Lo chef del party d’addio di Insigne, Antonio Aliberti, svela i piatti preferiti dei vip invitati all’evento

27/5/2022 596

di Annatina Franzese

Ad una settimana dalla festa d’addio di Lorenzo Insigne, organizzata in un resort di Somma Vesuviana, ho finalmente scovato lo chef che ha incantato con i suoi piatti, gli oltre duecento invitati presenti.

Antonio Aliberti, classe 1981, torrese doc, chef resident del ristorante Opium Bistrot di Torre del Greco.

lo chef Aliberti con Lorenzo Insigne
lo chef Aliberti con Lorenzo Insigne

Come sei diventato lo chef voluto da Insigne, per la sua festa pre partenza?

Grazie all’imprenditore Ubaldo Nettuno con il quale da circa un anno ho stretto un rapporto più che professionale, personale, proprietario di Opium Bistrot”.

 

Nettuno, conosciuto ai più con lo pseudonimo di Mastro Geppetto, è leader da oltre 10 anni nel settore del vintage e dell’usato di lusso e da sempre, vista la versatilità delle sue doti imprenditoriali, ha cercato di far convivere il suo animo modaiolo con la passione per il food, fondendola e creando nell’una gli sbocchi dell’altra.

 

L'imprenditore Nettuno con il Presidente De Laurentis
L’imprenditore Nettuno con il Presidente De Laurentis

 

Ho cominciato a lavorare in cucina a 15 anni – spiega Aliberti – ed ho svolto svariate ed importanti esperienze. All’incirca un anno fa, mentre ero ancora impegnato in una consulenza sfociata poi in un impegno stagionale, ho conosciuto per caso Ubaldo, che da cliente si era recato nella struttura presso cui lavoravo. Al termine della stagione, ho iniziato con una semplice consulenza presso il suo ristorante. Ben presto, però, la consulenza si è trasformata in un vero e proprio rapporto di lavoro, parte di un più ampio progetto”.

Per l’evento, lo chef ha preparato tutti i piatti che meglio lo rappresentano. Nei finger serviti, sapori territoriali dunque vesuviani e massimo rispetto della stagionalità.

Quali sono stati i piatti preferiti della serata?

La panificazione tutta, molto apprezzata anche al ristorante e, tra i primi piatti, la pasta mista in un guazzetto di pesce con fiordilatte di Agerola, cozze e grattugiata di limone. Della pasta è stato fatto anche il bis. Al Presidente De Laurentis è piaciuta molto, ma la cozza fritta ad essere stato un successone”.

 

Opium Bistrot – la cozza fritta
Opium Bistrot – la cozza fritta

 

La cozza fritta?

Si, un piatto nato sette/otto anni fa che porto sempre con me, presente a menù al ristorante perché apprezzatissimo. La cozza viene fatta bollire e aprire con uno spicchio di aglio in camicia, acqua, olio e pepe. Una volta aperte vengono sgusciate e la parte destra del guscio viene lavata, sterilizzata ed asciugata. La cozza viene fatta raffreddare in abbattitore poi infarina a e impanata con arachidi e pane panko per conferirle più croccantezza. Una parte dell’acqua delle cozze, viene abbattuta e portata a – 1°. Con quest’acqua, poi, creo una maionese”.

 

Che dire, questa cozza ‘ndurat e fritta, incuriosisce. Non resta che andare ad assaggiarla da Opium Bistrot.

 

Opium Bistrot

2 Traversa Diego Colamarino n.4

80059 Torre del Greco (Na)

Tel. 08119332504

Chiuso il lunedì

Aperto martedì – mercoledì – giovedì a pranzo e venerdì – sabato e domenica a pranzo e a cena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.