R’Evolution ! Cuisine Techno Emotionelle. David Faure a L’Aphrodite di Nizza

Letture: 201

Trompe d’oeil , Deconstructivisme, Emulsification, Sphérification, Azote liquide, Glace sèche, Textures et Tempeteratures… Paura eh !

No?  Io si, ma per fortuna questo minaccioso programma va in onda solo la sera, in fascia protetta.

Alla ricerca dell’ostrica perduta, Nitro dragon di vodka,  Caviale virtuale affumicato, il Pane senza pane,  Illusione di maccheroni,  Sferificazione calda inversa, fino alle domande in menù , del tipo : falso caviale o Irish coffe?  E che ne so io, se non lo sai neanche tu che l’hai fatto?!?

L'ingresso del ristorante, dalla veranda.

Comunque per stavolta me la sono cavata, però qualche traccia l’ho scoperta e in qualche buca ci sono caduto, tanto per capire che questo nuovo stellato di Nizza un po’ ci è ma un po’ ci fa.

Colpa di Olivier stavolta, passo a prendere un paio di bocce dallo spacciatore più biodinamico del sud della Francia ma è quasi mezzogiorno. Non ho voglia di fermarmi da lui a subire colpi di andouillette e pied et paquets d’agneau stavolta. Ma c’è il suo vicino di casa , al 25 della stessa via Gubernatis, proprio a due passi  da La Part des Anges.  Dommage, ore 12 è già “a block” come dicono loro, cioè non c’è più un buco, 22 coperti murati a Le Flaveurs, tutti i giorni dal martedì al sabato. E allora dove vado Olivier? L’Aromate lo conosco, è molto buono ma oggi volevo una cosa diversa. Il mausoleo del Negresco? Noo?  E ancora viva la vecchia ? Bho?  IlGiapponese, Keisuke come sta?  Continua a fare il risotto nella forma di parmigiano, andiamo bene allora… Una cosa techno? Allora eccola qua la novità stellata, e qui dietro l’angolo, anche questa, 200 metri :  L’Aphrodite. Però attention  Robertò, quelli fanno cucina molto particolare, molto ricercata, molto estetica, e anche molto “Moleculaire”.

Olivier, enoteca la Part des Anges, Nizza

Ahi! Vabbè, vado a vedere lo stesso cosa succede.

Arrivato li davanti vengo attratto dalla bellissima veranda e dalla coraggiosa apparecchiatura su tovaglie nere lucide,  guardo anche il menù principale esposto, il R’Evolution.

Caspita R’EVOLUTION ? Questo è il mio . 95 euro per dodici portate.  Ma qui ci cammino sopra di articoli per sei mesi ! Rapporto prezzo/post mai visto! Ok, andiamo.

No non andiamo da nessuna parte, il menù è servito solo la sera, dalle 20 alle 21,30 come tempo massimo d’ingresso. Però c’è la carta, abbastanza aggressiva già di suo e c’è anche  un carta-menù confortevole messo giù a 38 euro.

Mi arriva anche il libretto con la proposta di aperitivi. Il primo dei quali già inquieta. Allora facciamo così, prendo l’aperitivo psichedelico della casa e poi decido dove andare a farmi male .

Eccolo il cocktail maison bello fumante, ci voleva proprio in questa bella giornata di fine settembre con 25 gradi e il sole in faccia. Fermi tutti, indicazione per berlo: bisogna “imperativamente” entrarci con il naso nella boccia ma l’effetto gas inalato è insopportabile perché l’ alcol spinge di brutto ed invita allo starnuto plurimo e aggravato. Sotto c’è una via di mezzo tra un cocktail Champagne e un Kir Royal al mandarino, profumazione scelta tra il melone ed il litchi. Ah, inoltre, sempre imperativamente indicato dal convintissimo maitre, bisogna riuscire a berlo mentre fuma e senza levare la stecca di vaniglia appoggiata sul bordo. Quando la tempesta di fumo si placa si riesce anche a berlo, nel frattempo c’è il tempo per capire dagli accompagnamenti a questo aperitivo che in fondo in fondo non c’è molto da scavare se nei tre bicchierini ci sono due modeste composte, una di caprino e l’altra anonima, forse di ceci, mentre la terza, di peperone rosso è molto buona e intensa ed invita ad essere tartinata sui croccanti biscotti salati. Buona anche la sfoglia di patata, ma ormai la direzione è presa. Tre piatti dal carta menù, a soggetto, in attesa di guardarsi intorno per vedere cosa succede anche agli altri tavoli.

Aperitivi
Amuse bouche

L’amuse bouche è un inconcludente bicchierino di spuma di astice (irrilevabile) con dadini di peperone verde crudo e chips di patata viola. L’entrata è un bel piatto di crema di asparagi, molto cremosa e oleosa, con altre punte di asparagi molto al dente, un fiore di zucchino farcito di formaggio di capra e piccole cozze sgusciate. Piatto tranquillo, buono e senza pretese di agitare pericolosamente i cinque sensi, anzi, neanche uno. Il secondo è uno stufato di polpo cotto come uno stoccafisso in umido con cipolle, peperone , sedano e intingolo di prezzemolo. Polpo così così ma zuppa vegetale discreta quanto convenzionale.

Crema di asparagi, punte di asparagi, cozze e fiore di zucchino farcito di caprino
Polpo stufato con peperoni, cipolle, sedano...

Si beve bene senza dissanguarsi, dalla carta non banale ecco questo Champagne d’autore, un blanc de blancs  Jacques Lassaigne a 58 euro ci sta. Ci sta meno il dessert, perché la fantasiosa descrizione poi si concretizza in un spesso e farinoso biscottone sabbioso vagamente profumato di anice su cui sono state posate quattro fragole Mara de bois, una mousse di cioccolato bianco e decorazioni varie di succo di fragole e pistacchi.

Sabbiosa all'anice, fragole Mara de bois, mousse di cioccolato bianco e pistacchi...

Ci butto sopra un bel bicchiere di distillato di lamponi alsaziano, complimenti per la scelta del produttore ! E’ Binner, il bio bio degli alsaziani senza delega al mal di testa.

Ottime le meringhe proposte in diverse profumazioni, allo zenzero è micidiale, e veramente valido e professionale il servizio.

Servizio impeccabile.

Quindi per stavolta niente REvolution ma secondo me qualche colpo in canna ce l’hai caro David, con quel nome  qualche brivido già me lo dai , mai per caso, jeune Chef étoilé toujours en ébullition   e a due passi da casa.  Ma  chi sei, un petit Adrià in trans agonistica o un bulletto presuntuoso? Uno Scabin o un simulatore di effetti speciali ?  Che si fa allora, si torna o no a fare  la Revolution ?

gdf

L'Addition.

 http://www.restaurant-aphrodite.com/

16 commenti

  • Daniela

    (30 settembre 2010 - 10:07)

    Un pò sono incuriosita ma anche un pò dubbiosa…. dovrò riflettere!!!

  • Pat Garrett

    (30 settembre 2010 - 10:10)

    azz… sei andato a “la part des anges” a riempire la cartuccera per sabato ;-) ?

  • Rob78

    (30 settembre 2010 - 11:02)

    Brrrr…
    Se mi portavi in un posto così ti levavo il saluto ;)

  • Lello Tornatore

    (30 settembre 2010 - 15:14)

    Com’è Robertò, non ti firmi più? Dalla foto si capisce perchè definisci “veramente valido e professionale il servizio” : ;-)))

  • gianni revello

    (30 settembre 2010 - 16:31)

    Roberto ..vuoi dire che quei tre poveri gattini, pardon ..volevo dire piattini (..petit gatteau compreso :§), li hai fatti annegare, nell’ordine, in un cocktail micidiale, in un’intera bouteille de champagne ..e in un ulteriore definitivo liqueur d’expedition? :)

    Non hai ancora capito che il vero gourmet :

    beve bene, ..ma poco! (..e chiede sempre gli raccontino una delle favole del Gran Libro Fantastico del Vino e degli Abbina menti, che ascolta rapito) ;

    mangia poco ;

    è ben attento e equi librato nei sapori ;

    detesta il ‘suo’ e ancor di più l’altrui ‘superfluo’ ;

    deve mostrare, ma in modo capillare e ben esibito, timore per i nuovi veri mostri Sale e Grasso ;

    ha un ambivalente e contrastato amore per l’ex-quasi-mostro Acido e per l’ex-mostro Amaro (..entrino pure anche loro in pista, ma ..equi!) ;

    lo incanta il creato, ..la verzura! ..li animali! ..le materie prime! ;

    ..ma un bel servizio alla russa, e per favore, si rispetti l’ordine! ;

    ha da noi nello specifico, ma non solo da noi, una diffidenza di lontana ascendenza marinettiana o ‘fu turista’ per pasta pane e affini; ma ama ben di suo, e ancor più ‘deve’ dire di amare, la pizza ;

    agogna il traguardo del dessert, ..ma deve un po’ vergognarsene ;

    s’avvicina al popolo, sì, ma per educarlo…

    ecc. ecc.

    ..Anche sull’orlo del baratro, ci deve pur essere sempre qualcosa che ancora ci salvi dall’essere veri gummé :)

    Ciao, ti leggo con piacere, che mai m’annoi

  • giancarlo maffi

    (30 settembre 2010 - 17:22)

    al netto dello champagne il conto dice 67 euri, per tre cazzatine e fuochi d’artifici vari. materia prima 5 euri di costo, bombola di azoto nel magazzino e via andare . furbino il ragazzo, mica poco. l’unica cosa positiva è che a “zoccolandia” non sono messi male ,mi pare :-)

  • roberto

    (30 settembre 2010 - 18:30)

    @ Daniela, facci sapere, il tema è tutto da svolgere.
    @ Pat, missione, missioni compiute
    @ Rob, mai mi sarei permesso pre verifica
    @ Gianni, Anch’io Gianni, apprezzo molto la tua faticosa ricerca di sintesi , ti sono vicino in questo momento e apprezzo il tuo sforzo.
    @ Lello, la firma c’è, non ti basta gdf ? La vuoi a casa?
    @ Giancarlo, bla bla bla, ma qualcuno ti ha mai visto con una donna ?

    Smile a tutti, è stata una giornata da bestie, scavare la terra è dura, la terra è lontana dalla schiena.

    • giancarlo maffi

      (30 settembre 2010 - 18:46)

      no, figurati, solo tanti anni fa . ora ho cambiato : due gusti is meglio che uan

      • roberto

        (30 settembre 2010 - 18:51)

        :-)) buongustaio !

    • Lello Tornatore

      (30 settembre 2010 - 19:06)

      @ Roberto : solo adesso l’ho notata, non voglio pensare che l’hai aggiunta dopo il mio appunto, però lasciami dire che questa è una firma a dir poco inconsueta, abituati com’eravamo alla conclusione con il “nostro” faro, ci sembra di aver perso l’orientamento e qualcuno, giustamente, non sa più su che sponda andare… ;-)))

      • giancarlo maffi

        (30 settembre 2010 - 19:22)

        si puo’ stare anche in mezzo al guado, volendo , caro lello :-))

        • Lello Tornatore

          (30 settembre 2010 - 19:39)

          Allora, per cortesia, togli quel caro! ;-)))

  • velavale

    (30 settembre 2010 - 20:28)

    la schine vale la sofferenza

  • velavale

    (30 settembre 2010 - 21:42)

    schiena cavolo schiena

  • velavale

    (30 settembre 2010 - 21:47)

    da quelle parti ho mangiato non male alla tavrne alsacienne
    conosci?
    me lo consigliarano su altro forum

    • roberto

      (2 ottobre 2010 - 09:08)

      No, mai sentito questo, buono a sapersi comunque.

I commenti sono chiusi.