Salerno, ristorante pizzeria e wine bar Miramare

Letture: 1131
Miramare, Salerno, i tavoli sul mare

Via Leucosia, 7
Tel. 331.2492315
Sempre aperto

Salerno vanta da tempo un lungo rilancio e la cosa non può che farmi piacere visto che ci sono nati e ci abito. Non c’è vicolo del centro o strada della periferia che non sia stato ripreso e arredato, un gigantesco sforzo che non ha paragoni nella storia urbanistica di questa piccola città mollemente adagiata sul mare, promemoria di Costiera e di Cilento.

Miramare, l'ingresso

La gastronomia, un po’ come in tutte le città, è stato il suo punto debole e sofferto: un bravo giovane cuoco come Marco De Luca è andato via mentre bar e locali non vanno oltre lo scontato con puntate tipicamente provinciali, leggi angus argentino.
Per fortuna i segnali non mancano, e li trovate puntuali in questo sito. Ricordo solo il rientro di Pietro Rispoli, il primo ad aver introdotto un po’ di ristorazione gourmet in città.

Miramare, tavolo panoramico

Uno dei tanti meriti dell’amministrazione De Luca è aver recuperato l’aria orientale della città dove è in costruzione un nuovo porto turistico in cui si prevedono ristoranti e attracchi importanti. In questa area, un tempo abbandonata e dimenticata, ha riaperto il Miramare, storico stabilimento balneare molto amato con una formula semplice, innovativa e, last but not least unica visto che non ci sono altri locali con affaccio sulla spiaggia nonostante i dieci chilometri di costa comunale.


Cosa troverete in questo spazio nuovo? Praticamente tutto: un ristorante aperto tutto l’anno con un menu semplice dettato dal pescato del giorno che restituisce dignità di prodotto e di tecnica ai grandi classici degli ultimi decenni, dagli spaghetti con le vongole ai paccheri con lo scorfano al tubettino con la pescatrice.

 

Miramare, focaccia calda al rosmarino e olio extravergine di oliva

Poi il wine bar con i crudi e una grande carta dei vini campani con belle incursioni di spumanti e champagne. Infine anche la pizzeria.

Miramare, mazzancolle al vapore

Infine, una ragionamento sui prezzi: non si va mai oltre i 40, ma si può uscire avendo speso 10 euro con un calice e un piattino.
Il pescato è una garanzia: Carmine Ricco è un agropolese che ha lunga esperienza alle spalle in questo settore e dopo aver ben fatto a Paestum ha deciso di investire lì dove ci sono i numeri.
Il logo, allegro e marinaro, è di Viviana Fumarola: una giovane promessa:-)

Miramare, fiore di zucca con ricotta e alici

Dunque adesso c’è anche questo locale, sul mare, molto elastico nella proposta come è giusto che sia in questi tempi di crisi in cui bisogna stare attenti ma non per questo rinunciare al piacere del cibo e del tempo libero.

Miramare, l'esterno

I piatti sono affiancati dal pane fatto in casa, una selezione di olio extravergine, bella hotellerie, semplice e lineare, un servizio cortese e professionale.

Miramare, alici marinte al limone su carpaccio di carciofi di Paestum

 

Miramare, parmigiana di pesce bandiera e fiori di zucca

 

Miramare, tubetto alla pescatrice

 

Miramare, pesce san pietro al forno in pamatura al limone

 

Miramare, il caffè

 

Miramare, il caffè

 

Miramare, uno dei tavoli della sala interna

 

Miramare, scorcio della sala

 

Miramare, la padella gigante al centro della sala

 

Miramare, Salerno

 

Miramare, la cucina a vista

 

Miramare, il banco del pesce fresco

 

Miramare, l'esterno pizzeria

 

Miramare, i tavoli all'esterno

8 commenti

  • Nicola

    (10 giugno 2012 - 10:00)

    Impeccabile Luciano……andrò presto a farci visita.

  • Marcello

    (10 giugno 2012 - 10:11)

    Piccola osservazione: c’e’ una foto in cui viene presentato uno spaghetto con i cannolicchi, ma a me sembrano datteri……per carita’ il principe dei frutti di mare, ma la cui pesca e commercio sono vietatissimi per i ben noti danni all’ ecosistema, pena sanzioni pesantissime……

    • luciano pignataro

      (10 giugno 2012 - 10:26)

      Erano ovviamente spaghetti con i cannolicchi, c’è stato uno scambio con una vecchia foto di archivio perché il pezzo ha attraversato numerosi pc prima di vedere la luce
      Grazie per il rilievo

      Ps: per me il principe dei frutti di mare resta la cozza:-)

  • Curioso

    (10 giugno 2012 - 10:55)

    Perche realta’ gastronomiche di livello superiore non godono della stessa visibilità? E’ solo una curiosità…

  • gaspare

    (12 giugno 2012 - 22:41)

    ma il logo non è quello del sea garden?

    • Viviana

      (20 giugno 2012 - 14:16)

      Guarda che il logo del sea garden è un tritone che esce dal mare, dove se vai sula sito del ristorante, noti che è tutt’altra cosa.
      Giusto per precisazione
      Viviana Fumarola

  • rosa nino

    (7 settembre 2012 - 19:07)

    il 16 settembre 2012,ospite di mia sorella e del marito,sarò a cena nel vostro ristorante per festeggiare le loro nozze d’argento.ho sentito e letto molto bene del locale e della vostra cucina .complimenti ai miei per l’ottima scelta del ristorante.

I commenti sono chiusi.