Di Meo Vini ad arte oggi a Lisbona

11/11/2017 1.1 MILA
Di Meo Vini ad arte
Di Meo Vini ad arte

Dall’azienda vinicola di Salza Irpina a Lisbona, passando ovviamente per Napoli. Un viaggio all’insegna di arte, cultura, gusto e fotografia. E’ la capitale portoghese la città protagonista del sedicesimo calendario Di Meo “Napoli-Lisbona Due mari, una sola moltitudine”.

Generoso Di Meo a Lisbona
Generoso Di Meo a Lisbona

Un appuntamento che si rinnova anno dopo anno, nato per riallacciare le immagini, le suggestioni e le tradizioni che da Napoli hanno conquistato le più importanti capitali di tutto il mondo. Generoso Di Meo – alla guida dell’associazione culturale ‘’Di Meo Vini ad arte’’ – ha coinvolto, con il fratello Roberto, nel progetto ancora una volta il fotografo Massimo Listri, artista affermato e apprezzato a livello internazionale, chiedendogli di raccontare in dodici scatti la capitale del Portogallo attraverso i suoi legami con Napoli,  svelati anche dai racconti di autorevoli personaggi napoletani e portoghesi. Il Calendario come sempre è accompagnato da una serie di contributi critici e interventi firmati, fra gli altri, da Cesare de Seta, Maria Gabriella di Savoia, Gelasio Gaetani d’Aragona e dalla cantante portoghese Misia.

Backstage Generoso Di Meo fotografato da Massimo Listri
Backstage Generoso Di Meo fotografato da Massimo Listri

“Per unire Napoli e Lisbona in quest’ennesimo viaggio sospeso tra vino e fotografia d’artista come sempre abbiamo cercato di comporre un mosaico di similitudini e storie, ora più note e affini, ora sfumate e sottese. Lisbona mi parla spesso tra le strade di Napoli, per scampoli di immaginario densi di memoria e suggestione, per improvvisi evocativi frammenti di suoni e di espressioni. Il patrimonio artistico, certo, ma anche quello architettonico e gastronomico”, spiega Generoso Di Meo.

Panteao dos Bragancas
Panteao dos Bragancas
Palacio Nacional da Ajuda
Palacio Nacional da Ajuda

L’obiettivo di Listri ha inquadrato le magnifiche architetture e partiture decorative di palazzi, chiese e musei lusitani fra cui il Convento da Madre de Deos, il Palácio Nacional de Queluz, São Domingos, il Palácio dos Marqueses da Fronteira. Un viaggio per immagini e parole che mette in luce i legami fra le riggiole e le azulejos, fra le sonorità musicali, i sapori, le forme di devozione, l’architettura. Il calendario sarà presentato a Lisbona, la città dei sette colli, sabato 11 novembre 2017 nel corso di una serata – alla quale parteciperà il gotha della finanza, l’alta aristocrazia internazionale e protagonisti di spicco della cultura provenienti da tutto il mondo – che si svolgerà nel sontuoso scenario del Palazzo Reale di Ajuda, dove forte risuona l’eco dei legami con l’Italia.

Palacio Nacional de Quelez
Palacio Nacional de Quelez
Palacio Nacional de Marra
Palacio Nacional de Marra