Spaghettini con acqua di limone, olio e provolone di Peppe Guida

17/8/2019 124.4 MILA

Spaghettini con acqua di limone, olio e provolone di Peppe Guida
Spaghettini con acqua di limone, olio e provolone di Peppe Guida

Continua il ciclo delle ricette di Peppe Guida presentate al Pastificio dei Campi durante gli eventi “Indovina chi viene a cena?” con gli Jeunes Restaurateurs d’Europe.

Ricetta raccolta da Dora Sorrentino

 

Spaghettini con acqua di limone, olio e provolone

Ricetta di Peppe Guida

  • 4.9/5Vota questa ricetta

Ingredienti

  • 280 gr di spaghettini
  • 3 limoni
  • Circa 1/2 litro di acqua
  • 100 gr di provolone del Monaco giovane
  • Olio extravergine q.b.
  • Pepe nero

Preparazione

Mettere le scorze di limone a macerare in acqua per una notte, dopo questo tempo scolatele e portate a bollore il prodotto ottenuto. Aggiungere gli Spaghettini e un po’ d'olio e cuocete aggiungendo acqua se c'è bisogno. Infine mantecate con il formaggio ed ultimate il piatto con pepe e un goccio d'olio.

27 commenti

    Loredana Burgio

    (10 luglio 2015 - 14:21)

    immagino il profumo

    ANTONIO RUSSO

    (10 luglio 2015 - 19:05)

    avrà un sapore speciale

    Mimmo Gagliardi

    (10 luglio 2015 - 20:21)

    Peppe Guida è un top player!

    Francesco

    (10 luglio 2015 - 23:10)

    Salve. La ricetta mi intriga non poco. In qualche modo mi fa pensare ad una nostra versione di una pasta stile cacio e pepe. Ora una domanda: gli spaghetti devono cuocere nell’acqua dove abbiamo tenuto a bagno le scorze? Sono in america adesso è mi piacerebbe cucinare questa ricetta per i miei yankees citando la vostra paternità ovviamente

    Claudia

    (11 luglio 2015 - 18:01)

    Si ,Francesco,devono cuocere nell’acqua aromatizzata con le scorze di limone

    paola cappucco

    (12 luglio 2015 - 00:19)

    uhmmmmmm spettacolari, da provare al piu’ presto!!!!

    Giuseppe

    (15 luglio 2015 - 22:44)

    Wuaooo!!! Alla Peppe Guida spettacolare ! Scrivo dopo aver subito provato a fare la ricetta !!! Senza parole grazie Nonna Rosa!!!

    Luigi

    (18 luglio 2015 - 10:51)

    ….che vino può incontrare questo superlativo spaghettino….?.?……

    Franca

    (26 luglio 2015 - 12:43)

    Occorre mettere del sale?

    Franca

    (26 luglio 2015 - 12:45)

    Se si, quando? Nell!acqua filtrata?

    stefano

    (26 luglio 2015 - 14:59)

    280 gr di pasta in 1/2 litro d’acqua, chissà se sono volutamente errate querste ricette per scoraggiare le persone a cucinare per ovvi interessi di categoria….si indica come fare ma con qualche errorino fondamentale cosi che non ti riesce….

      Fabio

      (19 agosto 2019 - 13:35)

      Le dosi non sono sbagliate..vanno applicate alla tecnica di cottura “risottata” dove la pasta deve cuocere in poca acqua in modo da scaricare tutto l’amido possibile per la cremina finale..non vanno scolati…il successo di questo piatto risiede proprio nell’abilità di far coincidere la giusta cottura con la totale evaporazione dell’acqua

    Antonio chef nunziata

    (12 settembre 2015 - 09:27)

    La bontà si vede nella semplicità!

    Maria

    (14 settembre 2015 - 10:25)

    E’ vero Stefano, anch’io ho notato questa stupida abitudine quando pubblicano ricette, di fare colpo sul titolo ed essere imprecisi nel procedimento…. bha!

    Luca

    (14 settembre 2015 - 21:15)

    Regola fondamentale : 1lt x 100gr di pasta e visto che c è del formaggio molto sapido 10/12gr di sale x 100gr di pasta ;)

    Francesco

    (17 settembre 2015 - 21:21)

    Scusate forse sarà anche pochina ma immagino che qui gli spaghetti non debbano essere “scolati” bensì cuocere ed assorbire tutta l’acqua che è a tutti gli effetti il nostro condimento. Peace and love

    luciano pignataro

    (17 settembre 2015 - 22:04)

    Sì, nel ‘700 10/12 grammi di sale per 100 grammi di pasta e un litro per ogni 100 grammi

    barbara

    (31 ottobre 2015 - 09:04)

    Deliziosi. Ricetta da provare. Grazie Luciano.

    massimo

    (26 dicembre 2015 - 19:39)

    Sara’ buona, ma la ricetta e’ scritta malissimo

    Antonio Capuano

    (26 dicembre 2015 - 21:46)

    -Mettere le scorze di limone a macerare in acqua per una notte, dopo questo tempo scolatele e portate a bollore il prodotto ottenuto. Aggiungere gli Spaghettini e un po’ d’olio e cuocete aggiungendo acqua se c’è bisogno. Infine mantecate con il formaggio ed ultimate il piatto con pepe e un goccio d’olio.-
    Versione slow:
    “mettere le scorze di tre limoni – possibilmente non trattati di recente; oppure levarli bene, se non sono di produzione propria (per i limoni si usano trattamenti alquanto tossici) – e lasciarli macerare in 1/2 litro d’acqua per un’intera notte.
    Dopo questo tempo togliere dall’acqua le bucce (nel caso aggiungere altra acqua) e portare ad ebollizione la stessa acqua (aromatizzata al limone), salarla con 50 gr di sale marino e calare 280 gr di spaghettini (occhio alla cottura)
    Trascorsi – in genere 8-9 minuti – scolare la pasta e riporla nella stessa pentola (ancora calda) ma priva d’acqua e quindi aggiungere 100 gr di provolone del monaco giovane (quindi più polposo), poi olio extravergine – non molto aggressivo sennò copre il gusto di limone – e pepe nero q.b..; quindi condire e servire caldo.” Buon appetito.
    Grazie Luciano per aver riproposto quest’antica ricetta.
    P.S. E’ vero che sul web c’è bisogno di essere sintetici, ma per la cucina – come si sa – la velocità non è il miglior segreto!

    Giancarlo

    (14 febbraio 2016 - 19:07)

    Secondo me il segreto di questa ricetta (che proverò sicuramente) è di non diluire quest’acqua aromatizzata. Visto che mezzo litro di acqua non basta neanche a cucinare dei tubettini, in una pentola a parte, in abbondante acqua, cucinare ad un quarto di cottura gli spaghettini (in maniera che si pieghino, almeno), poi scolarli e trasportarli nei 500 ml di acqua aromatizzata e poco salata che sta bollendo. Finire la cottura come da protocollo.

    Andrea

    (15 febbraio 2016 - 17:18)

    La quantità d’acqua è per la cottura risottata e poi il formato di pasta sono spaghettini. Alla fine la pasta deve aver assorbito l’acqua e gli spaghetti devono risultare bavosi. Bisogna fare attenzione che resti nella padella una quantità residuale di liquido e olio affinché con il provolone e due tre salti della padella diano l’effetto bavoso.

    chicca

    (18 febbraio 2016 - 14:16)

    Buongiorno , ma non avete idea di come si cucini ? L’acqua e giusta così non si scola si aggiunge il formaggio e crea una crema .io cucino sempre con poca acqua e non scolo quasi mai e viene più buona

    Christian Morelli

    (1 luglio 2016 - 09:21)

    Antonio, 50g di sale sembrano un po’ tanti…magari 5g?

    Elisabetta

    (28 marzo 2017 - 11:41)

    Grazie per la ricetta, assolutamente da provare! :)

    Sonia Visman

    (12 luglio 2018 - 15:43)

    La semplicità a volte è la cosa migliore e porta a ricette buone come in questo caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.