Ustaria Rosella a Sicilì di Morigerati, dalla produzione alla tavola in una trattoria di resilienza vera

22/4/2018 4.2 MILA
Antonio Pellegrino e Gianni Cammarano con la cuoca Anna
Antonio Pellegrino e Gianni Cammarano con la cuoca Maria

Ustaria Rosella
Corso Umperto I
338 502 3829
www.ustariarosella.it
Sempre aperto, chiuso il lunedì

Un tempo le osterie erano così, senza proclami. Oggi ci vuole tanta cultura e tantissima tenacia per costruire il futuro gastronomico. Siamo a Sicilì, una piccola frazione di Morigerati, comune cilentano che orbita verso il Golfo di Policastro al confine tra Campania e Basilicata, poco meno di 700 anime in continuo calo demografico. Da qui parte una scommesa moderna, i temi del gusto, dell’etica e della salute elaborati in uno dei territori più belli ma anche più poveri della Penisola, temi cari alle persone di vera cultura gastronomica di tutto il mondo.

Sicili', la piazza del centro storico
Sicili’, la piazza del centro storico

Il triste bar del centro, punto debole del borgo e simbolo della sconfitta non solo per affacciarsi su una pizza intitolata a Umberto I di Savoia, ma soprattutto per essere luogo di consumo di materiale oncologico prodotto dalle multinazionali, è stato espugnato e riconvertito a vera trattoria cilentana da Antonio Pellegrino, ispiratore della comunità del Cibo dei Grani antichi del Cilento e presidente della Cooperativa Terre di Resilienza e da Gianni Cammarano, storico produttore dei salumi Cellito.
Parte da una combinazione di menti istruite un progetto di futuro per il Cilento, tutte di questo piccolo borgo silente assediato dai monti e dal verde che sente, senza vederlo, il profumo del mare. Lavora qui Nicolangelo Marsicani, il profeta dell’olio d’oliva di qualità nel Cilento, ed è qui una delle più belle aziende di fico bianco del Cilento dop, di Vito Cioffi. Energie che si incrociano e che rilanciano una partita difficile da giocare, quasi un cambio di testimone sul fronte aperto ormai vent’anni da da Vito Puglia, Giovanna Voria, Enzo Crivella e i produttori di vino Luigi Maffini e De Conciliis.

Ustaria Rosella, l'ingresso
Ustaria Rosella, l’ingresso

Ma a voi che state in spiaggia, o che siete in vacanza nella quiete straordinaria di questi luoghi i discorsi impegnati possono anche annoiarvi. Sappiate allora, molto semplicemente, che in questa trattoria gli ingredienti principali sono la gioia, la felicità e la salubrità degli alimenti, quasi tutti auto prodotti (a parte il baccalà sottolineano scherzando quando viene portato a tavola).

Ustaria Rosella, la sala
Ustaria Rosella, la sala

Sala spartana, proprio come le osterie di un tempo, un menu essenziale, la sera anche pizza (non vi aspettate quella napoletana però), piccola carta di birra e dei vini, niente Coca Cola. Resilienza vera, da cui è scappato un cuochino in cerca di Masterchef a cui questi discorsi non interessavano. Per fortuna: è arrivata Maria, bravissima nel fare i cavatieddi a mano e a tirare il sugo, grande cuoca di ricette antiche che fanno stare bene.

Ustaria Rosella, il tavolo
Ustaria Rosella, il tavolo
Ustaria Rosella, la ricotta di capra
Ustaria Rosella, la ricotta di capra
Ustaria Rosella, tagliere di salumi e formaggi
Ustaria Rosella, tagliere di salumi e formaggi
Ustaria Rosella, il pane
Ustaria Rosella, il pane da grani antichi (Carosella e Abbondanza)
Ustaria Rosella, baccala', cipollla rossa, ceci e patate
Ustaria Rosella, baccala’, cipollla rossa, ceci e patate
Ustaria Rosella, le fave
Ustaria Rosella, le fave con finocchietto selvatico
Ustaria Rosella, scarole e fagioli
Ustaria Rosella, scarole e fagioli
Ustaria Rosella, tagliatelle ai funghi
Ustaria Rosella, tagliatelle Senatore Cappelli ai funghi porcini
Ustaria Rosella, tagliatelle con carciofi e pancetta
Ustaria Rosella, tagliatelle con carciofi e pancetta
Ustaria Rosella, cavatelli al ragu'
Ustaria Rosella, cavatelli al ragu’
Ustaria Rosella, dolci della casa
Ustaria Rosella, dolci della casa

CONCLUSIONE

Usteria Rosella è una bella conclusione di una giornata di mare, ma anche un confortevole rifugio se fa freddo. La cucina è stagionale, il cibo sano come quello di mezzo secolo fa, quando potevi essere sazio ma mai pieno. Il servizio va un po’ rodato ma in fondo che fretta c’è quando si entra in questi posti è sempre meglio uscirne il più tardi possibile. Se questa estate siete tra Cilento e Maratea, ascolatte me: imperdibile!
Sui 30 euro. Massimo massimo 35 :-)

 Ustaria Rosella, le noci di Morigerati
Ustaria Rosella, le noci di Morigerati

2 commenti

    antonio

    (22 aprile 2018 - 19:06)

    Che meraviglia! provare provare presto presto

    Enrico Nicodemo

    (24 giugno 2018 - 00:47)

    Un locale eccezionale con prodotti tipici e di qualitá.
    Quando lo avrete conosciuto…ci tornerete sicuramente!

I commenti sono chiusi.