Tenuta Montelaura a Forino e i piaceri della carne: apre l’agri-braceria da non perdere

9/8/2020 8 MILA

Tenuta Montelaura a Forino

Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura, Luigi Tornatore con la mamma Flavia Pappalardo

Il piacere della carne a Tenuta Montelaura, lo storico agriturismo di Forino , di quelli veri, dove l’autoproduzione e l’autosostentamento è una regola, non una eccezione.
Rivista l’organizzazione interna del locale, con 90 posti interni e circa 50 all’esterno, vetrine per vini e birre di qualità (praticamente tutta l’Irpinia e tanta Campania), banco per i salumi e i formaggi delle migliori aziende dell’Irpinia, una bellissima e moderna brace e personale qualificato.
La svolta arriva con la decisione di Luigi Tornatore di condurre in prima persona, sostenuto dalla mamma Flavia in cucina, la bellissima Tenuta Montelaura di Forino, un parco di circa dieci ettari tra bosco, castagni, allevamento di polli, papere, asinelli, cavalli, agnelli e caprette con tanti di spazio per fare equitazione, la grande passione di Luigi.
Insomma un rifacimento del look di uno storico riferimento del buon mangiare e della cultura del cibo in Irpinia dove i salumi fatti in proprio, la coltivazione delle verdure e degli ortaggi di stagione, l’uccisione del maiale e la cultura delle conserve sono una regola.

Oggi su punta tutto sulla brace, con le carni locali fornite dal mitico Mario Laurino, i formaggi di Carmasciando, ma anche delle numerose aziende di formaggi e latticini della zona di Montella. Insomma, agli appassionati non mancano le possibilità di scelta. A vista anche i frigoriferi, come ormai si usa, di conservazione e frollatura delle carni.
Siamo a oltre 400 metri, alle falde del sistema collinare che delimita la provincia di Salerno (dal capoluogo, e dalla Costiera, non più do 30 minuti d’auto) e l’aria fresca è davvero piacevole d’estate mentre in inverno la sala fa tutt’uno con la proposta di carne e i vini rossi.
Il menu è molto semplice:un solo primo di pasta, gli zuzzeri fatti in casa con tre diverse proposte (pomodorino fresco e pecorino bagnolese, lardiati e verdure di stagione) preceduti da una batteria di antipasti (selezioni di formaggi, tagliere, patate di San Michele alla cenere), pomodori SanMarzano ripieni, fagiol fagiolo quarantino, insalata contadina e il fritto dei poveri, ossia la trippa e i ventricelli di pollo e tomacelle con salsa di peperoni). Varia la proposta di carne, dal T-bone di podolica alla costata di pezzata rossa, la costata di manzetta prussiana e frisona baltica, tagliata reale di Angus, costatine di agnello, stinco di maiale al girarrosto, gli hamburgher di propria produzione e infine anche le salsicce con patate rustiche.
A chiude contorni di stagione dell’orto di Montelaura, patate sabbiate al Greco di Tufo e melanzane all’aceto di Taurasi.
Grandissima materia prima insomma, tutta ben tracciata e di qualità.
Per il momento si parte aperti ogni sera dal venerdì alla domenica, gli altri giorni su prenotazione.
Da non dimenticare il servizio camere, se siete di passaggio o in vacanza.
L’ultima domanda: ma Lello Tornatore, il fondatore di Tenuta Montelaura a Forino, dove è andato?
Lo troverete nel retro a coltivare gerani e a bere gin tonic di nascosto :-)

Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura: Luigi Tortatore con la mamma Flavia e il team di sala e cucina
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura: la brace
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura: il banco dei salumi e dei formaggi
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura la sala
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura le carni in frollatura
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura, sul banco della brace
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura, lo stinco
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura, la verza
Tenuta Montelaura
Tenuta Montelaura

______________
REPORT del 31 maggio 2010

Lello Tornatore


Via Dei due Principati
www.tenutamontelaura.it
Tel. 0825 762500
Apertura: tutto l’anno, esclusivamente su prenotazione
Carte di credito: tutte
Lingue parlate: inglese
Posti letto: 30 in undici stanze

di Giancarlo Panseri

Prima di arrivare all’agriturismo dovete prima attraversare un lungo viale che contribuisce a rendere indimenticabile la struttura. La pietra viva domina incontrata dovunque, dal muretto esterno al rivestimento del palazzo, un edificio risalente ai primi del Novecento. Il nome richiama la posizione privilegiata in cui si trova la tenuta, proprio in mezzo a due montagne, il Monte Laura e il San Nicola. Gli interni, tutti in legno massello in arte povera, sono arricchiti da oggetti in rame e paglia. Camere accoglienti e dotate di tutti i confort.

Perchè sono andato alla tenuta Montelaura?
Lello mi accoglie all’ingresso, con la sua famiglia, la moglie Flavia ed i figli Veronica e Luigi. Lello  è un po’ come me lo aspettavo. Occhi belli, sani, ruvido il giusto come da montagnino, abbigliamento informale.

Maiale alle castagne

Bella, la tenuta, spazi amplissimi  camere fresche, animali tenuti correttamente. Nell’ampio parco botanico c’e una parte interessantissima con centinaia di piante di ogni specie. Lello viene dal settore vivaistico e si vede. Chi lo conosce bene viene ancora qui a comprarsi qualche pianta. E’ un agriturismo vero. Il maiale che mangeremo  è ‘il suo e cosi anche molte altre cose, coltivate e prodotte maison.
Le uova le ho fatte avere  il giro successivo, in altra zona l’azienda produce vino, fiano e aglianico.

I salumi fatti in proprio

Dunque, naturalmente il Lello e signora  esagerano: già belli preparati  davanti al tavolo ci stanno salumi e formaggi  che sfamerebbero un reggimento di miliziani affamati: fantastico il prosciutto tagliato al coltello, più dolce di quanto pensassi , pancetta e lardo da urlo , focaccette con coppa  e due salami ottimi ma li’ il palato  maffiano, molto nordico, apprezza meno.

Il carmasciano

I formaggi sono un notevolissimo CARMASCIANO e un CACIOCAVALLO PODOLICO DOP non banale, accompagnato da mostardine, confetture e miele di produzione propria.
Cesto di pane profumatissimo e di grande qualità e varietà: roba da tristellato !
Poi per  me è una sorpresa eccezionale la milza ripiena: sapori di una volta, ancestrali, immensamente forti, da contadini veri. Un cibo da quasi uomini delle caverne. Ne avrei mangiata un chilo. Che meraviglia !

La minestra maritata

Si chiacchiera e si beve amabilmente  al cospetto di una meravigliosa MINESTRA MARITATA qui evidentemente in  versione avellinese, con sapori piu’ ruvidi provienenti dalle parti povere del maiale, orecchie e piedini.

Gli zuzzeri

Poi gli ZUZZERI , una pasta di sola acqua e farina  con olio cipolla e timo, con quest’ultimo soverchiante.

I cicci di Santa Lucia

Magnifici CICCI DI SANTA LUCIA, fatti con legumi misti, mais e le fantastiche papaccelle ( o pupacchie  ad Avellino) insomma peperoni per gli altri italiani. Roba di ruvida classe!

Lingua in pomodoro e pappaccelle

Si prosegue con un semplice, perfettamente cotto e delizioso FILETTO DI MAIALE e poi ancora con LINGUA IN POMODORO e di nuovo pappacelle, lussuriosa.

Filetto di maiale

Si chiude  con una  TORTA CAPRESE , qui con nocciole della Tenuta con fonduta di cioccolata all’arancia.

caprese alla nocciola con fonduta di cioccolato, Tenuta Montelaura

Una abbuffata mica da ridere e di qualità non indifferente. Brava Flavia, veramente brava.
Qui abituata a numeri  ad abbondanti tre cifre ( mentre scrivo hanno duecento persone a pranzo ) si fa un baffo di cinque piattini famigliari, praticamente nemmeno il riscaldamento dei muscoli.
Considerazioni finali.
Invito tutti i turisti che scendono in Campania a sostare e fare da base per i  giri anche in costiera alla Tenuta Montelaura.
Il prezzo? Meno di trenta euro.

Tenuta Montelaura a Forino

7 commenti

    Lello Tornatore

    Egregio ed esimio benefattore, La ringrazio per la gentile recensione e per la premura che Ella riserva alla mia persona ed alla mia famiglia.
    Mi corre però l’obbligo di invitarLa a non associare più la mia persona a tal Occhetto, a me sconosciuto, il quale, sono sicuro, tutt’al più porterebbe una capello con vela 12 e non con vela 7 come la mia capigliatura da Lei citata.
    Colgo l’occasione per rinnovare a Lei e signora i sensi della mia stima, estesa sempre anche al caro notaio Tumbiolo in Lucca.

    31 maggio 2010 - 15:26Rispondi

      giancarlo maffi

      caro tornatore, LA prego di esprimersi con parole sue e di non fare un semplice copia-incolla di altrui e ben appropriate parole.

      tra l’altro parla di una mia eventuale signora che ,in tutta evidenza ,non esiste.

      di benefattori qui non ne esistono comunque , a parte quelle uova, costosissime di cui le ho fatto dono nella piu’ recente visita.

      di passata, ad un attento lettore , non sfuggirebbero i fior di complimenti nei confronti della sua signora e dei suoi figli, ma anche quelli veri ma certo meno entusiastici nei confronti della sua persona in senso stretto :-)

      31 maggio 2010 - 15:48Rispondi

    marco contursi

    Vedere il mio nome addirittura in una recensione del amabilissimo Maffi mi commuove e pazienza se vengo definito un tipaccio per il solo fatto di difendere i locali a basso prezzo e il DIRITTO dei comuni mortali come me di mangiare bene SENZA accendere un mutuo :-D Comunque ho sortito l’effetto voluto visto che leggo la recensione di una grande cucina alla portata di tutti.Mi dispiace solo di non esservi stato visto che tu caro Maffi non mi hai invitato quando ci sei stato.Avremmo avuto l’occasione di conoscerci e confrontarci davanti alle tante cose buone di cui leggo con l’acquolina in bocca.E’ almeno un mese che ti invito mio gradito ospite in una trattoria del territorio in cui vivo e in cui esplico la mia modesta figura di (inascoltato,intelligenti pauca…..magari!!!)fiduciario slow food e non accetti mai,se invitavi tu a me IO CORREVO(anche se pagavamo alla romana,30 euro posso ancora permettermeli :-)))))) ).Vabbè,ci andrò da solo o con il mio amico Birraio Simone che come me adora il maiale,anche perchè Lello ha accettato la mia sfida all’ultima pancetta e sono sicuro che con una persona gentile e preparata come lui si potrà organizzare qualcosa di bello insieme,magari proprio per divulgare il credo dei salumi con la S maiuscola,ormai sempre più rari.In quanto a te Maffi,il tipaccio Contursi ti ricorda che se vorrai unirti a noi alla nostra degustazione di pancette, magari con il tuo prestigioso sodale di tante cene,il notaio Tumbiolo, sei di sicuro il benvenuto. :-D

    31 maggio 2010 - 15:33Rispondi

      giancarlo maffi

      come si dice dalle mie parti abbiamo tirato su un coregone di 2 chili con un solo vermino :-))

      31 maggio 2010 - 15:51Rispondi

    Marco contursi

    Gran bella serata inaugurale tra amici, cibo vero e una carta dei vini interessantissima a prezzi da regalo. Io fossi in chi legge ci verrei…

    9 agosto 2020 - 18:50Rispondi

    Paolo

    in bocca al lupo tenuta montelaura

    10 agosto 2020 - 08:17Rispondi

    Enrico Malgi

    Il mitico Lello Tornatore rimane un grande personaggio, anche se ultimamente si è un poco defilato, lasciando più spazio alla sua famiglia, Ma lui è sempre un maestro e sa tirare bene le fila. Sempre in gamba caro Lello.

    10 agosto 2020 - 09:24Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.