La grande festa di Napoli: decine di migliaia di pizze ordinate in tutta la Campania, alcune pizzerie toccano da sole quota 700. Uno straordinario reportage dal vivo

28/4/2020 5.9 MILA
Il post di Enzo Coccia

Napoli e la pizza, un rapporto viscerale. Ieri sera Renato Rocco, giornalista dotato di regolare autocertificazione (è stato anche fermato due volte) ha fatto un giro tra Napoli e provincia per documentare un evento straordinario e unico: la riaccensione dei forni chiusi dal “tiranno” che, probabilmente, come ha detto de Magistris non sa manco cosa sia un lievito e che ha creato non poca confusione. In migliaia hanno ordinato la pizza, tutti i locali sono andati in sold out.
Una sola nota stonata: i vigili urbani del Vomero hanno obbligato tre paninoteche a chiudere (L’Oca Nera, Puok Burger e Tortora) applicando una interpretazione dell’ordinanza in modo restrittivo. I racconti in rete dei proprietari, che avevano anche affrontato le spese di sanificazione, sono allucinanti e confermano lo stato di confusione di questi due mesi in cui la ristorazione campana che avrebbe potuto stare aperta ha avuto danni incalcolabili. Ma ci sarà il tempo di fare i conti, economici, politici e, come qualcuno ha detto, anche in sede di risarcimento danni. Oggi vogliamo associarci alla gioia degli eori che hanno aperto i loro locali con una ordinanza restrittiva e impossibile, in un orario non napoletano ma che nonostante tutto hanno portato migliaia e migliaia di sorrisi nelle case.
l.p.

di Renato Rocco
Direttore de LaBuonaTavola Magazine

La cronaca di una giornata speciale, potremmo definirla storica senza cadere nella retorica:il giorno in cui i forni dei pizzaioli, i fornelli dei cuochi e le vetrine dei pasticcieri sono stati riaccesi.

Un successo che è andato oltre la più rosea aspettativa, un diluvio di ordini telefonici, di messaggi whatsapp e su messanger, di mail nel caso dei più organizzati che ha gettato nel panico i pizzaioli facendoli terminare ,in alcuni casi, prima delle 23 causa impasti finiti o mozzarella completamente utilizzata.
Ma forse c’era da spettarselo:i napoletani ,i campani senza pizza non possono stare!
Laddove non c’erano riuscite due guerre mondiali, una pestilenza quale la Spagnola che dal 1918 fece oltre 25 milioni di morti nel Mondo,il terremoto dell’80 ,è arrivata un’ordinanza del Presidente della Regione Campania che ha vietato per oltre 45 giorni di portare pizze,piatti pronti e panini a casa dei cittadini della Campania.Un paradosso perché ciò era possibile in tutta Italia, dalla martoriata Lombardia a tutte le regioni del Sud che hanno ben contenuto la pandemia.
Dopo oltre 45 giorni di un tira e molla,fatto di ordinanze annunciate e poi emanate a dispetto, successivamente modificate per ovvie e logiche contraddizioni con le più elementari norme di sicurezza sul lavoro, si è arrivati al fatico giorno della riapertura.

La pizza alle 23,10 e' pronta per essere mangiata
La pizza alle 23,10 e’ pronta per essere mangiata

Ed il nostro tour tra i pizzaioli incomincia alle 16  proprio in un quartiere popolare, Poggioreale, in una pizzeria-ristorante Nanà che vede al lavoro in primis il titolare Silvio Zigarelli, con la sorella agli ordini, la mamma in cucina per preparare la linea ed il papà ai fritti.
La tipica pizzeria di famiglia per la quale riaprire ,anche solo con il delivery, ha rappresentato una fonte di entrata e soprattutto una ripresa di contatto con i clienti.

Raider in azione a Barra-Ponticelli
Raider in azione a Barra-Ponticelli

“Già dalla mattina abbiamo ricevuto numerose richieste,sono le 16 e siamo già ad oltre 80 ordinazioni” ci dice con orgoglio Silvio.
Spostiamoci però in provincia e vediamo se il forno è caldo e le ordinazioni fioccano.
Arriviamo a Castellammare in una pizzeria-bomboniera CapriBlu che in precedenza aveva fatto poco asporto e ancor meno consegna a casa preferendo accogliere i suoi ospite in un locale curato nei minimi particolari con tanto di famosa  piazzetta ,faraglioni e atmosfere capresi.

Emiliano Corvione Capri Blu Torre Annunziata
Emiliano Corvione Capri Blu Torre Annunziata

Ci accoglie il patron Ciccio Matrone che in maniera schietta e sincera ci confessa di aver riaperto per far lavorare i ragazzi, li chiama così sentendoli di famiglia, facendogli guadagnare qualcosa ,visto che aspettano ancora il trattamento di cassa integrazione.Ed i ragazzi che poi non sono proprio tali hanno moglie, figli e casa a carico ed oramai avevano dato fondo agli ultimi risparmi  e stava diventando drammatico senza due mesi di salario.
Analogo scenario di entusiasmo troviamo anche a Torre Annunziata, la bella direttrice Adriana ha già riempito due pagine di ordinazioni.Ad alcuni clienti che si fermano vicino alle vetrine e vorrebbero ordinare viene detto da dietro ai Vietri che la consegna non sarebbe potuta avvenire prima delle 22.
Sempre a Torre Annunziata ha riaperto Gika gestita da un giovane imprenditore Gino Camera che ha anche una paninoteca di fronte alla pizzeria e a Salerno un’altra pizzeria.

Gino Camera di Gika Torre Annunziata
Gino Camera di Gika Torre Annunziata

Anche qui tanto entusiasmo, siamo alle 19,30 e ci sono solo per conto di Uber oltre 80 pizze ordinate è quasi altrettanto attraverso i canali diretto della pizzeria.
Andiamo nell’entroterra, a Casoria,una città di oltre 80.000 abitanti.
Appena entrati nel paese la Pizzeria Angellotti, il cognome del patron-pizzaiolo Enzo.Anche qui difficile stare dietro agli ordini ,anche se abituati a fare consegne a casa avendo un forno dedicato mentre un altro è per la sala.
Entriamo nel paese e una tappa obbligata è da Salvatore Zombino che dà il nome anche alla pizzeria.
Salvatore ci presenta con orgoglio i suoi due figli poco più che ventenni che stanno al banco, mentre lui in cucina prepara la linea. Nonostantevsianonle 21 hanno una sfilza di ordini da smaltire.

Salvatore Zombino dell’omonima pizzeria a Casoria
Salvatore Zombino dell’omonima pizzeria a Casoria

Salvatore fino a due settimane fa non era convinto che si dovesse riaprire per il delivery, poi ha visto scendere la curva di contagi,ha sentito la nostalgia del banco ed è stato il più entusiasta a ripartire.
Andiamo più avanti sempre a via Indipendenza incontriamo il giovane proprietario di Civico67 che ,nonostante abbia aperto solo ad ottobre, ha già una clientela affezionata grazie alla quale ha ordini per una quarantina di consegne per una media di 3 pizze.

Titolare Civico 67 Casoria
Titolare Civico 67 Casoria

Oltre 120 pizze che riesce a gestire con un pizzaiolo ed in aiuto.
Ma adesso si è fatto tardi e ritorniamo verso Napoli, andiamo in una pizzeria crocevia tra quattro rioni popolari Barra,Ponticelli,San Giovanni a Teduccio e Poggioreale.
GianMarco Castello la pizzeria-trattoria è un campione dell’asporto ma quello che l’ha travolto è un autentico tsunami.

Record di Pizze per GianMarco Castello a Barra-Ponticelli
Record di Pizze per GianMarco Castello a Barra-Ponticelli

700 pizze in 4 ore con due forni, dieci portapizze,7 collaboratori e una moglie-macchinetta a passare ordini.
Il successo oltre che per la velocità del servizio è anche dovuto al prezzo popolare della pizza:la Margherita 3 Euro.
Ingredienti di ottimo livello con farina Caputo, pelato Solania e fior di latte LatteriaSorrentina.
Ma GianMarco non si ferma mai, già pensa alla riapertura il 1 Giugno dell’altro locale che ha a Via Argine dove grazie ai 2000 metri quadri di giardino potrà accomodare oltre 200 persone con tutto il distanziamento sociale prescritto.
Ultima tappa Soccavo ma dalla tangenziale si esce alla Pigna e qui non possiamo non passare a trovare Giuseppe Capretti di Fermento, protagonista di oltre 10 edizioni del Pizza Village dove più volte ha battuto il record di pizze sfornate.

Pizzeria di Soccavo
Pizzeria di Soccavo
Giuseppe Capretti di Fermento
Giuseppe Capretti di Fermento

La sua pizzeria nasce d’asporto e solo negli ultimi mesi aveva inaugurato una saletta, pertanto le 200 pizze sfornate ieri sera sono una prassi consolidata.
Anche qui team giovane al banco e due porta pizza che girano per il Vomero e l’Arenella.
Arriviamo a Soccavo e qui c’è la via della pizza-Porzio che puó contare su tre pizzerie. Ed Enrico sciorina subito i numeri: 500 pizze totali,più di dieci collaboratori interni e un pacchetto di riderà che più ne ha e più me metta.

Enrico Porzio
Enrico Porzio

Ma d’altronde il suo motto non è:Sadda sapè fa?E lui lo sa fare senza dubbio.
Ma sono le 10,45 e arrivò in tempo dai fratelli Russo in intraversa di via Epomeo che partiti dal delivery hanno consolidato una bella clientela che può usufruire sia di una sala interna che si una verandata.
Anche qui tre fratelli molto affiatati tra di loro che insieme ai collaboratori rappresentano una famiglia allargata.
Due forni è un’altra pizzerie per lo più d’asporto su via Epomeo.

Da Umberto, 200 pizze
Da Umberto, 200 pizze

 

I fratelli Pellone
I fratelli Pellone – 200 pizze a 55 famiglie
Vitagliano 300 pizze
Vitagliano 300 pizze
Vincenzo Esposito - Sold out
Vincenzo Esposito – Sold out

Il tempo di ordinare e finalmente dopo tanto tribolare alle 23,10 ho la mia pizza consegnata a casa da poter degustare al termine di un tour avvincente ed emozionante.
Viva la Pizza,Viva l’Arte del Pizzaiolo.

Renato Rocco in Tour
Autodichiarazione ai Vigili Urbani del lavoro svolto
Autodichiarazione ai Vigili Urbani del lavoro svolto

6 commenti

    Enrico Malgi

    Bravissimo Renato, sei grande. Abbiti tutta la mia stima ed ammirazione.

    28 aprile 2020 - 09:34

    GIANFRANCO

    Possibile, che ad oggi a Salerno, non ci sia una pizzeria ,che faccia consegne a domicilio??

    28 aprile 2020 - 09:51

      Luciano Pignataro

      Ci sono, ma nessuno ci ha comunicato nulla a differenza di quanto avviene altrove

      28 aprile 2020 - 12:35

      Gennaro

      A Salerno, oltre la mia pizzeria “Resilienza”, ci sono tantissimi colleghi aperti. Magari bisogna vedere lei dove abita, per capire se qualcuno di noi copre il suo domicilio. Solo sui social ci sono 5/6 colleghi che stanno sponsorizzando molto i propri locali, impossibile che non abbia visualizzato nulla, a parte i social anche come cartaceo c’è tanta pubblicità. In ultima analisi l’articolo parla di napoli e della sua provincia, quindi è normale che le pizzerie Salernitane non siano citate. Saluti

      28 aprile 2020 - 14:55

    marco contursi

    Resilienza a salerno lo fa

    28 aprile 2020 - 14:35

    Marco Galetti

    Resilienza, per definizione, lo deve fare, salernitani approfittatene

    28 aprile 2020 - 20:47

I commenti sono chiusi.