Per favore, aboliamo i termini pizza chef e pizza gourmet!


Quattro-Spicchi-forno

Quattro-Spicchi-forno

Detesto i termini pizza-chef e pizza-gourmet. Sono infatti una chiara dimostrazione di subalternità culturale da colonizzati che non ha alcuna ragione di essere, visti anche i numeri e i volumi economici che in questi ultimi anni sta sviluppando il mondo della pizzeria. Dietro la semantica delle parole ci sono profondi significati che hanno origine nella battaglia che si è combattuta negli ultimi dieci anni in cui una parte del mondo della comunicazione del Nord non ha voluto accettare l’ingresso e il protagonismo dei pizzaioli sulla scena gastronomica italiana e internazionale.
In sostanza usare il termine gourmet per la pizza significa utilizzare un vero e proprio ossimoro: come se la pizza napoletana in quanto tale non possa essere considerata dai piani alti della gastronomia. Idem il termine Pizza chef, quasi che il pizzaiolo per accreditarsi debba autodefinirsi anche cuoco. In realtà ogni pizza buona è di per se una pizza gourmet e ogni pizzaiolo non è altro che un pizzaiolo con pari dignità lavorativa di quella di un cuoco: si tratta di mestieri simili perché hanno a che fare con la manipolazione delle materie prime, ma assolutamente diversi nella sostanza perché il pizzaiolo parte sempre e comunque dal disco di pasta e le pizzerie sono sostanzialmente locali monoprodotto.
L’attacco al termine pizza è stato portato da più parti, per esempio estendendolo anche alle focacce, che sono qualcosa di profondamente diverso sino a comprendere qualsiasi lievitato che a questo punto non sia una torta dolce o un panettone. Dilatandolo,hannocercato di scippare l’identità del prodotto.
Alcuni pizzaioli a questo punto hanno pensato che per essere accreditati non bastava il proprio lavoro, ma bisogna sfilare sugli stessi palcoscenici degli chef e si sono sentiti lusingati, sino a parlare di se stessi dimenticando di far parte di una comunità ben definita. Siamo passati dalla «pizza napoletana» alla «mia pizza», segno dei tempi ma anche di un profondo narcisismo gastronomico, una vera ossessione al punto da rinnegare i valori profondi di questo lavoro per fare la parte degli indiani nel circo di Buffalo Bill.
Ogni tanto sentiamo qualcuno dire «un onore per me stare qui con grandi chef», come se lo stare insieme a questi cuochi sia di per se una sorta di scalata sociale, un concetto che implica un complesso di inferiorità verso gli chef e al tempo stesso di superiorità (che poi è la stessa cosa) verso i propri colleghi pizzaioli che non avrebbero lo stesso privilegio. Dovrebbe essere a questo punto un onore per uno chef stare insieme a grandi pizzaioli, ma quando si ha il cervello incancrenito dal proprio narcisismo la realtà inizia a liquefarsi: “O munn è comm un so fà ‘ncapa”.
La realtà invece è costituita da una comunità di pizzaioli, di nuove generazioni consapevoli e più preparate, di imprenditori del settore che, a differenza di gran parte degli stellati, riesce a far quadrare i conti puntando sulla qualità del prodotto e del servizio. La pizza, quella napoletana in particolare, non ha bisogno di essere accreditata, non a caso l’arte del pizzaiolo napoletano è riconosciuta come patrimonio immateriale dell’umanità. I pizzaioli non hanno bisogno degli chef per essere accreditati, anche quando si fanno fare le pizze dagli stellati senza dirlo e presentandole come proprie creazioni.
Non siamo nostalgici di un passato borbonico, ci mancherebbe altro, abbiamo visto la fine dei nostri vicini di casa dopo il crollo della Yugoslavia. Ma riteniamo che per parlare di cucina italiana è necessario il riequilibrio della narrazione gastronomica e dare il giusto peso al ruolo della tradizione napoletana e del Mezzogiorno alla Dieta Mediterranea. La pizza napoletana non è, come pure è stato teorizzato, una articolazione di quella italiana, semmai il contrario.

8 Commenti

  1. Con concetti chiari e motivati ,ancora una volta non posso che essere d’accordo con Luciano Pignataro.Ristabiliamo i ruoli ed un minimo di verità storica senza apparire nostalgici.

  2. Pizza contemporanea e pizzaiolo contemporaneo sono la stessa minc….ata di pizza gourmet ,non vedo alcuna differenza tra le due .Bisogna prima imparare l’inglese e poi capire cosa si intende per Pizza Chef ,ma vedo che nel articolo si afferma un qualcosa che non ha niente a che vedere con uno Chef

  3. Beh leggendo questo articolo mi viene in mente il suo nome Franco Pepe Franco Pepe Franco Pepe Franco Pepe c’è avete descritto Franco Pepe siete fortissimi

    1. A noi non interessa la personalizzazione, abbiamo cercato di sottolineare i rischi di un fenomeno molto pericoloso che per fortuna è stato rigettato dal mercato. Poi ognuno legge quello che gli pare, come sempre accade con i libri e gli scritti.

  4. In linea di principio mi trovo d’accordo. Pero’ quando sei all’estero e le regole le detta la cultura del luogo dove ti trovi, non e’ semplice far passare i nostri usi e costumi e le nostre consuetudini. Se poi ci si trova in un paese anglofono la questione si complica…

    1. Vero, proprio per questo bisogna insistere. Pizza, pizzaiolo. Non sarò la prima volta che si usano termini italiani per indicare cibo e bevande, ma usarlo in Italia diventa da colonizzati. Non mi rassegno ad usare questo strano slang anglo-milanese che ormai impera dappertutto

  5. Questo articolo mi è uscito per caso, ma sono d’accordissimo! E io sono un pizzaiuolo emigrato in Paraguay, ho aperto Mancusi pizza napoletana! E sono venuto fin qui per scappare da questo Gourmet e chef!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.