Vini azienda agricola Armosa

22/9/2019 1.3 MILA
Vini azienda agricola Armosa
Vini azienda agricola Armosa

di Enrico Malgi

Amore a prima vista nei confronti della solare Sicilia quello che ha provato da subito Michele Moelgg, chimico ed enologo della provincia di Trento, che negli anni ’90 ha deciso dedicarsi alla cura della viticoltura locale. Dal 2002 la sua azienda Armosa produce poche etichette e bottiglie che riscuotono molto successo e sono spesso premiate, come è capitato sovente anche a Radici del Sud.

Tre le etichette che ho assaggiato in questi giorni.

Salipetrj Moscato Bianco Terre Siciliane Igt 2018. Maturazione del vino in acciaio. Tasso alcolico di tredici gradi. Prezzo finale di 14,00 euro.

Un Moscato molto particolare, tanto che Michele afferma che questo è un vino di rottura e anticonformista, frutto di una macerazione sulle bucce di alcuni giorni, come fosse un rosso. In effetti si tratta di un orange wine che, secondo la storia, già veniva vinificato in Georgia più di 8.000 anni fa e che da qualche tempo è tornato di moda.

Dopo la svinatura il vino viene lasciato decantare naturalmente tutto l’inverno ed in primavera viene imbottigliato senza filtrazione. Ne viene fuori, quindi, un vino connotato da una tonalità aranciato-dorato e/o velato e segnato da un caleidoscopio di profumi di frutta, fiori e vegetali. In modo particolare emergono nuances di pesca gialla, albicocca fresca e disidratata, litchi, sambuco, rosa canina, gelsomino, acacia, muschio e salvia. Lievi le tipiche note ossidate. Sussurri speziati, idrocarburici, iodati e di pietra focaia. La lingua impatta un sorso secco, fresco, sapido e morbido e pervaso da una nota delicatamente tannica. Palato denso e compatto. Chiusura agrumata. Da preferire su formaggi a pasta dura e/o erborinati e pesce grasso.

Curma Nero d’Avola Terre di Siciliane Igt 2012. Nero d’Avola in purezza. Fermentazione in acciaio, affinamento in piccole botti per un anno e mezzo e poi elevazione in vetro per altri sei mesi. Alto il tasso alcolico di quindici gradi. Prezzo in enoteca intorno ai 20,00 euro. Il millesimo 2011 ha conquistato il primo posto a Radici del Sud 2017.

Colore rosso rubino scuro, quasi granato, nel bicchiere. Bouquet d’intensa gradevolezza olfattiva, che mette in mostra tutto un pregevole corollario di ottimi profumi, in sui spicca in modo deciso quello di ciliegia, come benchmark varietale. In appresso ecco poi affluire al naso effluvi fruttati di prugna secca, mora, fragola e ribes. E poi si percepiscono sentori di timo, salvia, carruba ed incenso. Spezialità di pepe nero, cannella e vaniglia. Terziarità di tabacco, liquirizia, mentolo, balsamo e cuoio. Approccio palatale caldo, corposo e sontuoso, ma nelle pieghe il vino si dimostra anche elegante, fresco, morbido, raffinato ed affascinante. Frutto compatto, polposo e saporito. Trama tannica bene evoluta. Vino equilibrato, armonico, tonico, intrigante e lineare. Finezza, dinamicità, avvolgenza e rotondità sono le altre atout che questo vino gioca fino in fondo, anticipando così un finale persistente ed evoluto. Piatti di carne e formaggio Ragusano.

Yrminum Nero d’Avola Terre Siciliane Vendemmia Tardiva Igt 2014. Soltanto Nero d’Avola lavorato in acciaio, barriques per un anno e mezzo e poi il vino è elevato in boccia. Gradazione alcolica di quindici e mezzo. Prezzo finale di 30,00 euro.

Colore rosso. Spettro aromatico ampio ed avvolgente, giocato soprattutto su persistenti rimembranze fruttate di estremo interesse. Nell’occasione emergono note di marasca, prugna, pesca e fichi d’india e poi tutto il variopinto mondo del sottobosco. Non solo frutta fresca però, ma riecheggiano anche respiri di frutta secca come l’uva passa, mandorle tostate e nocciole. Proposizioni di zagara, viola, acacia, capperi, miele e macchia mediterranea. Creptii sapidamente goduriosi. Sussurri caramellosi e liquiriziosi. Spezie a go-go. Impatto del sorso sulla lingua caratterizzato subito da una botta di calore, che però non fa danni perché viene smorzata da una sciabolata di fresca acidità. Tannini imperiali. Timbrica gustativa bene strutturata, sontuosa, incisiva, compatta e vibrante. Vino ancora in piena fase di spinta, ma che già adesso è compiutamente fruibile. Il retroaroma è persistente e godibile. Sulla classica cucina di terra siciliana.

Sede a Scicli (Rg) – Contrada Pezza Filippa
Cell. 392 9136858 –
[email protected]www.armosa.it
Enologo: Michele Moelgg
Ettari vitati di proprietà: 6 – Bottiglie prodotte: 15.000
Vitigni: Nero d’Avola, Inzolia e Moscato Bianco.