Bechar 2003, bere il Fiano di Avellino e vivere la vita senza pregiudizi | Garantito igp

14/6/2018 969
Bechar 2003 Caggiano
Bechar 2003 Caggiano

Il pregiudizio è un meccanismo mentale simile ad una scorciatoia che non porta da nessuna parte. La imbocchiamo convinti di accorciarele distanze,  saltare faticosi apprendimenti e arrivare primi per poi trovarci di fronte ad un muro, il muro della non conoscenza.
Vale nella vita, vale anche nel vino.
Bechar 2003 bevuto alla cieca: uno Chardonnay? Un bourgogne? Ha dieci, quindi, vent’anni? Lo sentiamo e ci piace moltissimo grazie all’olfatto complesso in cui la frutta, agrumato di cedro, si fonde con note balsamich e spezie. Al palato sapido e fresco, di grande spessore, con un ritorno di quello che si è sentito al naso amplificato da note di idrocarburi.
L’esperienza mi butta a indovinare: un More Maiorum di Mastroberardino?
No, il Bechar di Caggiano 2003. Ed ecco allora le’lenco dei pregudizi che crolla dopo aver scoperto questa bottiglia.
Il primo, che non mi appartiene ma che è ancora molto diffuso nei luoghi comuni del consumatore medio, è che i bianchi vecchi, anche molto vecchi, non siano buoni da bere.
Il secondo, che non mi appartiene ma cheè declamato dagli enofighetti, è che il legno sia incompatible con un buon Fiano, o in genere con i bianchi.
Il terzo, mio personale, è che le piccole aziend especializzate in rosso non possano fare grandi bianchi e viceversa, soprattutto quando sono fuori zona. Ricordo che criticai Molettieri e Caggiano per la scelta di produrre Fiano di Avellino e Greco.
Il quarto, anche questo mio, è che da uve comprate è impossibile fare un buon vino. Anche qui sono stato smentito dal risultato.
Infine il quinto, che riguarda la 2003, annata caldissima, la più calda a memoria post metanolo. I fatti stanno dimostrando invece che nelle zone fredde è possibile beccare bei risultati.
Ecco allora quante cose può insegnare una semplice bevuta, spingere al protocollo più importante per un assaggiatore di vino oltre che nella vita: vivere e bere senza paraocchi fa bene a noi e a chi ci sta intorno.

www.cantinecaggiano.it

Un commento

    Francesco Mondelli

    (14 giugno 2018 - 22:01)

    Mi permetto di aggiungere un’altro pregiudizio quello verso la scienza in questo caso enologica quasi che il vino si faccia da se .Sappiamo tutti chi sta dietro a questa bottiglia cui non manca ne scienza ne conoscenza:figlia non del caso ma di un progetto ben articolato.FM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.