APERTURE CLAMOROSE | Da Milano a Pontecagnano: Daniele Ferrara da Pizzeria P a I Borboni

29/7/2018 9.3 MILA
Daniele Ferrara e Valerio Iessi
Daniele Ferrara e Valerio Iessi

di Alfonso Sarno
Dalla Pizzeria P di Lissona in Lombardia dove si è affermato e fatto conoscere alla periferia di Salerno. Il ritorno: anche questa è la forza della pizza, un mondo dove molto sta cambiando a ritmo frenetico: sono sempre più i giovani che decidono di ritornare abbandonando locali prestigiosi.

Pizzeria I Borboni
Pizzeria I Borboni

Come Daniele Ferrara che, appunto ha lasciato senza rimpianti le nebbie milanesi per Sant’Antonio di Pontecagnano dove dall’8 agosto sarà una delle anime della pizzeria I Borboni. «E’ stata una decisione presa con il cuore – confessa mentre cerca di dare ordine al caos pre-apertura -a Milano stavo benissimo, ero apprezzato ma volevo giocare in casa, ripropormi qui dove è nata la mia avventura di pizzaiolo».

Pizzeria I Borboni, i forni
Pizzeria I Borboni, i forni

Una avventura iniziata quando aveva appena sette anni, irrimediabilmente attratto dalla magia dell’impasto e dell’infuocato forno.

Pizzeria I Borboni, la sala
Pizzeria I Borboni, la sala

Da quasi figlio d’arte visto che il padre gestiva un ristorante a Cava de’ Tirreni: «Diciamo che ero e sono un innamorato della pizza, nutrivo una vera e propria vocazione e quasi subito, da perfetto autodidatta, riuscii ad impossessarmi della tecnica. Da allora non mi sono più fermato e fino a ventotto anni ho lavorato nel locale di famiglia. Poi l’esperienza a Milano, città che porterò sempre nel mio cuore perché mi ha dato tanto ed ora eccomi pronto, insieme con Alessandro Truono e Valerio Iessi, a buttarmi in questa nuova sfida».

Pizzeria I Borboni, particolare
Pizzeria I Borboni, particolare

Ovvero, le altre due anime del locale che ha la missione di proporre sì la pizza così come è nata a Napoli ma anche in versione diciamo speciale visto che Ferrara, con perfetto understatement, non ama l’appellativo «gourmet». Concorda Truono: «Sono giovane, ho soltanto trentatré anni ma ho già esperienza in questo settore con Re Denari, la pizzeria che ho da qualche anno a Torrione, legata strettamente alla tradizione. Nel nuovo locale di Pontecagnano vogliamo, invece, aiutare i clienti a scoprire la lievitazione e l’impasto fatto di grani antichi, la farcitura con sole eccellenze campane o meridionali».

Pizzeria I Borboni
Pizzeria I Borboni

La missione? Educare il pubblico che la pizza, fatta a regola d’arte, può essere un pasto completo. «In menu – precisa Ferrara – proponiamo sedici tipologie diverse. Almeno per il momento anche se, così come ho fatto a Milano, non penso ad ampliare di molto l’offerta». Pizze che hanno l’ambizione di accontentare i gusti dei fans non soltanto della classica Margherita ma anche di chi vuole sperimentare nuovi, diversi sapori sempre, però, ancorati alla qualità ed alla storia del glorioso regno borbonico.
Come la “Carulì”, dedicata alla regina Maria Carolina d’Austria, moglie di Ferdinando IV, farcita con pomodorini della Reggia di Quisisana sciuè sciuè – ovvero appena appassiti – stracciata di bufala, crema al basilico, caciocavallo del re o l’”inbufalita” di friggitelli scottati, mozzarella e salsiccia di bufala, pacchetelle gialle e provolone. Fino alla provocazione della pizza “peperone finto ripieno”: una vellutata di peperoni con provola, tre caci e spianata calabra.
Insomma, la pizza non concepita più come pasto di battaglia ma da gustare con calma, in un ambiente confortevolmente rilassato, accompagnata, se si vuole, da un fragrante baccalà in tempura, da classici polpi alla luciana o da altri piatti ispirati alla cucina povera.

Pizzeria I Borboni
Pizzeria I Borboni

Ferrara, Truono e Iessi: nato a Vico Equense, seguiva il papà mentre lavorava da Pizza a Metro e ha voluto fare lo stesso mestiere. Ora con l’amico Ferrara puntano semplicemente al massimo.

Corso Umberto I, 142, 84098 Pontecagnano SA
Tel. 089 296 6419
www.facebook.com/iborbonipizzeria/

2 commenti

    Marco Galetti

    (29 luglio 2018 - 15:52)

    Caro Daniele, avrai molti occhi puntati addosso, ti verranno a trovare fin dall’apertura, assaggeranno, scriveranno di te, leggeranno, leggerò…
    Avrai gli occhi puntati addosso degli amici e di quelli che snobbano le classifiche e poi, purtroppo, rosicano… è un mondo difficile e bellissimo, è il tuo mondo, la tua terra e non più la mia, me ne farò una ragione e cercherò di passare a trovarti, mi piacerebbe scrivere ancora di te e delle tue pizze, se non mi bloccheranno la tastiera per conflitto d’interesse lo farò , probabilmente mi sarà difficile essere imparziale, lo dichiaro.
    In culo alla balena, in bocca al lupo e alla bocca del forno

    Giancarlob

    (18 agosto 2018 - 16:21)

    “La missione? Educare il pubblico che la pizza, fatta a regola d’arte, può essere un pasto completo.”: l’ unica cosa che ho imparato andando in questa pizzeria è che puoi fare un’ ora di coda per poi sentirti dire che non c’è più pasta per la pizza, senza neanche sentirsi dire scusa per l’inconveniente (chiamiamolo così). Non è che devono loro si imparare a come si gestisce una pizzeria piena di, giuste, ambizioni ?

I commenti sono chiusi.