Il vino californiano e l’Europa: doppia intervista a Patsy McGaughy e Sara Cumming, direttrici della comunicazione di Napa e Sonoma Vintners Association

Letture: 101
Patsy McGaughy e Sara Cummings

di Chiara Giorleo

NAPA

SONOMA

QUAL è LA DIFFERENZA TRA NAPA E SONOMA

Innanzitutto il terroir, Napa è protetta da una catena collinare che la mette al riparo dalle correnti fredde dell’Oceano: il clima a Napa è più caldo e quindi più adatto a vini come il Cabernet e il Sauvignon Blanc.

Invece da un punto di vista culturale ed organizzativo, Napa è molto più piccola e probabilmente questo ha facilitato la collaborazione che, a sua volta, ha consentito di fare gruppo in modo molto più efficace che portato al successo mondiale che conosciamo.

Quando si parla di California si pensa subito a Napa e Sonoma ma ci sono delle differenze importanti. Sonoma ha una storia più importante ed è molto più grande quindi offre una maggiore diversità, nonostante sia meno popolare di Napa ad oggi.

Da un punto di vista culturale Sonoma offre una approccio che punta maggiormente al territorio e alle tradizioni; Sonoma sconta minore popolarità ma questo garantisce anche una maggiore genuinità, e meno attenzione alle mode.

QUAL è IL RUOLO DI NAPA/SONOMA VINTNERS ASSOCIATION

L’associazione è stata fondata nel 1944 da 7 viticoltori che hanno capito sin da subito l’importanza di fare sistema. Oggi siamo almeno 475 con lo scopo di promuovere e difendere la valle. Ma anche per migliorare e crescere. Si punta su pochi eventi annuali mirati, tra i quali uno per la raccolta di fondi, utilizzati sia per l’associazione stessa sia per fini sociali.

Puntiamo ad una comunicazione molto mirata. Ci rivolgiamo prevalentemente al Trade e ai consumatori qualificati. Questi sono i 2 target principali al momento raggiunti con pochi ma ben organizzati eventi annuali. Si cerca di mantenere il gruppo unito: un unico team: agronomi, enologi, associazioni per la promozione del turismo e così via

QUALI GLI OBIETTIVI DI MKTG&COMUNICAZIONE IERI-OGGI-DOMANI

Molto semplice: mantenere il successo guadagnato, obiettivo, spesso, ancora più difficile. Napa continuerà a puntare sul Cabernet dati gli eccellenti risultati ma bisogna mantenere, se non migliorare ulteriormente, il livello qualitativo. Questo sarà fatto puntando sull’agricoltura e sulla sostenibilità.

Questo è già evidente agli occhi di turisti e non solo, c’è tutta una regolamentazione che protegge Napa dal divenire una realtà industriale: ci sono numerose limitazioni per la costruzione di autostrade, catene di hotel e di ristoranti e così via, tutto per mantenere uno scenario rurale, come è giusto che sia.

Consapevolezza e riconoscibilità della valle “Sonoma”. Innanzitutto perché a volte accade che Sonoma sia meno conosciuta di Napa nonostante abbia maggiore storia, ma anche e soprattutto per conquistare nuove frontiere come ad esempio quelle orientali. Non esiste un tempo e quindi una fine per la comunicazione di un “brand”, qualsiasi esso sia. Anche perché i mezzi di comunicazione sono sempre più numerosi, oggi stiamo puntando molto sui social anche se non è facile.

PREVALE LA COLLABORAZIONE TRA I PRODUTTORI O LA COMPETIZIONE

La collaborazione senza ombra di dubbio; infatti direi che esiste solo un’amichevole competizione, è la filosofia del “padre” di Napa: Robert Mondavi che non ha mai ragionato solo per se ma sempre per tutto il territorio.

Certamente prevale la collaborazione ed è questo il segreto del successo di Napa e Sonoma nel mondo, raggiunto -tra l’altro- in così breve tempo.

COSA LA CALIFORNIA PUò ANCORA IMPARARE DALL’EUROPA E VICEVERSA

Napa può imparare innanzitutto a puntare maggiormente sulla diversità e varietà di territori e stili di produzione; ed inoltre deve puntare maggiormente sul rapporto qualità-prezzo.

L’Europa potrebbe imparare a fare maggiormente sistema.

Tutta la California emula lo stile italiano e anche quello francese così come l’importanza del cibo e l’abbinamento cibo-vino. L’Europa, se guarda alla California, ha di fronte a se un nuovo mondo e un nuovo approccio al mercato del vino…