Clelia Fiano di Avellino 2018 docg, Colli di Lapio Azienda Romano Clelia, altri descrittivi

8/3/2021 1 MILA
Clelia - Fiano di Avellino 2018, Colli di Lapio
Clelia – Fiano di Avellino 2018, Colli di Lapio

di Marco Galetti

La strada dei ricordi è tutta in discesa, come Clelia, anche il suo era un nome bellissimo e inconsueto…. (continua***)

 

Una bottiglia è e diventa importante per molteplici motivi.

Per il valore innegabile del vino al suo interno, come questa.

Per il fatto che sia stata prodotta in pochi esemplari in modo esemplare, come questa.

Perché la richiesta è superiore all’offerta, perché non viene offerta ad un prezzo contenuto e il suo contenuto lascia a bocca aperta una volta aperta.

Molto spesso capita che vista, olfatto e gusto siano appagati e che i descrittivi siano ripagati dopo lo stappo, ma non tutte le bottiglie, evidentemente, possono avere il valore aggiunto, come questa, di aver evocato ricordi  che credevo sbiaditi e dimenticati in fondo ad un cassetto, il che, insieme al fatto di averla ricevuta in dono da un amico la rende speciale.

Ma andiamo per gradi, quattordici, per ognuna del migliaio del progetto “Clelia” prodotte dall’Azienda Vitivinicola di Colli di Lapio, queste, in proposito le parole che mi ha mandato Carmela, la figlia di Clelia:

“Clelia un progetto nato da un forte desiderio di coniugare le diverse generazioni che si sono susseguite in cantina, la Vigna destinata al progetto è la particella n.349 a 620 S.L.M. la più alta dell’areale Fiano di Avellino D.O.C.G. Arianello-Lapio.

Prodotto ottenuto da una vendemmia manuale, tardiva con leggero appassimento di uve su pianta, il periodo di raccolta è la prima decade di novembre, in seguito alla prima brina autunnale, infatti in famiglia nel passato la raccolta si svolgeva quando gli acini delle uve tendevano ad assumere un colore quasi ramato.

Queste uve giunte in cantina vengono diraspate, lievemente pressate ed il cui cuore viene messo in fermentazione a temperatura controllata, il vino ottenuto fa un lungo affinamento sulle fecce nobili in modo da esaltarne le caratteristiche territoriali, imbottigliato, prima della successiva vendemmia, affina ulteriormente dodici mesi in vetro.”

Fiano di Avellino 2018, Colli di Lapio
Fiano di Avellino 2018, Colli di Lapio

Fiano di Avellino 2018, Colli di Lapio,  controetichetta di Clelia e l’ombra che si palesa di Leila…

***…come Clelia, anche il suo era un nome bellissimo e inconsueto….

 

I raggi  luminosi e obliqui, di un sole di inizio primavera milanese, colpivano i cristalli dell’autobus che mi stava portando al liceo, mentre con la testa “vagavo solitario come una nuvola”, ancora non sapevo che avrei portato alla prova di maturità scientifica asfodeli in versi, quelli di un poeta romantico del 1800, fino a quel momento a me sconosciuto.

Due fermate dopo la vidi, bella come un narciso, un fiore delicato con un abitino bianco

macchiato qua e là di giallo paglia con riflessi luminosi  e di piccole sfumature verdi.

Salì e si affacciò anche lei, con grande finezza per una giovane liceale, ai cristalli dell’autobus, era disinvolta, floreale, a quel tempo delle mele profumava come una mela verde, senza toni dolci, era fresca.

Guardando i suoi occhi nocciola, mi persi, forse percepii un leggero profumo di nocciola tostata insieme a quello inebriante dei fiori freschi, avrei tanto voluto prenderla a piccoli morsi e a sorsi ma riuscii solo a chiederle: come ti chiami?

Leila, mi rispose.

Questo ricordo, se ben conservato in cantina, o meglio nel cassetto della memoria, anche dopo anni saprà darmi ancora grandi soddisfazioni…

In Francia dicono che nel vino si vede passare il cuore di un altro, io credo, piuttosto, si ritrovi una piccola parte di noi e del nostro cuore che avevamo perso lungo la strada della vita, grazie Clelia.

6 commenti

    Enrico Malgi

    Bravissimo e poetissimo Marco

    8 marzo 2021 - 09:33Rispondi

    marco contursi

    Apro l’articolo che parla di vino, pensando fosse farina del baffo furbo e invece……Non fa in tempo uno a distrarsi che un altro gli ruba il posto…… e se la volpe iniziasse a scrivere di donne e risotti? certo, potresti allora tu inizare a praticare il telefonino nel post prandiale….. e lui iniziare ad essere o pat e Richard Gere……. e tu a tracannare passiti come se non ci fosse un domani…..e lui allora invitarmi a un bagno alla scogliera e un gelato sulla spiaggia…….e tu poi…….e lui allora…….e io non ci capirei più nulla. Ognuno è Mast nel mestiere suo. La vita già mi confonde alquanto.

    8 marzo 2021 - 10:11Rispondi

    Mondelli Francesco

    Gran bel regalo dal “freddo e nordico Marco”nel giorno della loro festa alle donne di Colli di Lapio cominciando da Clelia che a questa bella avventura diede inizio mettendoci corpo anima e determinazione passando per Carmela il jolly di famiglia tra vigne e cantina e continuando con la piccola Clelia per guardare con fiducia al futuro avendo già messo mani nel “mosto”disegnando l’etichetta con penna ad inchiostro.Nel mio piccolo farò anch’io la mia parte stappando un Clelia per le donne di famiglia che amano le gioie della tavola ed il buon vino abbracciando un caro amico che per ovvie ragioni oggi non è vicino FM

    8 marzo 2021 - 11:49Rispondi

    Marco Galetti

    @Din Don Dan, grazie

    8 marzo 2021 - 13:36Rispondi

    Antonio Prinzo

    Pezzo di poesia e vino, vino che è poesia
    Grazie Marco

    8 marzo 2021 - 22:32Rispondi

    Simo

    Quadro perfetto. È un viaggio Eno gastronomico culturale il tuo che ti dipingi con pennellate eleganti. È un piacere leggerti. Tutto scorre fluentemente come il buon vino.

    9 marzo 2021 - 23:08Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.