Addio a Stanko Radikon, dai grandi Merlot 1988-1990 ai macerati estremi

Letture: 3121
Stanko Radikon
Stanko Radikon (Foto Mauro Fermariello)

Stanko Radikon è scomparso. Conosciuto nel mondo vitivinicolo grazie ai sui macerati estremi su cui si fondò prima l’amicizia e poi il dualismo con Gravner, ha sicuramente contribuito a rafforzare l’idea rurale del vino.
“Quasi un neo paganesimo – ci dice Daniele Cernilli – sul rapporto tra l’acino, il grappolo e il risultato in bottiglia ottenuto con le anfore. Uno stile forte, un carattere difficile, ma sicuramente uno dei più grandi viticoltori italiani di sempre”.

Il suo esordio, e la sua fama, ce lo ricorda proprio Daniele, è però con i rossi. I suoi Merlot 1988 e 1990 dimostrarono che in Friuli era possibile anche fare grandi vini da uva a bacca rossa ottenendo il plauso della critica italiana e mondiale.

I suoi vini bianchi hanno uno stile inconfondibile e ben si fondono, paradossalmente, con la cucina di ricerca a cui tanti giovani cuochi stanno approdando.

L’Italia perde un grande personaggio, l’Edoardo Valentini del Nord. Ma i suoi vini resteranno, siatene certi, sinché berremo.

Un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>