Gennaro Esposito domina la scena in Campania per otto motivi fondamentali

29/12/2017 4.9 MILA
Torre del Saracino, Gennaro Esposito
Torre del Saracino, Gennaro Esposito

Gennaro Esposito -Torre del Saracino
Via Torretta, 9
80069 Vico Equense (Na)
Tel. 081.8028555
www.torredelsaracino.it

Non si può dire di aver mangiato in Campania senza essere stati da Gennaro Esposito che resta il ristorante più completo dal punto di vista gastronomico, tra i primi cinque per la cantina e tra i primi per il servizio in sala.
Lo conferma l’ultima cena che ho fatto insieme a due cari amici che avevano prenotato a loro nome. Un Gennaro con il volto febbricitante ci accoglie con una battuta: e pensare che non volevo scendere, poi mi sono deciso a farlo comunque.
Ecco, il primo motivo è questo: una dedizione assoluta al lavoro, totale, tutto il giorno tutti i giorni. Gennaro è uno che manca raramente dal suo ristorante e se è giusto non pretendere che il cuoco sia sempre presente al tempo stesso qualsiasi persona ragionevole dovrà ammettere che fare di tutto per esserci sempre, comprese folli corse notturne da un capo all’altro dell’Italia lungo l’autostrada, è un valore aggiunto assoluto.

Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Gelato di zucca su fagioli di Controne
Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Gelato di zucca su fagioli di Controne

Il secondo motivo è la padronanza tecnica. In quasi vent’anni di frequentazione mi ricordo di un solo piatto uscito male, un risotto un po’ troppo salato. Per il resto la perfezione tecnica dei piatti corrisponde a quella estetica in un crescendo ossessivo nel quale non si tralascia alcun particolare.

Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Amuse Bouche
Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Amuse Bouche

La terza ragione della superiorità di Gennarro Esposito è il rapporto con la materia. Certo non disdegna di usare prodotti lontani, ma dobbiamo anche dire che quasi tutta la sua narrazione parla di prodotti del territorio, uno dei più ricchi del mondo, non siamo in città, ma la sua capacità di portare nell’alta ristorazione il presce azzurro, cibi dei poveri come il tarallo, le verdure, uscendo al tempo stesso dalle preparazioni tradizionali è una continua antologia. Che distanza siderale dai cuochi, anzi dagli chef, che scelgono a catalogo e non sanno più dissossare e sfilettare! Il suo maialino, tanto per citare uno dei prodotti di lusso più omologati che circolano, ha un sapore della carne indimenticabile. Dunque il ragionamento riguarda l’opportunità di dare carattere al piatto senza omologarsi. Il piatto non parte dal catalogo, ma dal mercato.

Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Palamita leggermente affumicata con 'nduja e crema di tarallo di Agerola
Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Palamita leggermente affumicata con ‘nduja e crema di tarallo di Agerola

Fin qui sono motivi, come dire, oggettivi. Ma adesso dobbiamo aggiungere la fortissima creatività. Se fate una scorsa sui report che abbiamo scritto su Gennaro Esposito in questi anni trovate sempre piatti diversi, nuovi, innovativi, creativi, imitati come la mitica minestra di pasta mista con i pesci di scoglio e i risotti vari. La creatività è frutto dell’ingegno e dell’osservazione, del rapporto saldo con la tradizione e la capacità di assorbire quello che si vede in giro. C’è poco da fare, con Gennaro Esposito l’esaltazione dello stile orto-mare raggiunge i massimi risultati e ha influenzato moltissimi giovani cuochi del Sud. Se pensate che ci sono ristoranti d’autore che hanno sempre gli stessi piatti, la maggior parte copiati tra uno stage e l’altro, a cui non bisogna urlare altro che: noiaaaaaaaaa. Un buon ufficio stampa non regala creatività, ma opportunità.

Torre del Saraceno, Gennaro Esposito. Scampo scottato con grano saraceno, rafano e mandarino
Torre del Saraceno, Gennaro Esposito. Scampo scottato con grano saraceno, rafano e mandarino

C’è ancora un motivo per cui Gennaro Esposito è un punto di visita obbligato. Avrà commesso qualche ingenuità mediatica ma non ha mai ceduto ai ricattucci dell’ambiente restando se stesso e puntando dritto sul proprio lavoro. Un prodotto viene preso perché è buono e non perché “consigliato”, la comunicazione è fatta a livello artigianale nonostante in tanti abbiano bussato alla sua porta. Ed ha avuto anche un visione politica del ruolo di cuoco con l’organizzazione di Festa a Vico che resta un appuntamento clou del mondo gastronomico italiano.

Torre del Saraceno, testa di scampo e il suo brodo
Torre del Saraceno, testa di scampo e il suo brodo

Il sesto motivo della superiorità di Gennaro Esposito è il perfetto equilibrio tra innovazione e soddisfazione del cliente. E’ uno dei pochi cuochi a cui piace mangiare e questo, in un mondo di figurini adatti alle passerelle degli stilisti oltre che ai fornelli, fa la differenza. Il cliente della Torre del Saracino non si deve solo stupire, deve anche godere, alzarsi soddisfatto. Un punto fondamentale, non c’è nessuno che si sia mai lamentato per aver mangiato male qui, c’è sempre un calcio di rigore segnato a porta vuota, uno tsusami dolce finale che lascia il buon ricordo. L’appagamento è totale, dal primo all’ultimo boccone attraverso le sequenze freddo, caldo, mare-carne.

Torre del saracino, Gennaro Esposito. Seppia, inchiostro e fegato con salsa verde e limone candito
Torre del saracino, Gennaro Esposito. Seppia, inchiostro e fegato con salsa verde e limone candito

Detto questo, anche nei piatti in cui si ricerca il consenso, la cucina di Gennaro Esposito non è mai banale, il palato è continuamente sollecitato dal gioco delle consistenze, dalla freschezza e dalla morbidezza, dai toni amari come da quelli dolci. Insomma, l’esperienza è completa, ben calibrata, centrata, pensata sin nei minimi dettagli.

 

Torre del saracino, Gennaro Esposito. Noci di capesante leggermente affumicate, cremoso di fagioli di Controne, aglio nero e zuppetta di sedano
Torre del saracino, Gennaro Esposito. Noci di capesante leggermente affumicate, cremoso di fagioli di Controne, aglio nero e zuppetta di sedano

Arriviamo all’ottava ragione: Gennaro Esposito conosce perfettamente il peso della critica e dei giornalisti, ma sa anche che l’arma vincente, quella che fa reddito e riempe i tavoli, è il passaparola. Il bla bla dei gastrofighetti sui social passa perché vuole novità e ancora novità, alla fine ciò che conta sono i coperti. L’attenzione al cliente che si siede è sartoriale, non formale, unica. L’esperienza di vita, la scuola del marciapiede, rende facile capire chi ti trovi di fronte e il nostro cuoco è bravissimo nel trovare la risposta giusta alle domande, alle esigenze.

orre del Saracino, Gennaro Esposito. Risotto con cernia di scoglio, arancia, zafferano e finocchietto selvatico
Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Risotto con cernia di scoglio, arancia, zafferano e finocchietto selvatico

Che dire dunque, la gioventù è bella, l’ambizione rode. Ma per un cliente normale non c’è nulla di meglio di un cuoco che abbia raggiunto la sua maturità espressiva mantenendosi fresco e carico di idee ogni anno. Ed è quello che, appunto, si trova quando entrate in questo luogo in riva al mare. Il mare, sullo sfondo Napoli e il Vesuvio. Il Golfo vi accoglie come una culla, e la sintesi è in questi piatti che ogni anno vengono proposti qui.
Amen!

Torre del saracino, Gennaro Esposito. Gnocchi ripieni di baccala' e gamberi con funghi porcini
Torre del saracino, Gennaro Esposito. Gnocchi ripieni di baccala’ e gamberi con funghi porcini
Torre del Saracino, Gennaro Esposito.Fettuccelle con ragu' di anguilla, pinoli e pesto di olive e prezzemolo
Torre del Saracino, Gennaro Esposito.Fettuccelle con ragu’ di anguilla, pinoli e pesto di olive e prezzemolo
Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Terrina di foie gras con composta di ananas
Torre del Saracino, Gennaro Esposito. Terrina di foie gras con composta di ananas
Torre del saracino, Gennaro Esposito. Variazione di maialino con chutney di pomodori verdi al frutto della passione
Torre del saracino, Gennaro Esposito. Variazione di maialino con chutney di pomodori verdi al frutto della passione
Torre del Saracino, liquirizia e provolone del monaco
Torre del Saracino, liquirizia e provolone del monaco
Torre del saracino, Dessert
Torre del saracino, Dessert
Torre del Saracino. Piccola pasticceria
Torre del Saracino. Piccola pasticceria

CONCLUSIONI

Venire da Gennaro Esposito una volta l’anno è obbligatorio. Ma è un posto che potete frequentare anche ogni mese, ogni settimana. Troverete sempre cose nuove. Torre del Saracino è un locale affidabile di altissimo livello, con un servizio perfetto e una cantina strepitosa. Last but not least: è uno dei pochi bistellati Michelin italiani che sta aperto quasi tutto l’anno.
E vi pare poco?

Torre del saracino, Gennaro Esposito - vini
Torre del saracino, Gennaro Esposito – vini

Gennaro Esposito Torre del Saracino

Un commento

    Franco coppola

    (30 dicembre 2017 - 18:36)

    Tutto giusto quello scritto e non fa’ una grinza.Il sig.Pignataro ha scritto che ci sono 8 buoni motivi,per andare da Gennaro Esposito io aggiungo anche il nono: E’ UNA PERSONA BUONA ED UN CARO AMICO! Infine un apprzzamento a tutto il suo staff: PEPPE-ENZO- CIRO – GIANNI- GIACINTO – IMMA – LUCIA

I commenti sono chiusi.