Dalla Slovenia con amore: chef e vini a Milano

Letture: 96
Gli chef che hanno partecipato all'evento

Domenica 30 gennaio si è svolta presso il Wstin Palace di Milano la kermesse “dalla Slovenia con amore”, organizzata da Cucina Gourmet, Il Gusto Gribaudo, Grandecucina e Carpe Diem. Andreja Lajh, giornalista enogastronomica slovena, fondatrice di Carpe Diem, si è occupata di scegliere gli chef  e le aziende vinicole da presentare alla splendida serata enogastronomica. Ero già a conoscenza dell’eccellenza dei vini sloveni, della capacità dei produttori di tentare l’impossibile, cercando l’assoluta naturalezza nel vinificare, con risultati poi nel bicchiere davvero seducenti.

Invece non conoscevo affatto la cucina di questa terra e mi sono positivamente sorpresa nel costatare e gustare l’eccellenza dei piatti preparati per la serata. Tanja e Damir Pintaric del ristorante Rajh a Murska Sobota, hanno preparato: pane saraceno fatto in casa con burro di zucca su sasso del fiume Mura; Bograc gulash e torta di zucca. Janez Bratovz del ristorante Restavracija JB a Ljubljana, ha preparato: carpaccio di orecchie di maiale su champignons con olio di girasole e olio di zucca; animela di vitello con funghi porcini in rete di maiale con mela candita; piedi di pollo fritti su finocchio dolce. Jure Tomic dell’Osterija Debeluh a Brezice ha preparato: ricet (zuppa d’orzo) con lingua croccante; strudel di mirtilli.


Tomaz Polenec del ristorante Brioni di Kranj ha preparato: branzino di Pirano affumicato su puree di sedano con mele Topaz; tartufo di cioccolato con miele e pere. Uros Fakuc del Restavracija Dam a Nova Gorica ha preparato: sashimi di branzino di Pirano polenta nera in zuppa di seppia. Jeffrey Vella del ristorante Zinfandel’s a Zagreb ha preparato: le collezioni degli olivi (sferiche, marshmallow pasta, sedano e mandarini); carpaccio di mela capesanta dell’Adriatico e fiori di miele; Alveare (formaggio cremoso di capra, crescione di miele). Gli chef sono stati bravissimi nell’interpretare la tradizione culinaria del proprio territorio interpretandola in chiave moderna ed estremamente raffinata. I vini hanno incantato tutti per la grande personalità e la forte identità espressa in maniera decisa e raffinata.

Le aziende presenti erano: Movia con Puro Rose 2003, Lunar 2007, Sauvignon 2008, Veliko Belo 2006, Pinot Nero 2005, Veliko rdece 2004. Edi Simcic con i vini: Ribolla 2007, Tokata 2009, Triton Lex 2007, Duet Lex 2005. Scurek con: Ribolla 2009, Kontra 2009, Stara Brajda bianca 2008, Dugo 2007, Pinot nero 2006, Up 2005. Cotar con i vini: Vitoska 2007, Malvasia 2006, Cra Terra Rossa 2003. Vino Kupljen ha presentato i vini: Rhine Riesling Cerovec 2009, Sauvugnon 2009, Sipon 2009, Chardonnay Sirius 2008, Pinot grigio 2006, Spirit of Jeruzalem 2003. Accuratissima la scelta dei piatti e dei vini che insieme alla bravura degli chef hanno contribuito a rendere estremamente piacevole la serata, animata da insolita allegria e leggerezza.

Marina Alaimo

(foto Bruno Gabersek)

5 commenti

I commenti sono chiusi.