Aglianico del Vulture 2012 doc Martino

4/9/2018 817
Aglianico del Vulture Martino
Aglianico del Vulture Martino

Fa certo un po’ sorridere la continua esibizione di bottiglie sui social, ma in fondo che male c’è? Nessuno, però ci piacerebbe tanto che l’attenzione fosse puntata su tutto il mondo del vino e che uno scatto sia soprattutto l’immagine di qualcosa da trasmettere e non solo una sorta di trofeo per dimostrare quando si è fighi. Per esempio, trovate mai foto di vini base?

Eppure sono l’asse portante di tutto il sistema, basta entrare in un supermercato per rendersene conto, e possono regalare grandissime soddisfazioni. Quando parliamo di Aglianico poi, davvero non c’è partita come è capitato a me questa estate su un piatto di fusilli con cacioricotta di capra di cui si è bevuto un Aglianico del Vulture di Armando Martino.

L’anno? 2012! Certo non era complesso ed emozionante, ma perfetto e soprattutto allegra compagnia in cui il gesto del bere diventa semplice quanto quello del mangiare.

www.martinovini.com
Rionero in Vulture

 

Un commento

    Francesco Mondelli

    (4 settembre 2018 - 10:42)

    Nel bene o nel male il futuro del vino inevitabilmente deve passare per la grande distribuzione dove entro di rado sempre senza supponenza ma con vigile attenzione a tutto ciò che propone.Ultimo acquisto un Müller Thurgau della Cavit (cooperativa trentina tra le più grandi d’Italia se non propio la maggiore dirimpettaia di Ferrari in quel di Trento)in offerta a meno di quattro euro che dopo quattro giorni dall’apertura dava ancora sensazioni piacevolmente profumate e fruttate.

I commenti sono chiusi.