Vino tradizionale o piacione? La metafora dello spaghetto al pomodoro

28/1/2012 1 MILA

Spaghetti al pomodoro di Raffaele Vitale (Foto di Lido Vannucchi)

Chi ama davvero lo spaghetto al pomodoro non  aggiunge mai il formaggio.

Il motivo è semplice: se la qualità è davvero straordinaria e la salsa ben eseguita, il massimo della esaltazione è nella freschezza dolce portata a spalla dalla pasta.

Se invece il pomodoro non è dei migliori, o c’è stato un errore di esecuzione, allora il formaggio copre tutto e assicura il palato dei meno esperti.

Ecco, la metafora tra vinificazioni spinte anni ’90 e vinificazioni di tipo tradizionale è tutta qui.

E’ il confine tra produzione artigianale indifferente ai costi e progetto commerciale attento ai margini.

4 commenti

    Lello Tornatore

    Veramente il formaggio sulla pasta non c’andrebbe mai, solo così si riesce a percepire distintamente il contrasto acido-tendenza dolce…io non lo metto mai quando c’è il pomodoro…;-))

    28 gennaio 2012 - 18:30

    beniamino d'agostino

    Lello siamo separati alla nascita, pur’io, mai messo il formaggio quando c’è il pomodoro

    28 gennaio 2012 - 19:20

    Marcello

    Io spesso (non sempre) ci faccio una bella grattata di cacioricotta cilentano ( lo prendo da un amico a Felitto che usa il caglio di capretto) e vi assicuro e’ pura libidine, e non aggiungo altro, provare per credere…..

    28 gennaio 2012 - 22:58

    luciano pignataro

    E questa è la metafora del vino del contadino:-)

    28 gennaio 2012 - 23:37

I commenti sono chiusi.