Vini Castel De Paolis – Nuove annate

31/7/2022 1.3 MILA
Vini Castel De Paolis
Vini Castel De Paolis

di Enrico Malgi

L’ho affermato spesso in passato e lo ribadisco qui per l’ennesima volta: la viticoltura del Lazio secondo me è molto sottovalutata, perché può contare su una grande varietà di vitigni autoctoni ed alloctoni, in maggioranza quelli a bacca bianca disponibili fino a due terzi di tutta la produzione regionale, con i quali si confezionano vini eccellenti.

Un’azienda radicata sul territorio fin dal 1985 e che si dedica con successo all’elaborazione di pregevoli etichette è quella di Castel De Paolis di Adriana e Giulio Santarelli di Grottaferrata. Un lungo lavoro di preparazione ha preceduto la nascita di questa impresa laziale, attraverso lo studio dell’area ritenuta più adatta dove piantare specie varietali idonee e dotare poi la cantina di moderne e tecnologiche attrezzature.

Il risultato finale è rappresentato da una batteria di vini di grande respiro regionale e nazionale, che periodicamente ho la fortuna di potere assaggiare.

Controetichette vini Castel De Paolis
Controetichette vini Castel De Paolis

Campo Vecchio Bianco Lazio Igt 2021. Blend di Malvasia del Lazio e Malvasia di Candia all’80% e saldo di Viognier. Affinamento in acciaio. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale di 11,00 euro.

Alla vista di appalesa un bel colore giallo paglierino luminoso ed appena riflesso di lampi verdolini. Ventaglio olfattivo sicuramente attraente, per la capacità di proporre estasianti e promiscue nuances di mandarino, mela cotogna, banana, avocado, mango, ginestra, gelsomino, maggiorana, rosmarino, salvia e zafferano. In bocca penetra un sorso morbido ed arrotondato, sapido e rinfrescante, sensuale ed aggraziato. Silhouette elegante, affusolata e bene equilibrata. Lo scatto finale rende gioioso tutto il cavo orale. Da consumare su un piatto di spaghetti a vongole e fior di latte.

Frascati Superiore Docg 2021. Composito blend di Malvasia del Lazio al 70% e saldo di Trebbiano giallo, Bombino bianco e Bellone. Maturazione in acciaio. Tasso alcolico di quattordici gradi. Prezzo finale di 16,00 euro.

Colore giallo paglierino abbastanza carico. Sintomatico il bouquet che si propone voluttuosamente ad un naso indagatore senza pudore, diffondendo di fatto un tripudio di copiosi profumi di albicocca, pesca, mela, pera, arancia, kiwi, glicine, zagara e/o sentori di macchia mediterranea. Approccio palatale profondo, teso, aromatico, balsamico, seducente, sapido e setoso. Un vino che ammalia per la purezza del frutto e la grande armonia del gusto, rivelandosi aggraziato, raffinato, ficcante, incisivo, speziato, lineare, accomodante e glicerico. Chiusura decisamente appagante. Da spendere su un risotto ai frutti di mare e carne bianca.

Campo Vecchio Rosso Igt 2017. Uvaggio di Shiraz e Cesanese in parti uguali. Affinamento per il 50% in acciaio e l’altro 50% in barriques. Tenore alcolico di quattordici gradi. Prezzo finale di 15,00 euro.

Nel bicchiere risalta un fulgido colore rosso rubino consistente. Dal sensitivo crogiolo si sprigionano codificati e multiformi svolazzi di ciliegie, prugne, ribes, mirtilli, more, viola, iris, erbe aromatiche, spezie orientali e credenziali terziarie. In bocca penetra un sorso avvolgente, infiltrante, palpitante, morbido, intrigante, goloso, arrotondato, strutturato, avviluppante e reattivo. Guizzante l’acidità. Trama tannica gentile. Rovere dosato con maestrìa e misura. Aplomb elegante. Tensione palatale dinamica, sospirosa e bene articolata. Buona serbevolezza. Allungo finale persistente e gioioso. Da abbinare ad un piatto di pasta al sugo e tagliata di carne arrosto.

Muffa Nobile Bianco Dolce Lazio Igt 2019. Blend di Semillon al 70%, Sauvignon blanc al 20% e saldo di Moscato giallo. Uve raccolte surmature dopo l’attacco delle botrytis cinerea. Affinamento in barriques nuove di rovere francese per sei mesi. Alcolicità di quattrodici gradi. Prezzo finale della bottiglia da 375 ml di 28,00 euro.

Veste cromatica segnata da un brillante colore giallo dorato. Sontuoso il timbro olfattivo, così traboccante di personalità aromatica e che in primis declina orgogliosi profumi di tanta buona frutta fresca, essiccata, in confettura e/o candita: albicocca, agrumi, noce, uva passa, datteri, mandorle, nocciole e fichi secchi. Pregevole la percezione di timo e di menta. In bocca penetra un sorso che conquista il palato con una dolcezza delicata, sensuale, affascinante ed anche elegante. La laminata acidità contribuisce poi a donare freschezza a tutto il palato. Retroaroma accattivante e seducente. Da accompagnare la pasticceria secca, cioccolato fondente e formaggi erborinati.

Ottimi davvero questi vini assaggiati, che confermano ancora una volta la bontà espressa da questa azienda romana. Nell’occasione sono mancate all’appello alcune bottiglie di nuovi millesimi non ancora pronte, ma che saranno sicuramente oggetto di una mia prossima degustazione e recensione.

 

Azienda Agricola Castel De Paolis

Sede a Grottaferrata (Rm) – Via Val De Paolis

Tel e Fax 06 9412560

[email protected] – www.casteldepaolis.it

Enologo: Fabrizio Bono

Ettari vitati: 11 – Bottiglie prodotte: 80.000

Vitigni: Cesanese, Montepulciano, Sangiovese, Shiraz, Cabernet Sauvignon, Merlot, Petit Verdot, Malvasia del Lazio e di Candia, Moscato Giallo e Rosa, Bellone, Bombino Bianco, Trebbiano, Viognier, Semillon e Sauvignon Blanc

25 giugno 2021

Vini Castel De Paolis
Vini Castel De Paolis

di Enrico Malgi

La viticoltura del Lazio sconta purtroppo una carenza di vitigni autoctoni di pregio, come si sa, tanto è vero che quasi in tutto il territorio regionale si preferisce coltivare varietà internazionali, da impiegare per lo più in blend con quelle locali.

L’Azienda Agricola Castel De Paolis di Adriana e Giulio Santarelli di Grottaferrata in questo senso si può definire un classico esempio ed un vero modello, perché accanto ai tipici vitigni locali come il Cesanese, la Malvasia del Lazio e di Candia, il Moscato giallo e rosa, il Bellone, il Bombino bianco ed il Trebbiano, insieme al Montepulciano ed al Sangiovese, alleva anche varietà di provenienza francese come Shiraz, Cabernet Sauvignon, Merlot, Petit Verdot, Viognier, Semillon e Sauvignon blanc.

L’anno scorso avevo assaggiato sette vini, mentre adesso mi ritrovo tra le mani quattro bottiglie di nuove annate.

Campo Vecchio Bianco Lazio Igt 2020. Uvaggio di Malvasia del Lazio e di Candia all’80% e saldo di Viognier. Maturazione in acciaio. Tasso alcolico di tredici gradi. Prezzo finale di circa 10,00 euro.

Colore giallo paglierino lucente. Spettro aromatico sicuramente affascinante,  cadenze fruttate di clementina, pesca bianca, susina gialla, cantalupo e mango. Intrecci successivi focalizzati su odorose presenze di ginestra, gelsomino, menta, salvia e timo. Sorso aromatico, speziato, fresco, asciutto, elegante, sapido e leggermente sulfureo. Ben calibrato, lineare ed equilibrato l’accogliente palato. Chiusura ottimamente registrata su toni appaganti. Da spendere su un risotto ai frutti di mare e latticini.

Controetichette vini Castel De Paolis
Controetichette vini Castel De Paolis

Frascati Superiore Docg 2020. Uvaggio di Malvasia del Lazio e saldo di Trebbiano Giallo, Bombino Bianco e Bellone. Lavorazione in acciaio e vetro. Tenore alcolico di quattordici gradi. Prezzo finale di 13,00 euro.

Alla vista si presenta un bel colore giallo paglierino vivo. Subito invitante il goloso bouquet, dal quale si sprigionano intensi e variegati effluvi di mandarino, albicocca, mela renetta, pesca, banana, ananas, fiori bianchi ed erbe aromatiche. In bocca fa il suo ingresso un sorso scorrevole, rinfrescante, sensitivo, morbido, affusolato, balsamico e sapido. Corpo incisivo, seducente, sensuale e profondo. Toni evoluti e dinamici, per cui è facile pronosticare una discreta serbevolezza. Allungo finale gioioso e gaudente. Da provare su un piatto di vermicelli a vongole e carne bianca.

Donna Adriana Bianco Lazio Igt 2019. Uvaggio di Viognier all80% e saldo di Malvasia del Lazio. Maturazione in acciaio e barriques. Gradazione alcolica di quattordici e mezzo. Prezzo finale di 16,00 euro.

Colore giallo carico quasi dorato. Al naso sale un tripudio di ampi e variopinti profumi che rimembrano tout court pesca, albicocca, agrumi, uva spina, kiwi, maracuja, papaja, mughetto, anice stellato, lavanda, narciso, gardenia, cardamomo ed acacia. Toni speziati. Sentori fumé in sottofondo. Impatto del sorso sulla lingua subito caldo e pimpante, ma anche fresco, accomodante, fruttato, morbido ed armonico. Palato rotondo, fine, raffinato e setoso. Retroaroma persistente ed edonistico. Da abbinare ad un piatto di tagliatelle ai funghi porcini e formaggi giovani.

I Quattro Mori Rosso Lazio Igt 2016. La composizione di questo vino è prettamente di origine francese e per essere più precisi si riferisce alla Valle del Rodano (40% di Shiraz) e alla Gironda (Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot). Maturazione del vino in acciaio e barriques. Gradazione alcolica di quattordici e mezzo. Prezzo finale di 25,00 euro.

Veste cromatica segnata da un colore rosso rubino luminoso. Un elegiaco e pervicace bouquet detta subito il ritmo, mentre si apre ad un naso consenziente e sottomesso. Ed allora ecco in primis elargizioni di tanta buona frutta fresca: ciliegia, prugna, fragola, ribes, mirtilli e more. In appresso si evidenziano anche gradevoli costumanze di viola, geranio, carruba, zenzero, pepe nero, cannella, liquirizia, canfora, caffè tostato, eucalipto e tabacco. In bocca esordisce un sorso caldo, potente, materico, strutturato e complesso. Lo sviluppo palatale mantiene comunque un suo aplomb, così da apparire rotondo, tagliente, morbido, profondo e sapido. Tannini perfettamente cesellati. Silhouette intrigante, affascinante e reattiva. Longevità a lunga scadenza. Chiosa finale intensa e totalmente appagante. In abbinamento a un piatto di pasta al ragù e formaggi caprini.

 

Sede a Grottaferrata (Rm) – Via Val De Paolis

Tel e Fax 06 9412560

[email protected]www.casteldepaolis.it

Enologo: Fabrizio Bono

Ettari vitati: 11 – Bottiglie prodotte: 80.000

Vitigni: Cesanese, Montepulciano, Sangiovese, Shiraz, Cabernet Sauvignon, Merlot, Petit Verdot, Malvasia del Lazio e di Candia, Moscato Giallo e Rosa, Bellone, Bombino Bianco, Trebbiano, Viognier, Semillon e Sauvignon Blanc.

 

2 commenti

    Francesco Mondelli

    Donna Adriana e I quattro mori sono per me ,oriundo romano ,il miglior bianco e rosso tra i vini del Lazio e non solo.Conosco l’azienda che fa qualità da tempi non sospetti e, fortunato me, che li ho conosciuti e frequentati fin dall’inizio del mio trasferimento nella capitale e per questo vini del cuore e confidenziali FM

    25 Giugno 2021 - 15:36

    Enrico Malgi

    Hai detto proprio bene caro Francesco, i vini di Castel De Paolis sono davvero ottimi. Li ho scoperti da poco tempo grazie alla disponibilità del proprietario Giulio Santarelli e ne sono rimasto subito affascinato. Il Lazio purtroppo non gode una buona fama, ma questi vini, insieme a quelli di altre aziende territoriali, fanno ricredere molti critici.

    25 Giugno 2021 - 18:03

I commenti sono chiusi.