Vini Montevetrano – Nuove annate

4/7/2022 2.2 MILA
Vini Montevetrano
Vini Montevetrano

di Enrico Malgi

Per molti anni il Montevetrano Rosso è stato l’unico vino prodotto dall’Azienda Agricola Montevetrano di Silvia Imparato e di sua figlia Gaia, poi si è provveduto nel 2011 a confezionare il Core Rosso ed infine nel 2015 è stato lanciato sul mercato anche il Core Bianco. Entrambe queste etichette hanno riscosso un grande successo, merito anche del certosino e lungimirante lavoro da parte del famoso enologo aziendale Riccardo Cotarella.

Controetichette vini Montevetrano
Controetichette vini Montevetrano

Come capita puntualmente da alcuni anni a questa parte in questi giorni ho assaggiato i nuovi millesimi di questo trittico.

Core Bianco Campania Igt 2021

Blend delle due varietà a bacca bianca più famose e coltivate della Campania insieme con la Falanghina, quali il Fiano ed il Greco, allevate nel Sannio. Fermentazione separata per le rispettive uve. Maturazione in acciaio. Elevazione in vetro per quattro mesi. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale intorno ai 15,00 euro.

Un disco per l’estate o un vino per l’estate? Beh visto che la famosa manifestazione canora televisiva ha chiuso definitivamente i battenti nel 2003 allora meglio preferire il vino. E che vino! Un vero capolavoro, tanto è vero che il millesimo 2019 ha ricevuto i Tre Bicchieri da parte del Gambero Rosso.

Con questo duetto viene fuori un vino limpidamente colorato di giallo paglierino luminoso appena sfiorato da lampi verdolini. Il bouquet si apre voluttuosamente al naso, dispiegando leggiadri profumi di clementina, pesca bianca, mela, albicocca, fiori bianchi ed erbe aromatiche. In bocca esordisce un sorso bello fresco ed elegante, morbido e sapido,
soave e cristallino, fruttato e succoso. Perfetta la purezza gustativa di elevata risonanza, tanto da appagare tutto il cavo orale. Tenuta in perfetto equilibrio. Siamo appena all’inizio del percorso. Allungo finale aggraziato, dinamico e persistente. Da preferire su un risotto ai frutti di mare e latticini.

Core Rosso Campania Igt 2019


Aglianico in purezza coltivato nel Sannio. Maturazione in acciaio e barriques nuove per dieci mesi. Quattro i mesi di affinamento in vetro. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale di circa 20,00 euro.

Ecco qui un ottimo ed inossidabile Aglianico campano, che sa recitare bene la sua parte. Alla vista si presenta un fulgido colore rosso rubino attraversato da riflessi purpurei.
Ventaglio olfattivo depositario di un complesso e sontuoso pot pourri di tanta buona frutta fresca, espansiva florealitàed influssi vegetali. In concreto risaltano eccellenti connotazioni di amarena, susina, sottobosco, violetta, rosa e macchia mediterranea. In appresso si percepiscono anche svolazzi speziati e costumanze terziarie perfettamente integrati.
Timbrica terrosa. Impatto del sorso sulla lingua accattivante, incisivo, ficcante, tagliente e glicerico. Trama tannica gradevole. Legno ben calibrato. Percezione tattile fine, elegante, armonica e lodevolmente ritmata. Scatto finale del tutto appagante. Da consumare su un piatto di pasta al ragù e tagliata di carne arrosto.

Montevetrano Colli di Salerno Igt 2020

Blend di Cabernet Sauvignon al 60%, Aglianico al 30% e saldo di Merlot. Vinificazione in acciaio per venti giorni. Affinamento per un anno in barriques di rovere francese. Elevazione in boccia per sei mesi. Gradazione alcolica di quattordici e mezzo. Prezzo finale intorno ai 50,00 euro.

E così il cerchio si chiude. In questi ultimi giorni ho avuto la possibilità di assaggiare le nuove annate dei migliori vini campani, con particolare riferimento a quelli rossi. Ebbene il compendio di tutto questo è rappresentato dall’iconica etichetta del Montevetrano, millesimo 2020. Su questo vino pluripremiato nel mondo si è parlato e discusso infinitamente a giusta ragione. Un vino straordinario che per una volta tanto ha messo d’accordo sulla sua affermata validità un vasto stuolo di appassionati, consumatori, tecnici specializzati e professionisti della comunicazione. Vediamo allora come si presenta questa annata.

La veste cromatica è segnata da uno sfavillante colore rubineggiante. Composito e pluralistico l’ampio crogiolo, dal quale il naso annusa in primis imberbi e stimolanti profumi di ciliegia, prugna, ribes, mirtilli, more, violetta e petali di rosa. Subito dopo ecco approcciarsi sussurri speziati di noce moscata, chiodi di garofano e pepe nero, insieme a suadenze di liquirizia, tabacco, caffè grafite e goudron. In bocca penetra subito un sorso imponente, esuberante, profondo, voluminoso, strutturato, etereo, caldo, balsamico, vigoroso e maestoso, ma che sa anche esprimere finezza, freschezza, sensualità, verticalità, morbidezza e perfino eleganza. Tannini palesemente giovani. Barrique perfettamente dosata. Allure nobile, affascinante e seducente. Sviluppo palatale bene equilibrato ed articolato e sapido al punto giusto. Longevità a lunghissima scadenza.  Retroaroma persistente ed edonistica. Da preferire su un capretto al forno con patate e formaggi stagionati.

Bene, fatemi dire che la vincente accoppiata Silvia Imparato-Riccardo Cotarella ha confermato per l’ennesima volta la grande valenza e l’immutato fascino di questi magnifici vini, che risultanocostantemente fedeli alle grandi aspettative riposte su di loro.

Azienda Agricola Montevetrano

Via Montevetrano, 3 – San Cipriano Picentino (Sa)

Tel. 089 882285 – Fax 089 882011c – Cell. 329 3769453

[email protected] – www.montevetrano.it

Enologo: Riccardo Cotarella

Ettari vitati: 5 – Bottiglie prodotte: 70.000

Vitigni: Aglianico, Cabernet Sauvignon, Merlot, Fiano e Greco.

 

Luglio 2020

Vini Montevetrano
Vini Montevetrano

di Enrico Malgi

Da alcuni anni Silvia Imparato, titolare dell’azienda salernitana Montevetrano, produce due vini  da varietà autoctone, come  il Core bianco e osso. Il primo, nato nell 2015, è confezionato con un blend paritario di fiano e greco, mentre il secondo, nato nel 2011, è  Aglianico in purezza. E lo stesso cru aziendale Montevetrano col passare del tempo ha visto aumentare la percentuale di Aglianico a discapito dell’internazionale Merlot. Una cosa è certa però: i vini di Montevetrano mantengono sempre un proprio fascino. La loro qualità si esprime sempre con costante puntualità, tanto è vero che immancabilmente sono premiati e ricercati. Tutto questo grazie alla storica collaborazione tra Silvia e l’enologo Riccardo Cotarella.

Controetichette vini Montevetrano
Controetichette vini Montevetrano

Core Bianco Campania Igt 2019. Come si diceva prima, si tratta di un blend di Fiano e Greco, varietà allevate nel Sannio. Fermentazione separata, data la differente maturazione delle uve. Elevazione in vetro per quattro mesi. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale intorno ai 15,00 euro.

Colore giallo paglierino-verdolino. Al nasopesca, mela, pera, albicocca, nocciole, mandorla e/o sospiri esotici. In appresso risaltano  elementi aromatici che ricordano delicate essenze di fiori e di macchia mediterranea e supportati da sottofondo speziato.Sorso elegante, fresco, morbido, equilibrato. Palato incisivo, puro, sapido e polposo. Finale persistente ed estremamente godibile. Da consumare su un piatto di vermicelli ai frutti di mare e latticini.

Core Rosso Campania Igt 2017. Aglianico in purezza coltivato nel Sannio, lavorato in acciaio e poi affinato in barriques nuove per dieci mesi. Quattro i mesi di elevazione in boccia. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale di 15,00 euro.

Il fratello minore del “Montevetrano” ormai cammina spedito sulle sue gambe, confortato da una sua precisa ed autonoma personalità, che subito si esalta in una veste cromatica segnata da un colore rubino. Al naso amarena, susina e sottobosco. Impronta aromatica terrosa e sulfurea. Finemente cesellato e ricamato il sorso: percezioni di eleganza, morbidezza, sapidità, mineralità, armonia ed equilibrio. Incisiva la spalla acida. Trama tannica bene intessuta. Progressione palatale profonda, scattante e tonica, che anticipa una chiusura ben ritmata e godibile. Abbinamento classico su piatti di carne e di formaggi.

Montevetrano Colli di Salerno Igt 2018. Blend di Cabernet Sauvignon al 50%, Aglianico al 30% e saldo di Merlot. Fermentazione per venti giorni in acciaio. Maturazione in barriques nuove per un anno ed affinamento in boccia per sei mesi. Tasso alcolico di quattordici gradi. Prezzo finale intorno ai 50,00 euro.

Vino pluripremiato ed ormai diventato oggetto di culto a livello planetario, vanto di un territorio in parte ancora vergine e poco sfruttato come quello dei Colli di Salerno.

Alla vista si presenta un colore rosso rubino scintillante e lievemente screziato di porpora. Corredo aromatico interessato da un’intensa ed eterea complessità di profumi. Ricca e variegata la componente fruttata di ciliegia, prugna, ribes, mora e mirtilli, che si mescola insieme con effusioni floreali di iris e di violetta. Immancabili poi i sentori speziati di noce moscata, pepe nero, cannella, chiodi di garofano e zenzero. Molteplici suggestioni terziarie. Sorso monumentale, sensuale, imponente, corposo, affascinante e vibrante di finezza. Vino dal carattere fmorbido ed elegante nel suo incedere, anche perché i tannini sono ben risolti. L’ottima freschezza da parte sua alimenta una beva facile e rinfrancante. Legno ben calibrato e non invasivo. Allure di alta classe, austera, nobile, seducente ed armoniosa. Evoluzione temporale a lunghissima scadenza. Dategli tanta carne e formaggi stagionati. Alé.

Azienda Agricola Montevetrano
Via Montevetrano, 3 – San Cipriano Picentino (Sa)
Tel 089 882285 – Fax 089 882011 – Cell. 329 3769453
[email protected]www.montevetrano.it
Enologo: Riccardo Cotarella
Errati vitati: 5 – Bottiglie prodotte: 70.000
Vitigni: Aglianico, Cabernet Sauvignon, Merlot, Fiano e Greco.