L’addio di Enzo Caldarelli, il critico gastronomico muore in un grande ristorante

8/6/2022 10.3 MILA

Stanotte è morto Enzo Caldarelli, il più ardito, il più visionario, il più estremista dei critici gastronomici che abbia conosciuto. Se ne è andato improvvisamente mentre stava al Don Alfonso dove si era recato per un appuntamento con un giornalista straniero.
Il ristorante era chiuso per riposo, per questo si era fatto portare qualcosa da mangiare in camera, ma si è sentito subito male senza riuscire a toccare nulla. Tutto il personale del Don Alfonso si è mobilitato, la struttura è anche dotata di un defibrillatore ma il medico, prontamente arrivato, non ha potuto che constatare il decesso per morte naturale: il fisico di Enzo, provato da altre patologie, ha ceduto proprio in uno dei luoghi da lui più amato.

I critici digitali dell’ultima ora sicuramente non lo conoscono perché  Caldarelli appartiene ad un altra era geologica, schierato con Santi Santamaria nelle polemiche contro la cucina molecolare di Adrià, aveva organizzato Stravaganze Mediterranee al Quisisana a Capri e poi allo stesso Don Alfonso alla fine degli anni ’90, il primo vero congresso gastronomico italiano. Essere all’avanguardia per lui significava ritornare alla purezza della materia prima, schierato contro l’eccessivo tecnicismo e contrario alla esaltazione estetica dei piatti. Nel corso degli anni i suoi interessi avevano attraversato l’arte e la filosofia senza mai perdere di vista la gastronomia e la sua posizione si era radicalizzata sempre di più.

“Dobbiamo tornare alle origini – ha dichiarato in una intervista un anno fa –  La cucina di oggi ha perso la sua etica. Purtroppo per molti personaggi famosi è più conveniente e semplice produrre bellezza visiva con belle creazioni fotografiche per i social media, invece di creare una cucina buona e sana per il consumatore. Spesso nei ristoranti delle celebrità i piatti sono deludenti; non ci sono profumi, gli ingredienti sono quasi sempre poveri o mediocri, le basi sono fatte senza rigore. L’estetica è più attentamente considerata. Siamo nell’epoca dei falsi e delle falsificazioni, delle fake news”.

E, ancora: “Un esempio di falsificazione è dire di usare prodotti naturali, e aiutare gli agricoltori e i piccoli produttori. In realtà, gli acquisti si fanno per telefono e non al mercato; i prodotti sono figli dell’industria alimentare cattiva e hanno ben poco a che vedere con la salute e la naturalità. Nel campo alimentare, invece, c’è una mancanza di trasparenza nell’etichettatura e nei messaggi di comunicazione. Ma siccome mi preoccupo di mangiare sano, direi che la prima contraffazione, anche se non è la più grave, viene dalla cattiva industria alimentare, dalla perdita del rapporto diretto con la natura e con il sapere artigianale”.

Il suo cuoco preferito è sempre stato Rocco Iannone, ma fu lui a capire per primo le qualità di un giovanissimo Francesco Sposito  consigliandolo a Passard e poi a Igles Corelli.

Personaggio di grandissima intelligenza, dalle mille e incredibili relazioni internazionali, ma al tempo stesso impenetrabile e assai poco propenso alla luce della ribalta. Un esempio tipico di intellettuale del ‘900, chiamato a raccontare la crisi più che a dare una risposta alla crisi.

Il suo addio è stato un coup de théâtre assolutamente aderente al suo personaggio. Impossibile dire se lo abbia in qualche modo desiderato o premonito, quel che è certo è che ha lasciato un mondo ormai troppo commerciale per un vero avanguardista come lui. Aveva capito che oggi per stare avanti bisogna camminare all’indietro.

11 commenti

    bruno soviero

    Bellissimo, commovente “epitaffio”. Molti” apprendisti stregoni ” della critica gastronomica, alcuni, purtroppo, anche di questo blog ,dovrebbero fare tesoro delle lezioni di coraggio di questo intellettuale anticonformista e discreto.

    8 Giugno 2022 - 22:41Rispondi

    Maurizio DiMaggio

    Ho viaggiato con Enzo… A Capri, Londra, Barcellona, Algarve, Ravello. Non dimenticherò lui e i suoi ragionamenti su Etica ed Estetica in tavola. É stato grande nel suo genere. Da lui ho imparato molte cose, per esempio come uscire di scena con stile e con un coup de teatre da maestro… Come ha appena fatto lui… Ti ringrazio, amico mio.

    9 Giugno 2022 - 00:01Rispondi

    Giulio Santillo

    R.I.P. Enzo

    9 Giugno 2022 - 01:41Rispondi

    Susy Del Giudice

    Ciao Enzo. Grazie per i tuoi mille consigli. Ricorderò per sempre le nostre lunghe telefonate, le scorpacciate di zenzero, l’acqua calda alle nostre cene per assaporare fino in fondo ogni pietanza, le risate a denti stretti, quelle ci piacevano tanto…addio amico caro.

    9 Giugno 2022 - 01:45Rispondi

    Giuseppe Rossi

    Grande personaggio, pensiero enigmatico, un sognatore e avanguardista, con lui ho organizzato a Al Quisisana di Capri “stravaganza mediterranea” uno degli eventi più esclusivi dedicati alla gastronomia, arte e moda! Una manifestazione di successi nella quali pochi avrebbero scommesso della sua riuscita! R.I.P. Caro Enzo avevi proprio ragione!!!

    9 Giugno 2022 - 08:03Rispondi

    Luigi Ariemma

    Con Enzo ci conoscevamo dai primissimi anni 90, dai miei tempi a RDS. Una persona generosa che non dimentica mai gli amici. Così mi piace ricordarlo in questo triste momento. Ciao amico!

    9 Giugno 2022 - 09:36Rispondi

    armando

    Caro Enzo
    sei andato via senza che ti abbia salutato. Amarezza da una parte e bei ricordi dall’altra per aver avuto la possibilità di conoscerti nel privato ed averti ascoltato….eri molto avanti. Abbiamo parlato tanto, eri sempre pronto a dare consigli, un giorno mi hai detto : Francesco è un talento lascialo andare! Ed è stato proprio così che è andata. Tante battaglie hai vinto, tante le amarezza ora sei libero, amico mio e grazie ancora da parte di tutti noi

    9 Giugno 2022 - 09:56Rispondi

    Maria Grazia Giaccio

    ADDIO FOLLE COMPAGNO AMICO MIO
    TI VIGLIO RICORDARE FRA II BANCHI DI SCUOLA DOVE
    LA TUA FOLLIA CONTAGIAVA NOI TUTTI

    9 Giugno 2022 - 10:34Rispondi

    Luca Rizzelli

    Ho avuto il privilegio di assistere Enzo nell’organizzazione dei suoi convegni internazionali. Mi veniva spesso a trovare in agenzia e sovente ci concedeva o qualche pranzo fugace. Sono attonito e contrito per la sua prematura scomparsa. Mancherai Enzo a tutti quelli che hanno avuto la fortuna di incrociare il tuo cammino. Un abbraccio.

    9 Giugno 2022 - 21:10Rispondi

    Gioacchino cuorvo

    COME LUI PIU NESSUNO R.I.P.

    10 Giugno 2022 - 09:07Rispondi

    Michele

    Ciao amico mio , resterai sempre nei pensieri di chi come me ha avuto il privilegio di conoscerti e di partecipare alle tue kermesse , non ultima quella di Ravello . Non doveva andare così !!! Riposa in pace ❤️? ciao Enzo

    10 Giugno 2022 - 20:54Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.