Garantito IGP | Il Moro a Capriata d’Orba: il piacere gastronomico di Piemonte e Liguria

24/10/2019 501
Il Moro - ingresso
Il Moro – ingresso

di Carlo Macchi

Sarà un caso, ma tutte le volte che arrivo a Capriata d’Orba mi accoglie un silenzio che, per dirla con Paolo Conte “Descrivervi non saprei”. In questo silenzio si cela la tranquillità di un paese del Piemonte ligure, cioè di quella terra di confine che ingloba una bella fetta delle tradizioni gastronomiche di entrambe le regioni. Siamo nel Monferrato e dal centro di Capriata d’Orba  con gli occhi da una parte tocchi le colline del Gavi e dall’altra i vigneti dell’Ovadese.

Ma i miei occhi, quando arrivo nella silente piazza centrale di Capriata, sono tutti per l’insegna e l’ingresso di un ristorante che conosco bene e che frequento con gioia da tanti anni, il Moro.

Il Moro - sala
Il Moro – sala

In un paese così tranquillo un nome come “Il Moro” potrebbe riportare a guerre e invasioni, ma come entri nel locale e ti accoglie la tranquillità e la sobrietà fatta persona, cioè Claudio, l’unica invasione a cui puoi pensare e quella dei profumi che già ti solleticano le narici.

Il Moro - menu'
Il Moro – menu’

In cucina c’è Simona, moglie di Claudio, mano sicura e esperta che non sbaglia un colpo (e se ve lo dico io, che ci ho mangiato decine di volte, credeteci!) e che riesce sempre a sorprenderti con piatti che poggiano i piedi nella tradizione per spiccare poi il volo verso la semplicità e la concretezza di grandi sapori. Come scordarsi le semplicissime ma monumentali acciughe fritte che, quando è stagione, Claudia “mi obbliga” ad ordinare e potrei andare avanti con altri piatti e sapori  ma prima voglio farvi sedere comodamente, nelle linde e accoglienti sale e salette (d’estate c’è anche un grande spazio esterno) dove ti senti come un bambino nella pancia della mamma. Apparecchiatura perfetta ma non ricercata e piglio distinto degli altri ragazzi in sala vi faranno scordare anche la mamma, ma non la pancia che avrà già iniziato a borbottare.

E per far fermare il borbottio niente di meglio che una piemontesissima carne cruda di fassona battuta al coltello o uno sformato di peperoni con salsa di acciughe  sotto sale, che punta più verso i lidi liguri, mentre di estremamente locale c’è la testa in cassetta di Gavi.

Naturalmente vi sto parlando del menù autunno-inverno, perché Claudio e Simona lo variano spesso,  anche se alcuni piatti (per fortuna!!) ci sono sempre, come gli agnolotti nei tre modi della tradizione, cioè “a culo nudo” “nel vino e “al tocco”. Questi non ve li potete perdere perché mettono assieme leggerezza, sostanza e storia.

Il Moro - agnolotti
Il Moro – agnolotti

Naturalmente in questa stagione autunnale non mancano i funghi per un gustoso risotto e  i tartufi bianchi. L’ultima volta sono stato al Moro a fine settembre e vicino a me , sotto la cupola di vetro, c’era un tartufo bianco che (nonostante non fosse ancora stagione piena) aveva un profumo che faceva resuscitare i morti. Ma ci sono altri modi con cui Simona e Claudio vi faranno resuscitare, tipo lo Stoccafisso in insalata con patate e olive taggiasche o la Lingua bollita con bagnetto verde. Naturalmente c’è sempre qualche fuori carta: l’ultimo era una trippa con i fagioli da applauso a scena aperta.

Il Moro - trippa
Il Moro – trippa

Se vi resta ancora spazio vi consiglio di provare la loro scelta di formaggi e magari un Bunet con zabaione al moscato.

Il Moro - formaggi - foto Marcel Egger
Il Moro – formaggi – foto Marcel Egger

Sui vini brilla il Piemonte con tante etichette locali molto interessanti (Gavi e Monferrato in primis) ma naturalmente la carta spazia sull’Astigiano e sulla Langa, puntando anche a mirate etichette fuori regione, tutte con ricarichi assolutamente onesti.

Il Moro - formaggi - foto Marcel Egger
Il Moro – formaggi – foto Marcel Egger

Un pranzo luculliano dall’antipasto al dolce vi costerà meno di 50 euro (vini esclusi) e soprattutto vi farà gustare piatti che non scorderete facilmente. Se ve li scordaste niente paura, Simona e Claudio sono sempre lì, nel centro del silenzio di Capriata d’Orba,  pronti a accogliervi.

 

Ristorante il Moro
Piazza Garibaldi, 6, Capriata d’Orba
Tel.0143 46157
Chiuso la domenica sera e il lunedì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.