Le uova di Maffi entrano in Campania, ecco la prova

28/4/2010 1.2 MILA
Le uova di Maffi con la copia del Mattino di oggi

E’ ufficiale. Maffi è entrato nel Regno delle Due Sicilie scortato da due grosse galline grossetane. Dopo una pausa al Glass a Roma, punta diretto al Sud con quattro casse piene di uova.

Previste trasferte a Sant’Agata, Ischia e Capri. Gran finale a Paestum dove sceglierà la migliore mozzarella per le sue galline usate per la
maionese da Lorenzo a Forte dei Marmi.

Questa volta niente interviste a Maffi ma solo una dichiarazione asciutta
“Sono molto concentrato, non ho intenzione di fare prigionieri e la selezione sarà durissima”

A noi solo la prova del suo passaggio a via Chiatamone, nella sede centrale del Mattino

11 commenti

    Lello Tornatore

    Protesto ufficialmente con il mio produttore di fiducia. Dopo ampie garanzie circa la consegna delle famosissime uova, causa mancata consegna, abbiamo dovuto disdire notevoli numeri di prenotazioni per il primo maggio. Pertanto il signor Maffi,che era venuto per giustificarsi per la mancata consegna, è nostro prigioniero a tutti gli effetti. Se volete rivederlo, depositate trenta uova nel cassonetto della spazzatura vicino alla pescheria che vende spigole d’allevamento, in via Gramsci, alle ore 24:01 in punto.

    28 aprile 2010 - 22:34

    luciano pignataro

    Facciamo 25 uova, altrimenti potete tenerlo prigioniero in Irpinia per quanto ci riguarda

    28 aprile 2010 - 23:31

      Giuseppe Grammauta

      Maffi ritorna!

      29 aprile 2010 - 06:54

    Angelo Di Costanzo

    Vabbè il giornale per controprova, ma almeno potevate evitare la copia omaggio!!

    Gentile Maffi, la prego però di recarsi a Capri dopo sabato mattina, sennò che sfizio ci stà?

    28 aprile 2010 - 23:34

    Marco Contursi

    Una bella frittata con provola e pancetta?la pancetta la porto io :-D

    29 aprile 2010 - 06:39

    Giancarlo maffi

    Mi hanno liberato alle 4.50. In cambio di 22 uova e Una gallina spagnuola. Ho suonato a diversi campanelli ma nessuno mi ha aperto . Volevo un un caffe’ per me e un gallo per la gallina . Che citta’ e che via inospitale:-((

    29 aprile 2010 - 06:59

      fabrizio scarpato

      “Nella Pampa sconfinata, dove le pistole dettano legge, va il Caballero misterioso in cerca della bellissima donna che ha visto sul giornale (omaggio, al solo scopo di incartare uova non meglio identificate).
      S’ode un grido nella Pampa: Carmencita abita qui?”
      Dov’è, dov’è, dov’è la donna… Volevo un caffè… Paulista, ça va sans dire.
      “Carmencita, sei già mia, chiudi il gas e vieni via”
      A Paestum, a Paestum !

      29 aprile 2010 - 10:12

        Luciano Pignataro

        Uova non meglio identificate? Come non fai a riconoscere quelle bianche della famosa gallina fittata da Lorenzo per la sua maionese?

        29 aprile 2010 - 11:20

        giancarlo maffi

        la spezia- paestum, domattina fabrizio. fai ‘sta pazzia una volta nella vita !!!!

        se arrivi fino a firenze e viaggi con il primo treno sarai a napoli alle 10.10. non sarai solo. avrai un compagno di viaggio prestigiosissimo, uno dei primi tre chef d’italia. e con lui farai anche il viaggio in auto da napoli a paestum e ritorno in giornata . dormirai a casa.

        se vieni ti tengo due uova carmencite :-)))

        29 aprile 2010 - 11:31

          fabrizio scarpato

          A Paestum, a Paestum ! Paestum come una Mosca checoviana. Il sogno illusorio: la realtà si consuma tra le pareti di una casa e una città di provincia, tra invidie e frustrazioni. La felicità è un attimo, non dura a lungo; prima o poi ci si sveglia… anche dopo due o tre Carmencite (ovette? accadimenti? ). Solitario e romito nel mio “non buen” retiro “caraibico” seguirovvi trasognato. Grazie per il rinnovato invito, invero già faticoso e impegantivo solo a pensarlo ;-)))

          29 aprile 2010 - 13:18

    Giovanna

    io propongo una frittata con asparagi e salsiccia- quella lucana, ovviamente! Il periedo è quello giusto!

    29 aprile 2010 - 11:29

I commenti sono chiusi.