoscere attraverso i molteplici canali informativi e, soprattutto, non lamentarsi, imprecare o scoraggiarsi, ma essere sempre propositivi, perché abbiamo la fortuna di poter disporre di materie prime ineguagliabili.
    Abbracci.

  • valentino vastola

    (24 febbraio 2012 - 16:47)

    Prodotti eccezionali. Bisogna solo provarli ed è come se fossero a KM zero visto il rapporto qualità prezzo.

I commenti sono chiusi.