Spaghetti con speck e cipolla bianca

13/5/2021 8.9 MILA

Spaghetti con speck e cipolla bianca
Spaghetti con speck e cipolla bianca

di Virginia Di Falco

Una mia cara amica ha portato giù dal Tirolo una serie di souvenir grazie a diverse piccole ma fiorenti aziende di trasformazione del maiale, principalmente speck, che io adoro — come tutte le cose affumicate. Con l’ultimo pezzo rimasto in frigo ho provato a fare degli spaghetti artigianali, aiutandomi con tanta cipolla bianca e un’ombra di pecorino. A profumare, che è pur sempre primavera avanzata, un bel po’ di basilico fresco.

Spaghetti con cipolla bianca e speck

Ricetta di Virginia Di Falco

  • 10 minutiTempo di preparazione
  • 25 minutiTempo di cottura
  • 3.7/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 2 persone

  • 200 gr di spaghetti artigianali (anche spaghettoni)
  • 200 gr di speck (pezzo intero, da tagliare a julienne)
  • 2 cipolle bianche fresche medie
  • 50 gr di pecorino grattugiato
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • pepe nero da macinare al momento, q.b.
  • un piccolo ciuffetto di basilico fresco

Preparazione

Mettere a bollire l'acqua per la pasta, avendo cura di non salarla troppo, soprattutto se lo speck è molto sapido. Lasciar andare le fettine sottili di cipolla in una padella con l'olio extravergine di oliva, facendole appassire ma non bruciare. Aggiungere lo speck tagliato a julienne e far rosolare insieme al condimento per un paio di minuti. Scolare gli spaghetti al dente (meglio se artigianali, che rilasciano più amido, utile alla mantecatura).
Mantecare in padella con il pecorino grattugiato e del basilico fresco. Se piace l'effetto cremina (a me no :)) aiutarsi con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Macinare, a piacere, del pepe al momento, prima di servire.

9 commenti

    Laura

    E’ una carbonara rivisitata e senza uova

    21 settembre 2012 - 15:33Rispondi

    virginia

    Laura troppo buona. Ma la carbonara senza uova è una bestemmia, non una rivisitazione :) qui ho solo svuotato il frigo, anche se di ottimi prodotti :)

    21 settembre 2012 - 16:12Rispondi

      Antonio Scuteri

      In effetti l’unico elemento in comune con la carbonara è la presenza della pasta, e neanche quella giusta :-D

      Secondo me invece è una rivisitazione delle lasagne, ma senza lasagne, senza ragù e senza bechamelle :-D

      21 settembre 2012 - 19:51Rispondi

        virginia

        Scootery: stai sempre a guarda’ er dettaglio :)

        21 settembre 2012 - 19:58Rispondi

          Lello Tornatore

          No Virginia, non guarda il dettaglio, rimbrotta perchè è troppo affezionato…alla versione irpina ;-))

          21 settembre 2012 - 22:48Rispondi

    monica

    Secondo me se la tua amica ti portava anche l’uovo verde delle galline tirolesi veniva davvero una grande carbonara!

    21 settembre 2012 - 21:58Rispondi

    carlotta

    se usi speck fatto bene, non é mai troppo sapido.

    22 settembre 2012 - 13:52Rispondi

    gaspare

    che poi lo speck è quella cosa che precedette il lardo di colonnata. un salume che negli anni 80, diciamo sul finire, era presente ovunque. tutti lo volevano, e quindi nessuno più ne sapeva riconoscere il vero sapore. misteri della fede gastronomica. amen

    23 settembre 2012 - 23:05Rispondi

    Corrado

    Ottima ricetta, semplice e da provare! Posso usare la cipolla di Tropea? Grazie

    17 maggio 2021 - 11:02Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.