Spaghetti con friarielli e alici di Cetara sott’olio

Letture: 1306
Spaghetti con friarielli e alici di Cetara

di Virginia Di Falco
Ogni napoletano conosce e impazzisce per i friarielli, un particolare tipo di broccolo a foglie larghe che in questo periodo è ancora nel suo splendore. Io li adoro. E quando li spadello so che l’aggiunta di un’acciughina gli dona quel tocco di sapidità in più che non guasta. Anzi.


 

Spaghetti con friarielli e alici

Ingredienti per 2 persone

  • 200 gr di spaghetti
  • 2 mazzetti di friarielli (circa 800 kg, da pulire)
  • 1 spicchio di aglio
  • 8 filetti di alici di Cetara conservate sott’olio
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale qb

Preparazione

Pulite i broccoli liberandoli delle foglie più dure e dei gambi più grossi. Fateli bollire per soli 5 minuti in acqua leggermente salata e poi scolateli sotto l’acqua fredda (meglio se ghiacciata: conserveranno il verde brillante più a lungo).

Fate rosolare nell’olio in una padella larga uno spicchio di aglio schiacciato, che una volta dorato toglierete.

Spadellatevi per qualche minuto i friarielli tagliuzzati grossolanamente, aggiungete le alici salate e lasciate insaporire per non più di due minuti.

Fate cuocere molto al dente gli spaghetti in acqua poco - o per niente - salata (io ho usato lo spaghettoro Verrigni, scolato dopo sette minuti sette) e versateli nella padella con il condimento.

Girate per qualche secondo sul fuoco, spegnete e servite subito, magari aggiungendo un filetto di alice per decorare.

Vini abbinati: Biancolela d'Ischia

21 commenti

  • monica

    (16 gennaio 2012 - 14:49)

    Un piatto TOSTO. Con due ingredienti di tutto rispetto. Ma si vede che la proposta è romana. Da napoletana verace ti dico che noi l’acciughina non la mettiamo nei friarielli. Proporrei una variante: sspaghetti con alici di cetara sott’olio e scarole. Eh perchè noi sì che ce le mettiamo le alici nelle scarole ;)
    Ottima preparazione comunque e impiattamento da chef!

    • Lello Tornatore

      (16 gennaio 2012 - 16:58)

      Monica, se questo è tosto…che dire della versione irpina con aringa affumicata al posto delle acciughe!!! @ Virginia : se posso permettermi, prova a calare gli spaghetti nell’acqua dove hai sbollentato i friarielli…e poi mi dici!!! ;-))

      • Virginia

        (16 gennaio 2012 - 18:04)

        Lello, hai ragione, lo faccio sempre con l’acqua delle verdure. stavolta no e mi hai beccata ;-)

  • Ilaria

    (16 gennaio 2012 - 14:50)

    non ho mai abbinato i friarielli con le acciughine! da provare!

  • Virginia

    (16 gennaio 2012 - 14:59)

    @ Monica: ti assicuro , non è tosto. L’acqua addomestica i friarielli (sono prima scottati, non stufati, apposta) e l’olio addomestica le alici. Prova e mi dirai;-)

  • prestito inpdap

    (16 gennaio 2012 - 15:43)

    Che grande idea. Mi sembra un ottimo modo di mangiare la pasta, creativo e semplice. Grazie mille e buon proseguimento culinario. Sara M.

  • Mimmo Modarelli

    (16 gennaio 2012 - 16:07)

    Praticamente Pasta e Cime di Rapa

    • Virginia

      (16 gennaio 2012 - 18:02)

      Mimmo, praticamente acqua, grano, foglie e acciughe ;-)

  • daniele angelino

    (16 gennaio 2012 - 17:28)

    nn e’ facile trovare 800 kg di friarielli pero’! scherzo fatta ed e’ venuta bene!

  • alfonso della sala

    (16 gennaio 2012 - 18:33)

    sarebbe meglio usare le alici sotto sale (ovviamente dopo averle dissalate e private della lisca). l’olio, secondo me, snatura il sapore delle alici.

  • Rita

    (16 gennaio 2012 - 20:34)

    Bellissima la foto, ma … questa è la quantità di una porzione???
    Se sì, non vorrei essere tua ospite…. :-(

  • marells

    (17 gennaio 2012 - 06:34)

    Praticamente una squisitezza.da saggiare.se ci inviti non faremo caso alla quantità

  • Denny

    (17 gennaio 2012 - 08:15)

    Ottima ricetta, semplice e molto gustosa, due varianti proposte: un pò di peperoncino (magari di Ischia) in polvere o in alternativa una spolvereta di bottarga che può sostituire il sale.
    Buon appetito!!!

  • Carla

    (17 gennaio 2012 - 08:37)

    A parte le proporzioni per due soli piatti, fai venire una voglia di assaggiarli…Vado subito al mercato per i broccoli…Ti farò sapere!!

  • pier luigi

    (17 gennaio 2012 - 08:53)

    mi piace molto l’idea, proverei anche con la colatura al posto delel alici, il problema piu’ grande è il reperimento del friariello, qui si trovano solo surgelati e anche con una certa difficoltà

  • leo

    (17 gennaio 2012 - 10:10)

    Stessi problemi di Pierluigi: reperimento dei friarelli: dove le trovo ? qui ci vuole SuperMaffi !

  • Artura

    (17 gennaio 2012 - 13:40)

    Spettacolare!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! E poi ad ora di pranzo quando la pancia brontola………………..

    Da riprodurre assolutamente.

  • carmine

    (17 gennaio 2012 - 18:25)

    la variante con l’aggiunta di pan grattato casereccio e grossolano, al momento che le alici soffriggono assieme all’aglio e iniziano a spappolarsi, con un paio di peperoncini gia secchi che tendono a croccaree nell’olio e qualche cappero,per poi calare i friarielli o, se volete, cimette di rapa tenere e piccole, rendono il piatto di spaghetti (cotti s’intende nell’acqua di bollitura dei broccoli) ghiotto e sfizioso…. poco sale se si usano le alici dissalate….. un solo bicchiere di ottimo rosso e se ne parla la prossima puntata a tavola…. perchè poi tocca fare la scarpetta nell’olio sul fondo del piatto se abbondate in precedenza – non troppo però -, la giusta dose. Ciao a tutti i goderecci della tavola meridionale e non

  • Sonia

    (17 gennaio 2012 - 19:44)

    Semplicemente divini perchè facili da fare e saporitissimi!!!!!!!!

  • prestito inpdap

    (19 gennaio 2012 - 16:23)

    Buonissimi, che grande proposta. Grazie mille……sara m.

  • Maria Rosaria

    (21 gennaio 2012 - 20:23)

    Cara Rita, se Virginia mi invitasse, accetterei anche la piccola porzione ricompensata dall’emozione di conoscerla !

I commenti sono chiusi.