Alla Via di Mezzo: la cucina di sostanza di Giorgione a Montefalco

3/7/2019 3.3 MILA
Giorgio Barchiesi
Giorgio Barchiesi

di Floriana Barone
Il menu è fisso e a sorpresa, cambia ogni giorno e segue la filosofia del “chilometro buono”: la cucina di sostanza è la vera protagonista del ristorante Alla Via di Mezzo di Giorgione, situato nel cuore di Montefalco. È il regno di  Giorgio Barchiesi, che tutti conoscono come “Giorgione”, romano di nascita, ma umbro d’adozione: ex allevatore di bestiame nella sua azienda vinicola di Montefalco, presentatore televisivo, scrittore, gastronomo e ristoratore.

Alla Via di Mezzo - un angolo della sala dedicato al vino
Alla Via di Mezzo – un angolo della sala dedicato al vino

Ha inaugurato il suo primo ristorante 12 anni fa a Torre del Colle, un piccolo borgo medievale nei pressi di Bevagna: Giorgione è rimasto lì per 5 anni e, dopo un anno di stop, ha aperto a Montefalco, a via Santa Chiara, in un locale che all’origine era un antico frantoio, risalente al XIV secolo.

Alla Via di Mezzo può ospitare tra i 160 e i 180 coperti: per trovare posto nel fine settimana è indispensabile prenotare con largo anticipo. L’ambiente è informale e rustico, ma allo stesso tempo, curato e accogliente, con elementi che riprendono lo stile di una casa di campagna. Una particolare attenzione è dedicata al carrello dell’olio extravergine d’oliva, ricco di bottiglie: dalla Liguria alla Sicilia. In cucina si utilizzano tre tipi di olio evo: non a caso Giorgio considera questo ingrediente base dell’alimentazione e il suo ristorante fa parte dell’Associazione Internazionale Ristoranti dell’olio.

Alla Via di Mezzo - carrello dell'olio evo
Alla Via di Mezzo – carrello dell’olio evo

Giorgione  crede fortemente nella filosofia del chilometro buono: gira spesso l’Italia e l’Europa alla ricerca del prodotto migliore. La verdura, come anche i polli, i capponi, le anatre e le oche arrivano invece dalle campagne intorno a Montefalco: tutte le carni sono di filiera certificata.

Dietro i fornelli de La Via di Mezzo lavorano un cuoco e due collaboratori: le proposte sono semplici e gustose e le cotture sono molto lunghe. Qui si prediligono ricette oggi cadute in disuso per mancanza di tempo: la cucina di Giorgione è sempice, concreta, di sostanza, ma ben bilanciata e mai pesante. Le porzioni sono generose e il servizio è veloce e cortese.

Sui dolci l’impronta è tradizionale: alcune antiche ricette arrivano anche dal vicino Monastero di Clausura di S. Chiara della Croce, come la torta di ricotta, mandorle e limone.

Il menu è uguale per tutti e cambia ogni giorno in base alla stagionalità dei prodotti: il costo è di 30€, bevande escluse. Antipasto a buffet, due primi, due secondi, due contorni, tris di dolci e caffè. Per i bambini, invece, si spende 10€ fino a 5 anni e 15€ dai 5 ai 10 anni. Ma la carta offre anche alcuni fuori menu, come la Fiorentina di 800 gr. circa (26€) o l’entrecote di 200 gr (16€).

Gli antipasti sono disposti in una sala a parte: gli ospiti possono scegliere tra diverse pietanze, come la lingua di vitello, la pappa al pomodoro, la frittata al tartufo, vari tipi di salumi, insalata di ceci, olive, insalata di farro, caciotta al peperoncino o una caciotta mista al tartufo marchigiana.

Alla Via di Mezzo - una parte degli antipasti
Alla Via di Mezzo – una parte degli antipasti
Alla Via di Mezzo - una selezione di formaggi
Alla Via di Mezzo – una selezione di formaggi

Può capitare di assaggiare un piatto di pasta condito con un ottimo ragù di maiale, le fettuccine fatte in casa con gorgonzola e zucchine, uno stinco di manzo cotto 8 ore, la quaglia e le patate al forno.

Alla Via di Mezzo - fettuccine fatte in casa gorgonzola e zucchine
Alla Via di Mezzo – fettuccine fatte in casa gorgonzola e zucchine
Alla Via di Mezzo - gramigna al ragu' di maiale
Alla Via di Mezzo – gramigna al ragu’ di maiale
Alla Via di Mezzo - stinco di manzo
Alla Via di Mezzo – stinco di manzo
Alla Via di Mezzo - quaglia al forno
Alla Via di Mezzo – quaglia al forno

Si conclude con un tris di dolcetti all’insegna della tradizione: torta ricotta, mandorle e limone, crostata di amaretti e arancia e brownie al cioccolato.

Alla Via di Mezzo - tris di dolci
Alla Via di Mezzo – tris di dolci

La carta dei vini è snella e valorizza in particolare le cantine locali: comprende oltre 40 etichette, con una prevalenza di rossi, oltre a due bollicine e due vini da dessert, come Alte Rocche Bianche, qualche birra artigianale, tra cui quelle del Birrificio Perugini. Giorgione ha inserito 4 cantine di zona, come Antonelli biologica, Colle Ciocco, Calcabrina Fattoria Biodinamica e Romanelli di Montefalco e qualche bottiglia alto atesina, ma anche il vino della casa (bianco, rosso e rosè IGT) è ottimo e arriva sempre da un’azienda di zona.

Ristorante Alla Via di Mezzo da Giorgione
Via di santa Chiara di Montefalco, 52

06036 Montefalco (PG)
Tel. 0742/362074
www.ristoranteallaviadimezzo.it
[email protected]
Facebook

Prenotazione esclusivamente telefonica dal mercoledì al sabato dopo le 17:00
Lunedì e martedì chiuso; mercoledì dalle 20:00 alle 24:00; venerdì e sabato dalle 13:00 alle 16:00 e dalle 20:00 alle 24:00; domenica 13:00 alle 16:00

 

Un commento

    lucab

    Commento qui anche la Trattoria La Vinaigrette di Gallipoli.
    __
    “LA CUCINA DI SOSTANZA”
    __
    Dall’articolo:
    “Le proposte sono semplici e gustose e le cotture sono molto lunghe.
    Qui si prediligono ricette oggi cadute in disuso per mancanza di tempo:

    LA CUCINA di Giorgione è
    SEMPLICE,
    CONCRETA,
    DI SOSTANZA,
    ma ben bilanciata e mai pesante.

    Le PORZIONI SONO GENEROSE e il servizio è veloce e cortese.

    Sui DOLCI l’impronta è tradizionale: alcune ANTICHE RICETTE arrivano anche dal vicino Monastero di Clausura di S. Chiara della Croce, come la torta di ricotta, mandorle e limone.

    PREZZO MENÙ
    Il menu è uguale per tutti e cambia ogni giorno in base alla stagionalità dei prodotti:

    il costo è di 30€, bevande escluse.

    Antipasto a buffet,
    due primi,
    due secondi,
    due contorni,
    tris di dolci e caffè.
    Per i bambini, invece, si spende 10€ fino a 5 anni e 15€ dai 5 ai 10 anni.
    __
    COMPLIMENTI E e CONGRATULAZIONI !
    __
    Ci hanno detto, ossessivamente, che per mangiare bene bisogna
    1 spendere molto e…
    2 mangiare poco:
    infatti, la maggior parte delle recensioni, sui food blog italiani, è piena di menù con porzioni striminzite e costi medio alti.
    Lo scandalo è che riguarda anche il mondo delle trattorie.

    Questa è, invece, un’ottima cucina con un Rapporto Qualità/Prezzo elevato.
    PS
    Scusate se non dedico un commento specifico ma vorrei, qui, abbinare le lodi alla Trattoria La Vinaigrette di Gallipoli che Enrico Malgi ha presentato due o tre giorni fa.
    Nella cucina di mare FRESCHEZZA e PREZZI sono i punti critici più delicati per il cliente che vuole mangiare pesce.
    Certo si può anche sbagliare una cottura(di una frittura, di un arrosto ecc…) ma il rischio più grande è che venga servito pesce non freschissimo e/o a prezzi alti.
    Ebbene, mi sembra che anche la trattoria di Gallipoli, segnalata da Enrico Malgi, abbia un ottimo Rapporto Q/P non molto diffuso nei ristoranti di mare.
    E volevo, semplicemente, ricordarlo qui.

    Commento anche la Trattoria La Vinaigrette di Gallipoli.
    __
    “LA CUCINA DI SOSTANZA”
    __
    Dall’articolo:
    “Le proposte sono semplici e gustose e le cotture sono molto lunghe.
    Qui si prediligono ricette oggi cadute in disuso per mancanza di tempo:

    LA CUCINA di Giorgione è SEMPLICE,
    CONCRETA,
    DI SOSTANZA,
    ma ben bilanciata e mai pesante.

    Le PORZIONI SONO GENEROSE e il servizio è veloce e cortese.

    Sui DOLCI l’impronta è tradizionale: alcune ANTICHE RICETTE arrivano anche dal vicino Monastero di Clausura di S. Chiara della Croce, come la torta di ricotta, mandorle e limone.

    PREZZO MENÙ
    Il menu è uguale per tutti e cambia ogni giorno in base alla stagionalità dei prodotti:

    il costo è di 30€, bevande escluse.

    Antipasto a buffet,
    due primi,
    due secondi,
    due contorni,
    tris di dolci e caffè.
    Per i bambini, invece, si spende 10€ fino a 5 anni e 15€ dai 5 ai 10 anni.
    __
    COMPLIMENTI E e CONGRATULAZIONI !

    Ci hanno detto, ossessivamente, che per mangiare bene bisogna
    1 spendere molto e…
    2 mangiare poco:
    infatti, la maggior parte delle recensioni, sui food blog italiani, è piena di menù con porzioni striminzite e costi medio alti.

    Questa è, invece, un’ottima cucina con un Rapporto Qualità/Prezzo elevato.

    PS
    Scusate se non dedico un commento specifico, ma vorrei, qui, abbinare le lodi alla Trattoria La Vinaigrette di Gallipoli che Enrico Malgi ha presentato due o tre giorni fa.
    Nella cucina di mare FRESCHEZZA e PREZZI sono i punti critici più delicati per il cliente che vuole mangiare pesce.
    Certo si può anche sbagliare una cottura(di una frittura, di un arrosto ecc…) ma il rischio più grande è che venga servito pesce non freschissimo e/o a prezzi alti.
    Ebbene, mi sembra che anche la trattoria di Gallipoli, segnalata da Enrico Malgi, abbia un ottimo Rapporto Q/P
    non molto diffuso nei ristoranti di mare,
    e volevo, semplicemente, ricordarlo qui.

    3 luglio 2019 - 11:36

I commenti sono chiusi.