Garantito Igp. Poliphemo di Luigi Tecce, emozionante Taurasi di riferimento del 2006

Letture: 105
Luigi Tecce (foto Mauro Erro)

Il cibo ed il vino secondo Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Franco Ziliani.
Ogni lunedì, i tre blog di Vino Igp (I Giovani Promettenti) offrono ai loro lettori un post scritto a turno dai giornalisti
Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Franco Ziliani”.

TECCE

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 15 a 20 euro franco cantina
Fermentazione e maturazione: legno

Se mi chiedete quale Taurasi 2006 portare nello spazio per berlo quando si arriva a Plutone non ho dubbi: il Poliphemo 2006 di Luigi Tecce.

Esagerato? Dipende dai punti di vista, ovvio. La ceramica vietrese cotta del forno elettrico è sicuramente bella, quella lavorata con il fuoco della legna amplia il suo fascino terragno e regala la sensazione di possedere un oggetto unico, magari meno funzionale ma sicuramente entusiasmante.
Luigi Tecce è artigiano vero, ogni anno un vino diverso per molti millesimi, poi l’ingresso nella docg Taurasi con l’etichetta Poliphemo che Franco ha conosciuto all’Oasis di Vallesaccarda nella versione 2005. Il suo anarchismo contadino non è estremista come quello di città, ma è però tutto dentro il suo modo di essere e di pensare: nessuna annata è eguale all’altra, la sua ambizione è fare vini ogni anno diversi. Lui sta al rosso come Antoine Gaita al bianco e bisogna incrociarli con molta esperienza alle spalle.
Se hai il compasso ficcato nel Cabernet Sauvignon e nel Merlot meglio non cominciare proprio il discorso. Le sue vigne a raggiera taurasina (la starza) di Trinità e San Nicola di Paternopoli sono le più alte dell’areale, poi a spalliera le trovi a Braiole, Armedicee, Sant’Andrea: alcune le piantò il padre, altre il nonno, sempre prima del 1980, l’anno del terremoto.
Non rivelo il segreto di Fatima, anche perché ci siamo, mancano poche ore,  affermando che per i degustatori di Slow Food il giudizio è identico a quelli dell’Espresso: il 2006 di Luigi è uno dei più grandi vini mai usciti da questa zona.
Il manico si vede nelle annate più difficili, e quando gestisci poche migliaia di bottiglie hai un bel vantaggio su tutti gli altri che si devono preccupare di esprimere un prodotto standard con uve di zone diverse.

Poliphemo 2006 Taurasi docg

Ma perché questo vino è così grande? Cosa ha di speciale? A mio parere esprime come pochi la vera anima ribelle dell’Aglianico, ossia quei tannini sempre difficili da gestire, le acidità spinte, in questo caso anche dall’altezza e dal freddo, la sapidità prorompente. Intendiamoci, è un vino materico, ma ben slanciato proprio grazie alla oculata gestione in cantina dove la fermentazione avviene in tini di castagno e la malolattica parte grazie al calore delle stufette. Luigi utilizza solo lieviti autoctoni spontanei, il vino fa macerazioni di 40 giorni sulle bucce in tini di castagno da 20 e 40 hl. Poi si sfeccia in acciaio e affina in carati da 500 ettolitri per un quarto nuovi, ovviamente non viene filtrato. Ogni annata è diversa dall’altra, a volte si stenta a credere che sia lo stesso vino.
Osserva molto acutamente Mauro Erro: “Uno di quei vini per cui ti incazzi appena lo assaggi, perché era come te lo ricordavi e non come l’ultima volta che lo avevi assaggiato. Uno di quei vini che modifica il tuo rapporto con il vino da tecnico con il misurino ad uomo che viaggia nel territorio, nel vino e le sue anime, diverse in ogni bottiglia, espressione ciascuna della propria terra e di un uomo e della sua sensibilità”. E lascio a Marina Alaimo, entusiasta sostenitrice di questo produttore, la descrizione: “Per esprimersi ha bisogno di lunga ossigenzazione anche quando è giovane. La 2006 si presenta al naso con un assetto di integrità ed espressione ampia, esordisce su note balsamiche, poi fruttate di mora, poi la viola, la speziatura è sottile, rabarbaro e cioccolato. In bocca è elegante, con tannini maturi, caldo, di buona spalla acida e buon equilibrio”.
Non posso aggiungere altro che questo: chi non capisce questo vino difficilmente può parlare autorevolmente di Taurasi e, soprattutto, di Aglianico.
Mozione d’ordine: parola negata:-)

Questo articolo viene pubblicato contemporaneamente su:

www.lucianopignataro.it
vinoalvino.org
www.winesurf.it

12 commenti

  • giulia

    (11 ottobre 2010 - 10:33)

    GRANDISSIMO VIINO DELL’INGEGNERE ANARCHICO DELL’AGLIANICO: Luigi Tecce l’aglianico ce l’ ha nelle vene ed esprime queli cheper me sono gli immutabili valori veronelliani del fare e vivere il vino e la terra, che mai si dovrebbero abbandonare.

  • Marina

    (11 ottobre 2010 - 11:15)

    Io amo Poliphemo profondamente in tutte le sue annate. Sono gratificata dal risultato ottenuto come se ne fossi io la produttrice. Luigi è un genio dell’aglianico e per questo può dividere i pareri. Ma rimane un dubbio forte verso chi non riesce ad apprezzarlo,forse costretti in canoni di valutazione fondamentelistici e molto limitanti.

  • giancarlo ioanna

    (11 ottobre 2010 - 11:32)

    GRANDE TECCE

    QUALITA’ FA SEMPRE LA DIFFERENZA ALLA GRANDE !!! VAI !!!!

  • Franc

    (11 ottobre 2010 - 11:42)

    Pignataro, posso chiederle una specifica (anche con parola d’ordine negata.. :-) ) ?
    Quando lei dice “Non posso aggiungere altro che questo: chi non capisce questo vino difficilmente può parlare autorevolmente di Taurasi e, soprattutto, di Aglianico.” cosa intende?
    Chi non lo osanna (magari non dandogli un Tre Bicchieri) non capisce di Taurasi e di Aglianico?

    • Luciano Pignataro

      (11 ottobre 2010 - 12:13)

      No, non mi riferisco a chi non lo premia, ma a chi ne parla male:-)
      Sono due livelli molto diversi, non crede? Io posso non premiare un vino perché non mi piace lo stile (mettiamo il Pietracalda dei Feudi tanto per fare un esempio), ma non per questo posso dire che è difettoso

      • Franc

        (11 ottobre 2010 - 12:35)

        Credo.
        Appunto le ho chiesto una specifica.

        Io ho letto di questo vino da diversi commentatori autorevoli, tra cui Gravina, Erro e De Cristoforo.
        Ognuno con i propri distinguo, nessuno ha mai detto che è un vino difettoso.
        Ho letto di piccoli difetti che per alcuni sono la massima espressione di autenticità e per altri sono delle piccole escrescenze da limare in attesa dell’eccellenza.
        Ma sconsigliarlo perché difettoso…mi pare di non aver letto niente del genere.
        O mi sbaglio?

        • Mauro Erro

          (11 ottobre 2010 - 13:01)

          Credo ci si riferisca al chiacchiericcio, molto antipatico, che segue i premi delle guide e che, si tratti di foum o di occasioni altre, si sviluppa e in queso caso nate dalla contrapposizione tra la guida del Gambero e quella de L’Espresso. D’Altronde, come si sa, in Italia ci si deve sempre dividere in due fazioni, guelfi o ghibellini, pro Tecce o pro Feudi, stando alle aziende citate.

          • Umberto Trevisan

            (11 ottobre 2010 - 14:13)

            Non entro nel merito tecnico del vino di Tecce, no avendone le compteneze, ma come diceva Mauro, quando bevi un bicchiere di polihemo ti accorgi che il vino è materia viva, che non è mai lo stesso,e ti si accende il cuore, ti riempie la bocca e non ti lascia più…in attesa di un’altra bottiglia, curioso di sentire che cosa dirà, perchè la storia non è mai la stessa, anche se il “manico” di chi lo fa è cosi sapiente da regalarti sempre grandi emozioni….. e chi se ne frega se non prende premi da tutte le guide…..

          • Lello Tornatore

            (11 ottobre 2010 - 16:02)

            Quoto in toto, anzi sottoscrivo, i concetti da te espressi, caro Umberto, ma non dimenticare che dobbiamo assaggiare la grappa ed il “passito di aglianico fortificato” di Luigi. A quando?

          • Luciano Pignataro

            (11 ottobre 2010 - 18:13)

            Excusatio non petita, accusatio manifesta

  • Umberto Trevisan

    (11 ottobre 2010 - 18:43)

    @ Lello, quando vuoi, organizza pure un sabato, io ho provato da Mauro ( e menomale che c’è lui..) due bianchi,( non si sa che uve!, ma della sua vigna) uno affinato in damigiana, l’ altro in botte; 16 gradi e non sentirli….a fine pasto scendeva, e come se scendeva, sinceramente emozionanti ( e bbbuoni!)

  • giovanni

    (11 gennaio 2011 - 17:40)

    Questo Tecce sarà pure un buon prouttore ma è un completo incompetente nella comunicazione
    non riesto a trovare un contatto sul web da giorni.
    imprenditori come questi, fortunatamente, sono destinati a sparire

I commenti sono chiusi.