50 top pizza 2017: chi sta al 150°, al 149° e al 148°? Oggi inizia il conto alla rovescia

26/5/2017 7.3 MILA
50 Top Pizza
50 Top Pizza

Parte da Roma Road to Naples 2017. La strada, che porterà a scoprire le migliore pizzerie del mondo.
Dopo la presentazione di Roma nel corso della quale  sono state svelate le 350 pizzerie che sono state selezionate e visitate in anonimato e che occupano ufficialmente tutte il 151° posto oggi parte il conto alla rovescia della classifica delle pizzerie italiane. Nel corso della giornata saranno svelate le posizioni 150, 149 e 148. Così ogni giorno.

Guardatele sul sito www.50toppizza.com

La presentazione all'Open Colonna
La presentazione all’Open Colonna

Il 30 giugno a New York saranno presentate le candidature della sezione internazionale. Sette stili di pizza differenti, divisi in 5 continenti, oltre alla migliore pizzeria di stile napoletano fuori dall’Italia.

Infine il 20 luglio a Napoli, capitale nel mondo di questa preparazione, nei magnifici saloni di Castel dell’Ovo e in diretta Streaming l’assegnazione del primi 50 posti e dei premi speciali. Una lunga cavalcata che nell’arco di due mesi ci porterà a scoprire il meglio della pizza in giro per il mondo, tenendo sempre ben presente che le pizzerie italiane  giocano un vero e proprio campionato del mondo.

Assegnati ieri i primi tre premi. Eccoli

Premio a Isabella De Cham
Premio a Isabella De Cham
Forno Roscioli
Il premio a Roscioli
Premio a Gianfranco Iervolino
Premio a Gianfranco Iervolino

La pizza in Italia, con Napoli capitale, rappresenta il fulcro mondiale del movimento legato a questa preparazione,  come l’NBA per il basket, non solo per la bravura degli artigiani, ma anche perchè l’Italia è il “Paese dei prodotti” di questa preparazione.

Presentazione 50 Top Pizza

L’ideazione e l’organizzazione sono di Luciano Pignataro wineblogLSDM, che trattano da anni l’argomento «pizza» e sono punti di riferimento nella comunicazione del vasto panorama delle pizzerie, dei pizzaioli e degli ingredienti simbolo. L’editore del progetto sarà il gruppo Formamentis, i curatori sono Barbara Guerra, Luciano Pignataro e Albert Sapere 

 

Un commento

    luca

    (26 maggio 2017 - 19:04)

    Ho un’alt(r)a concezione della grande pizza classica napoletana che conosco meglio di tanti food blogger.

    Non dominata dal marketing.

I commenti sono chiusi.