Sal De Riso in causa con il fratello per l’uso del Marchio

18/7/2018 2.4 MILA
Sal De Riso nel suo bistrot a Minori
Sal De Riso nel suo bistrot a Minori

Se Gino Sorbillo, ha vinto la sfida del marchio “Sorbillo” dalla sezione imprese del Tribunale di Napoli, che gli ha dato ragione riconoscendogli il diritto a utilizzare il marchio Sorbillo, al di là del fatto che sia un cognome in comune con un parente, Salvatore De Riso, in arte Sal De Riso Costa D’Amalfi, sta percorrendo lo stesso iter in una causa che lo vede contrapposto al fratello Alessandro. Gino Sorbillo appena ottenuta la vittoria aveva dichiarato “Sono grato alla Giustizia per il riconoscimento, il mercato mi ha premiato per l’amore e l’impegno che ho messo nell’ideare e creare un’attività che ho avviato oltre venti anni fa”.

Sal De Riso, partendo da un piccolo laboratorio a Minori e gestendo ora assieme alla moglie Anna uno spazio polifunzionale di circa 250 metri quadrati, capaci di esprimere a tuttotondo il mondo di Sal De Riso. Un trentennio di successi che hanno contribuito a far conoscere al grande pubblico, nazionale e internazionale, una realtà imprenditoriale Made in Amalfi Coast che, sin dagli esordi, ha puntato a valorizzazione le eccellenze agro-alimentari della Campania tutta, realizzando prodotti artigianali di altissima qualità. In questi anni ha creato ex novo più di 60 dolci, dalla Ricotte&Pera al Dolce di Amalfi e così via. Espressione di brillante inventiva ed estro creativo.

Ma forse non tutti sanno che il suo Bistrot, che festeggia oggi i due anni di attività, è stato creato per far fronte alle divergenze sulla conduzione del primo punto di Minori. E’ amareggiato Sal De Riso, lui sempre positivo e pro attivo, ha dovuto seguire le vie legali per fare chiarezza. «Sono nato come chef e pasticcere nel 1988 – racconta – dopo aver studiato come cuoco e aver lavorato per 7 anni nelle cucine dei migliori alberghi della Costiera Amalfitana. Dopo qualche anno ho deciso di commissionare a un grafico di professione, Dario Della Vista, la realizzazione del primo marchio “Salvatore De Riso” con logotipo raffigurante dei gigli fiorentini. Questo marchio era esposto davanti al mio primo laboratorio di pasticceria a Minori, in piazza Cantilena n. 28, ma anche sulle scatole dei dolci e, successivamente, all’esterno del bar di mio padre Antonio che, prima di allora, esponeva solo una classica insegna Bar/Tabacchi/Coloniali. Nel 2004 decido di incaricare un’agenzia di comunicazione napoletana per la realizzazione del nuovo marchio “Sal De Riso Costa d’Amalfi”, attualmente utilizzato per tutta la mia comunicazione aziendale. Contestualmente, ho registrato a livello internazionale tali marchi e i relativi colori sociali presso gli uffici competenti, in tutte le categorie merceologiche del settore food». Un atto dovuto visto come il Mady in Italy viene contraffatto in tutto il mondo. I marchi registrati tutelano sia i prodotti da possibili contraffazioni e, soprattutto, il consumatore finale che, in questo modo, ha la certezza di assaggiare un dolce realizzato nel laboratorio artigianale di Tramonti” Il marchio, in effetti, identifica la realtà imprenditoriale della Sal De Riso Costa d’Amalfi, la sua mission aziendale e il suo metodo di lavoro. Proprio in virtù di questi principi, tutti i rivenditori di prodotti Sal De Riso devono necessariamente uniformarsi a un rigido protocollo per evitare che una gestione non conforme agli standard qualitativi richiesti possa causare un danno d’immagine al titolare del marchio.

«Come tutti i miei rivenditori autorizzati, anche il punto vendita di Piazza Cantilena n.1 a Minori (non gestito da me in prima persona ma da mio fratello Alessandro) esponeva i miei marchi registrati – precisa Sal De Riso- tuttavia, dopo aver notato che gli standard qualitativi da me richiesti venivano sistematicamente disattesi, dalla conservazione dei prodotti al servizio ai tavoli, dalla preparazione di un semplice cappuccino o un caffé, come risulta dalle tante lamentele e segnalazioni degli ospiti, e dopo aver ripetutamente chiesto di mantenere la qualità a tutto tondo, ho deciso di interrompere la fornituraa dei miei prodotti richiedendo, e come da prassi, ho chiesto la rimozione dei marchi e dei loghi della mia azienda. Una decisione dolorosa per me, ma qualsiasi tentativo di far migliorare la qualità del servizio offerto è stato bocciato con fermezza e arroganza da mio fratello che opponeva, come unica motivazione, la sua posizione di titolare unico del punto vendita in questione, acquisito da nostro padre Antonio con modalità sulle quali è stata chiamata a esprimersi l’autorità giudiziaria.

Essendo lui cresciuto attraverso le rigide regole dell’Accademia dei Mastri Pasticceri Italiani che puntano alla qualità a 360 gradi, non ha resistito . “ La mia iniziativa” spiega “ oltre a rispondere a legittimi criteri di conduzione della mia attività, vuole tutelare la buona fede di quei consumatori che, recandosi nell’esercizio commerciale gestito da mio fratello Alessandro, e sul quale sono ancora esposti impropriamente i marchi e i loghi della mia azienda, i clienti vengono fatti accomodare nell’errata convinzione che di lì a breve degusteranno dolci da me creati. Cocente è la delusione di costoro per l’inganno subito quando, dopo aver vissuto un’esperienza negativa, scoprono che l’unico punto vendita in cui vengono serviti i miei prodotti a Minori è la mia Pasticceria/Bistrot ubicata in via Roma n. 80. A supporto di quanto detto potrei allegare le centinaia di recensioni ricevute sia su TripAdvisor che su Facebook, oltre alle tantissime e-mail e messaggi privati” aggiunge.

Non è una questione di cognomi, dunque, ma di tutela di un marchio regolarmente registrato che rispecchia una realtà imprenditoriale che si identifica con tale segno distintivo, un po’ come nella moda lo sono i marchi Gucci, Prada, Valentino. “ho voluto fare questa precisazione” racconta Sal De RIso “per evitare strumentalizzazioni che non solo danneggiano la reputazione della mia azienda ma che speculano sulla buona fede dei consumatori finali”.