Marco Pellone: torniamo al ripieno al forno, con la ricotta di pecora ovviamente

5/4/2019 2.4 MILA
Marco Pellone, ripieno
Marco Pellone, ripieno, la stesura della ricotta

Il ripieno al forno o calzone al forno. Chi mi accompagna in pizzeria lo sa: chiedo sempre marinara,margherita, ripieno e una a piacere. La prima per capire il manico nell’impasto, la seconda per vedere come si gioca con più ingredienti, il terzo invece spiazza sempre perché quasi nessuno lo chiede più. Sostituito dalla pizza fritta, il ripieno al forno è invece una delle prove del nove a cui si deve sottoporre il vero pizzaiolo e non capisco perché questa categoria non sia inserita nei diversi campionati che si fanno.
Marco Pellone di Ciro Pellone alla Loggetta lo rilancia, si ricorda di quando glielo chiesi quando andsi da lui due anni fa e non ha dubbi: oggi siamo talmente presi dal tema del cornicione che ci siamo dimenticati il ripieno che richiede molta capacità.
Per Pellone non ci sono dubbi: solo la ricotta di pecora risponde ai requisiti di una cottura al forno, quella vaccina non ha la consistenza, quella di bufala è troppo grassa e acquosa mentre quella di pecora ha la giusta compatezza che conserva asciutto l’interno del ripieno.
E poi fiordilatte (anche qui meglio della mozzarella), salame e un po’ di pomodoro volendo. Voilà il gioco è fatto. Certo, bisogna rivolgersi al fornitore giusto, ma un ripieno con la ricotta di pecora è qualcosa di indimenticabile!
Il ripieno è il vero nemico della pizza gourmet perché non si serve a spicchi, ma si fa fuori da solo intero.
Ecco come lo fa Marco Pellone

Marco Pellone, ripieno
Marco Pellone, ripieno. Si aggiungono gli altri ingredienti

 

Marco Pellone, ripieno
Marco Pellone, ripieno, la chiusura

 

Marco Pellone, ripieno
Marco Pellone, ripieno il pomodoro sopra
Marco Pellone, ripieno
Marco Pellone, ripieno in forno!
Marco Pellone, ripieno
Marco Pellone, ripieno cotto!
Marco Pellone, ripieno
Marco Pellone, ripieno aperto per vedere come deve essere all’interno.

Il vantaggio del ripieno o calzone al forno è che si può anche mangiare freddo, a differenza della pizza.

2 commenti

    Francesco Mondelli

    Uno spettacolo di cazone.Quando ben fatto non c’è pizza che tenga e se non si può fare a fette in due si divide facilmente.Marinara per antipasto Margherita per primo Cazone per secondo e per contorno ripieno fritto di scarola.La febbre del sabato sera.PS.Un grazie particolare a LP se riesce a rilanciare la tipologia di cui tanti hanno nostalgia.FM.

    5 aprile 2019 - 21:49

    Pietro

    Grazie a Dio c’è ancora qualcuno che parla del calzone in un food blog. L’ottava meraviglia….
    Grazie a Dio c’è ancora qualcuno che ivi consiglia la ricotta di pecora.
    Grazie a Dio c’è ancora qualcuno che ivi (nonchè sulla pizza) consiglia il fior di latte e non la bufala
    Io aggiungo: guai all’extravergine …. che rovina pizze e calzoni.. .
    Grazie
    Mi ha rallegrato la giornata
    Resistere, resistere, resistere…..si diceva tempo fa ..

    6 aprile 2019 - 09:54

I commenti sono chiusi.