GARANTITO IGP | Quanto vive il Piedirosso? L’esperienza del 2003 e del 1999 a Cantine Astroni

1/10/2020 656

Piedirosso Cantine Astroni Napoli

Gerardo Vernazzaro
Gerardo Vernazzaro

Quanto vive il Piedirosso?  A Cantine Astroni a Napoli se ne è discusso a lungo in un bel pomeriggio. Dopo venti anni di degustazione prove, protocolli in acciaio, in legno piccolo e grande, cemento e compagnia cantando, si può ragionevolmente affermare che dal punto di vista del consumatore questo vino può essere stappato subito per godere i suoi generosi respiri floreali oppure lasciarlo maturare mediamente tra due ai tre anni, in ogni caso non più di cinque.
Si tratta di una regola generale e come ogni regola, soprattutto nel vino, può avere le sue eccezioni, ma per arrivare a queste conclusioni dobbiamo anzitutto dire cosa è il Piedirosso.
Si tratta di un vino ottenuto da uve omonime allevate prevalentemente in provincia di Napoli, entra di forza nella doc Lacryma Christi, è l’unica cultivar della Campi Flegrei doc, importante nella Penisola Sorrentina doc (nel Gragnano) e in Ischia doc. E’ un uva antichissima, tipica della Campania (non si trova fuori dalla regione come invece accade per l’altro rosso campano, l’Aglianico, presente in Basilicata, Molise, Puglia e Calabria) che ama il suolo vulcanico e il caldo. Viene coltivato, con poca convinzione ma con ottimi risultati, anche nel Sannio e in minima parte nel Salernitano.
Il Piedirosso rappresenta il carattere del proprio territorio, è un vino allegro, beverino, dai tempi brevi, non impegnativo dal punto di vista gustativo, che ben si adatta a gran parte della cucina partenopea, è il vino della costa campana sostanzialmente.
Ha tannini poco pronunciati, e questo lo rende immediatamente bevibile oltre che usato per tagliare l’Aglianico, vino dai tempi lunghi per eccessi di acidità e presenza in esubero di tannini.
Il Piedirosso è un vino difficile in vigna perchè poco prolifico, anche se questo ormai è diventato un pregio e non un difetto nella viticultura moderna. Ma è difficile anche in cantina dove solo da una ventina d’anni, appunto, si sono centrati i protocolli giusti per evitare gli eterni sentori di ridotto e di poca pulizia olfattiva e gustativa che lo hanno segnato per un lungo passato.
Ogni vino deve fare la sua parte, un po’ come le auto: meglio una Smart di una Ferrari sul Grande Raccordo Anulare o nelle strade delle città. La strada che ha puntato a farne un vino in stile anni ’90, con legno piccolo e surmaturazioni in vigna, non ha dato grandi risultati perchè alla lunga ci si è fermati proprio di fronte ala caducità di questo vino e al suo crollo immediato in bottiglie dimenticate per qualche tempo e rovinosamente stappate poi tra la delusione generale.
Insomma, il risultato è lo stesso quando si vogliono fare vini pronti con forzature enologiche di uva che regalano bottiglie strutturate come l’Aglianico.
Venti anni di degustazione hanno fissato una volta per tute il concetto che l’Aglianico giovane e il Piedirosso invecchiato sono due ossimori.
Sono queste le considerazioni che si sono fatte al termine di una verticale di Piedirosso a Cantine Astroni a Napoli, la bella azienda dei Campi Flegrei protagonista della riscossa di questo vitigno insieme ad una bella pattuglia di giovani viticultori. Una cavalcata iniziata nel 2007 e proseguita sino alla 2019 nella quale si è potuto vedere questa continua progressione qualitativa.

Piedirosso 2003 e 1999
Piedirosso 2003 e 1999

Ma il colpo finale a sorpresa sono state le due bottiglie prodotte quando l’azienda si chiamava ancora Varchetta datate 2003 e 1999.
Questo il cognome di una delle famiglie di vinificatori che sin dall’800 circondavano Napoli in una sorta di tangenziale del vino che partiva dai Campi Flegrei con i Martusciello e proseguiva con Varchetta a Napoli, De Falco a San Sebastiano al Vesuvio, Russo a Terzigno, Scala a Portici.
Un’altra era geologica che termina grosso modo con la crisi del metanolo del 1986 che costringe tutti ad un ripensamento globale in Italia e che trasforma alcuni vinificatori in produttori.
La storia di Varchetta è proprio questa, con le nuove generazioni, prima Gerardo Vernazzaro e poi Vincenzo Varchetta a studiare Enologia e a fare esperienze in giro.
Ecco perchè è affascinante bere queste vecchie bottiglie, figli di un’epoca di transizione, che all’epoca costavano circa quattro mila lire diventate poi quattro-cinque euro.

Piedirosso Cantine Astroni Napoli

La storia del Piedirosso attraverso Colle Rotondella di Cantine Astroni: 11 annate per la prima verticale del leggiadro rosso campano prodotto nei Campi Flegrei

Quando passa tanto tempo si finisce a parlare delle annate più che delle bottiglie. Due annate particolari perchè la 2003, ricorderete, è stata la prima annata tropicale che abbiamo vissuto in Italia con un caldo estenuante e lungo e temperature pazzesche. Annata che però per le varietà tardive alla lunga sono state molto generose. In questo caso il Piedirosso ha sicuramente retto bene alla prova del tempo presentandosi scarnificato ma con una buona acidità che lo teneva in piedi e una nota fumè, di gomma bruciata, che aveva completamente offuscato i sentori di frutta e di geranio tipici del vitigno.

La 1999 è annata particolare per la sua perfezione, potremmo dire l’ultima vera grande annata per gran parte del vino italiano che dopo non ha avuto eguali in vigneto. In questo caso il vino è apparso sicuramente più tonico, fine, con spunto di frutta rossa sotto spirito e una verve al palato deciaa e intrigante.
Si tratta della prima annata che ha visto l’ingresso in azienda di Gerardo Vernazzaro e da allora veramente si sono fatti grandi passi in avanti nella conoscenza del comportamento di questo vitigno apparentemente allegro e gioioso ma in realtà difficile e complicato per chi lo lavora.
Dunque, per rispondere alla domanda iniziale, quanto viva il Piedirosso? Molto a lungo, almeno vent’anni. Ma è meglio berlo non oltre il quinto anno dalla vendemmia.

www.cantineastroni.com

Piedirosso Cantine Astroni Napoli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.