Zuppa di ceci e totanetti dell’Osteria Diabasis. La ricetta perfetta della Dieta Mediterranea

12/8/2019 915

Osteria Diabasis zuppa di ceci e totanetti
Osteria Diabasis zuppa di ceci e totanetti

Per chi non lo sapesse, i calamari si devono mangiare quando ancora il caldo non è arrivato perché prediligono l’acqua fredda. L’estate è dunque la stagione del totano, altrettanto se non più buono. In questa preparazione dell’Osteria Diabasis di Ascea è raccolta tutta la filosofia della dieta mediterranea che è stata coniata proprio in queste zone e la tradizione dell’orto-mare. Facile da fare, punta tutto sulla qualità della mmateriaprima.

Zuppa di ceci e totanetti

  • 5.0/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • 1 Kg circa di totani piccoli e freschi
  • 500 g circa di ceci produzione locale, preferibilmente di Cicerale
  • Olio evo cilentano
  • Aglio
  • Pepe nero
  • Prezzemolo

Preparazione

Mettere in ammollo i ceci la sera prima, dopo averli scolati e lavati, lessarli in acqua a fuoco moderato per circa una ora e trenta con una foglia di alloro e un pizzico di sale. Quando saranno cotti, conservare l'acqua di cottura, che servirà per allungare la zuppa.

Soffriggere dolcemente l'aglio, senza bruciarlo, con tre cucchiai di olio, aggiungere poi i totanetti con un pizzico di sale e lasciate cuocere a fuoco molto lento per circa 10 minuti.

Nel frattempo soffriggere i ceci con un filo di olio e un pizzico di sale,

Aggiungere un poco di acqua della cottura, abbassare la fiamma e far cuocere per circa dieci minuti fino ad ottenere una certa consistenza. Se è necessario frullarne un paio di cucchiai fino ad ottenere una crema da aggiungere al tutto.

Quando i totanetti sono pronti unirli ai ceci e allungare con la loro acqua di cottura molto calda, amalgamare delicatamente a fiamma molto bassa per dieci minuti circa fino a che la zuppa raggiungerà la consistenza desiderata.

Servire la zuppa molto calda.

Un filo di olio evo cilentano, un ciuffo di prezzemolo, una macinata di pepe e dei crostini di pane tostato, completeranno il semplice, ma gustoso piatto del nostro mare e della nostra terra.

Vini abbinati: fiano del Cilento

3 commenti

    Marco Galetti

    Una persona a me vicina, mi ha fatto conoscere quest’osteria, la cucina Cilentana e una zia che non sapevo di avere che con l’energia di una ventenne (temporaneamente latitante) cucina i piatti della nonna, una nonna immaginaria, nemmeno molto, i cui insegnamenti non devono assolutamente andare persi, lunga vita all’osteria Diabasis e a tutti quelli che ci lavorano, sperando che possano continuare a fare a lungo quello che farei io se, aprendo una finestra, potessi vedere il “mio” mare, gettare un ancora, per la salvezza mia e delle tradizioni del territorio Cilentano tanto bello quanto fragile.

    12 agosto 2019 - 13:39Rispondi

    Marco contursi

    “Una stella cadde dal cielo
    la raccolsi e la misi nel cuore
    per proteggerla dalla fame e dal gelo
    la nutrii e scaldai col mio amore
    tutto questo, non bastó a farla mia
    un battito d’ali e da me voló via”.

    Speriamo non voli via pure questa meravigliosa zuppetta e tutte le specialità di autentica cucina cilentana di questo locale del cuore, che continua a parlare al cuore, pure quando non c’è più, chi,irrimediabilmente, il cuore se lo prese.

    12 agosto 2019 - 15:26Rispondi

    Lauretta

    Parlava d’amore chi l’amore non l’ha mai conosciuto,due cuori infranti,due anime perse,ma delle due stelle una riemerse..
    Un faro distratto o forse cupido scagliarono una freccia e di questi 3 cuori uno è guarito.
    L’esile giglio divenne “uragano” come farfalla è si liberò in volo andando lontano..

    16 ottobre 2019 - 20:18Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.