Aglianico a Roma: 17-18 febbraio. Il programma e le aziende presenti

18/2/2018 9 MILA

 

Aglianico a Roma
Aglianico a Roma

Per la prima volta a Roma, all’interno delle sale del Radisson Blu Hotel di Roma, attraverso banchi di assaggio e seminari tematici, operatori e appassionati di tutto il mondo potranno scoprire e degustare una delle eccellenze vinicole italiane: l’Aglianico.

Le origini dell’Aglianico sono antichissime, sembra infatti che sia stato introdotto in Italia dai Greci intorno al VII secolo a.C. Non ci sono certezze sulle origini del nome, che potrebbero risalire all’antica città di Elea (Eleanico), sulla costa tirrenica della Campania, o essere più semplicemente una storpiatura della parola Ellenico. Testimonianze storico-letterarie sulla presenza di questo vitigno si trovano in Orazio, che cantò le qualità della sua terra natia Venosa e del suo ottimo vino. Secondo altri, il nome (Elleanico o Ellenico) divenne Aglianico durante la dominazione aragonese nel corso del XV secolo, a causa della doppia “L” pronunciata “gli” nell’uso fonetico spagnolo.

Il vitigno a bacca rossa Aglianico da sempre produce alcuni tra i migliori vini rossi del sud Italia dove ha trovato i migliori terroir in cui esprimersi, e in modo particolare in Campania dove si producono due DOGG (Taurasi e Aglianico del Taburno) e in Basilicata, sui terreni vulcanici del monte Vulture, dove viene prodotto l’Aglianico del Vulture DOCG.

Sabato 17 febbraio, dalle 14 alle 19, e domenica 18 febbraio 2018, dalle 12 alle 19, la manifestazione “Aglianico a Roma” permetterà a tutti di degustare oltre 100 vini presentati da 38 aziende provenienti dai più vocati territori d’elezione come Terra di Lavoro, Taurasi, Taburno, Cilento, Vulture anche se non mancheranno sorprese da altri terroir meno conosciuti.

Due i seminari in programma sabato 17 mentre domenica 18, oltre ad una imperdibile verticale di Taurasi, avremo l’onore di ospitare la presentazione dell’ultimo libro di Luigi Moio (professore ordinario di Enologia all’Università degli Studi di Napoli Federico II).

Programma sabato 17 febbraio

Ore 14.00 – Apertura banchi di assaggio

Ore 14.30 – Seminario a cura di Luciano Pignataro e Marco Cum: “I Territori dell’Aglianico – doppia orizzontale 2011/2013” con Fortunato Sebastiano e Gennaro Reale (VignaViva Agroenologia). In degustazione alcune tra le zone di maggior diffusione dell’aglianico, lette attraverso i vini prodotti in due annate molto diverse tra loro dal punto di vista climatico. Saranno presenti i vini di: Mustilli per il Sannio, Villa Raiano e Tenuta Cavalier Pepe per l’Irpinia, Casa di Baal per le colline salernitane, Musto Carmelitano e Tenuta I Gelsi per il Vulture. Prenotazione Obbligatoria.

 

Ore 17:00 – Seminario a cura di Luciano Pignataro e Andrea Petrini: Verticale storica Aglianico del Taburno Riserva DOC “Vigna Cataratte” Azienda Agricola Fontanavecchia”. Assieme a Libero Rillo e con la ripercorreremo la storia di questa azienda famigliare attraverso la verticale di uno dei vini più rappresentativi del Sannio .Annate in degustazione: 1997 – 1999 – 2000 – 2001 – 2005 – 2006 – 2008 – 2009. Prenotazione obbligatoria.

Ore 19:00 – Chiusura banchi di assaggio

Programma domenica 18 febbraio

Ore 12.00 – Apertura banchi di assaggio

Ore 12.30 – Luigi Moio presenta “Il Respiro del Vino” (Mondadori). Colloquio con Luciano Pignataro. Entrata gratuita.

Ore 16:00 – Seminario a cura di Luciano Pignataro e Marco Cum: Verticale storica Taurasi “Contrade di Taurasi”. La storia di questa piccola azienda famigliare sarà ripercorsa attraverso la degustazione di vecchie annate del loro Taurasi che terminerà con la comparazione dei due Cru aziendali ovvero il “Vigne d’Alto” 2011 e il “Coste” 2011. Annate in degustazione: Taurasi 1999 – Taurasi 2001 – Taurasi 2004 – Taurasi 2010 – Taurasi “Vigne d’Alto 2011- Taurasi “Coste” 2011. Prenotazione obbligatoria.

Ore 19:00 – Chiusura banchi di assaggio

Aziende presenti alla manifestazione

Antico Castello

Cantina Il Passo

Cantine del Notaio

Cantine Re Manfredi

Cantine di Venosa

Cantine Strapellum

Casa di Baal

La Guardiense

Contrade di Taurasi

Donnachiara

Fattoria Albamarina

Feudi di San Gregorio

Fontanavecchia

Francesco Radino

Generazione Vulture

Elena Fucci

Basilisco

Bisceglia Winery

Carbone vini

Grifalco

Musto Carmelitano

Il Cancelliere

La Cantina di Enza

Macchie Santa Maria

Michele Laluce

Mier Vini

Mila Vuolo

Nifo Sarrapocchiello

Paternoster

Rossovermiglio

San Salvatore 1988

Tenuta Cavalier Pepe

Tenuta I Gelsi

Tenuta Scuotto

Tormaresca

Villa Matilde

Villa Raiano

Viticoltori De Conciliis

Ospiti food: Azienda Agricola “Il Poggio del Picchio” – Produzione e Vendita di Marmellate e Confetture Artigianali senza addensanti, coloranti e conservanti.

Modalità di acquisto dei biglietti di entrata

Ingresso alla manifestazione (non occorre prenotazione): costo 20€

Convenzioni

Sommelier: 15€ (previa dimostrazione con tesserino valido anno corrente)

Soci Riserva Grande 15€

 

Acquisto Seminari (iscrizione obbligatoria: [email protected])

 

Seminario “I territori dell’Aglianico”: 40€

Seminario “Verticale storica Vigna Cataratte Fontanavecchia”: 40€

Seminario “Verticale storica Taurasi Contrade di Taurasi”: 40€

Acquisto due seminari: 70€

Acquisto tre seminari: 90€

 

Sabato 17 febbraio ore 14:30: “I territori dell’Aglianico”

Quali sono in Italia i territori dove il vitigno aglianico si esprime ai massimi livelli? Ci sono differenze tra un territorio e un altro? Se sì, quali? Tutte le risposte le troverete all’interno di questo seminario didattico dove Fortunato Sebastiano e Gennaro Reale (VignaViva Agroenologia), assieme a Luciano Pignataro e Marco Cum, cercheranno di delineare le linee guida sui territori di questo grande vino rosso italiano che sarà letto attraverso i vini prodotti in due annate molto diverse tra loro dal punto di vista climatico.In degustazione saranno presenti i vini di: Mustilli per il Sannio, Villa Raiano e Tenuta Cavalier Pepe per l’Irpinia, Casa di Baal per le colline salernitane, Musto Carmelitano e Tenuta I Gelsi per il Vulture. Prenotazione Obbligatoria.

Sabato 17 febbraio ore 17:00: “Verticale storica Aglianico del Taburno “Vigna Cataratte” Azienda Agricola Fontanavecchia”

Con coraggio contadino e incondizionata dedizione, Orazio e Libero Rillo coltivano i propri vigneti, che sono ben esposti e appollaiati su una silenziosa collina del beneventano. Siamo per la precisione nel territorio del comune di Torrecuso, ed è qui che si trovano i diciotto ettari vitati che rispondo al nome di “Fontanavecchia”, cantina ormai storica e di lunga tradizione, appartenente al panorama vitivinicolo del Sannio. Assieme a Luciano Pignataro, Libero Rillo e con la partecipazione di Andrea Petrini ripercorreremo la storia di questa azienda famigliare attraverso la verticale di uno dei vini più rappresentativi del territorio ovvero l’Aglianico del Taburno Riserva DOC “Vigna Cataratte”.

Annate in degustazione: 1997 – 1999 – 2000 – 2001 – 2005 – 2006 – 2008 – 2009. Prenotazione obbligatoria.

Domenica 18 febbraio ore 12.30: Luigi Moio presenta “Il Respiro del Vino” (Mondadori). Colloquio con Luciano Pignataro.

Come percepiamo gli odori? Da dove nasce quella parte invisibile del vino che dà origine al suo profumo? Com’è organizzato il profumo del vino? Perché è possibile distinguere i vini in “solisti” e “orchestrali”? Quali sono gli odori che ci permettono di riconoscere un vino? Che cosa succede al profumo del vino con lo scorrere degli anni?

A queste e a molte altre domande Luigi Moio risponde con chiarezza nel libro edito da Mondadori “Il Respiro del vino” (504 pagine, € 26,00) che verrà presentato presso il Radisson Blu Hotel durante la manifestazione Aglianico a Roma con la presenza di Luciano Pignataro. Entrata gratuita.

Domenica 18 febbraio ore 16.00: Verticale storica Taurasi “Contrade di Taurasi”

Da secoli operante nel settore agricolo, negli ultimi tre decenni la famiglia Lonardo concentra ogni sforzo nella coltura tradizionale della vite e nella sperimentazione di cantina. Nasce nel 1998 il marchio “Contrade di Taurasi”, la cui filosofia aziendale si basa su princìpi chiari ed imprescindibili:

– Utilizzare materie prime provenienti esclusivamente dai vigneti aziendali;

– Sperimentare nuove tecniche agronomiche ed enologiche nel rispetto della tradizione;

– Ottimizzare i processi di produzione al fine di raggiungere un giusto rapporto di prezzo qualità;

– Utilizzare lieviti autoctoni per esaltare le caratteristiche organolettiche tipiche del vino.

Assieme a Luciano Pignataro, con la collaborazione di Marco Cum, ripercorreremo la storia di questa piccola azienda famigliare attraverso la verticale storica del loro Taurasi che terminerà con la comparazione dei due Cru aziendali ovvero il “Vigne d’Alto” 2011 e il “Coste” 2011.

Annate in degustazione: Taurasi 1999 – Taurasi 2001 – Taurasi 2004 – Taurasi 2010 – Taurasi “Vigne d’Alto 2011- Taurasi “Coste” 2011. Prenotazione obbligatoria.

 

Acquisto Seminari (iscrizione obbligatoria): [email protected]

Seminario “I territori dell’Aglianico”: 40€
Seminario “Verticale storica Aglianico del Taburno “Vigna Cataratte” Azienda Agricola Fontanavecchia: 40€
Seminario “Verticale storica Taurasi Contrade di Taurasi”: 40€
Acquisto due seminari: 70€
Acquisto tre seminari: 90€

L’acquisto di almeno un seminario include l’ingresso gratuito alla manifestazione del valore di 20€

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *