Greco di Tufo 2011 docg Bambinuto |Voto 90/100: il bianco campano rivelazione dell’anno

Letture: 158
Marilena Aufiero in cantina (Foto Lello Tornatore)

Uva: greco di Tufo
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Vista 5/5. Naso 25/30. Palato 27/30. Non Omologazione 33/35

La 2011 è stata un’annata difficile per i bianchi italiani. Buona, a volte ottima, per quelli campani. Gli assaggi coperti di giugno e luglio di Slow Wine rivelano eccellenze nel Fiano, nel Greco e nella Falanghina del Sannio e dei Campi Flegrei, tutte etichette in grande spolvero nelle guide in uscita.
Non so se siano migliori d’Italia come pure autorevoli degustatori hanno scritto (Fiano Pietracupa bianco dell’anno per Fabio Rizzari ed Ernesto Gentili sull’Espresso 2013) o valutato a voce, il fatto è che questi bianchi, sapidi, freschi, salati, con il finale amaro, hanno un loro carattere che li distingue dall’indistinto, uno stile campano che ormai coinvolge quasi tutti i produttori e tutte le aree di produzione, anche il Cilento che non poggia su base vulcanica. Che noia l’altra sera all’Imago dell’Hassler a Roma con blasonati Chardonnay e Sauvignon italiani, verrebbe quasi la voglia di usarli per smettere di bere:-)
Come il Greco di Tufo della famiglia Aufiero, vino slow 2013 e vino di eccellenza dell’Espresso 2013 con un punteggio di grande peso (18,50).
A molti il nome della cantina, Bambinuto, dirà poco e nulla: i piccoli vigneron irpini come Perillo, Elmi, Picariello, Villa Diamante, La Molara, Di Prisco, Guastaferro, Tecce e tanti altri, la maggioranza, non possono permettersi uffici di consulenza o uffici stampa e spesso sono fuori dal circuito 2.0. Solo grazie alle guide e a questo blog hanno quei riflettori altrimenti difficili da raggiungere. Inoltre spesso, proprio perché piccole, esprimono discontinuità e non è sempre facile ripetersi millesimo dopo millesimo come è avvenuto con qualche etichetta sugli scudi nell’ultimo periodo e deludente in quests annata.
La Cantina nasce nel 2006 dopo il forte calo del prezzo delle uve. La vigna sta a Cutizzi, a 400 metri su terreno argilloso, ben gestita con l’aiuto di Antonio Pesce, enologo di tradizione familiare, come Marilena il cui papà Raffaele curava appunto il vigneto ereditato a sua volta dal padre.
Ad agosto vi avevamo parlato del Picoli 2011, la selezione di uve che, come spesso accade soprattutto con i bianchi passati in acciaio, nelle degustazioni coperte resta un po’ indietro rispetto al base. In effetti è andata così anche in questo caso, perché la prova del Greco 2011 è stata assolutamente convincente.

Il gusto di Bambinuto è schierato sull’ala sinistra, quella più tufacea e minerale, di un immaginario arco parlamentare del bianco irpino che culmina con il pompelmo e purtroppo a volte con l’ananas e la papaya in alcune interpretazioni del passato. Dunque, un po’ come il Vigna Cicogna, bisogna avere il palato allenato al Greco per centrare il giudizio, ma quando questi vini riescono a sfondare non ce n’è per nessuno: freschezza, corpo, carattere, vivacità di beva, dinamismo olfattivo con il variare della temperatura e soprattutto grandissima abbinabilità al cibo.
Se pensate che un vino del genere parte franco cantina a poco più di sei euro, non c’è che dire: per il consumatore è un affare da non perdere.

Sede a Santa Paolina. Via Cerro, 18. Tel. 0825.964634. www.cantinabambinuto.com Enologo: Antonio Pesce. Ettari: 4 di proprietà. Bottiglie prodotte: 18.000. Vitigni: greco, fiano, falanghina, aglianico

5 commenti

  • Ivan

    (4 ottobre 2012 - 10:45)

    Grande blog, perchè mettete in evidenza realtà meravigliose ma poco conosciute. Spesso faccio visita in azienda e vi posso dire che ho trovato un ambiente caloroso, una grande organizzazione, grande lavoro in vigna, e grande attenzione in cantina, e a dire il vero la passione di Marilena è travolgente, bravo Luciano per l’attenzioni che dai a queste realtà.

  • Maria

    (4 ottobre 2012 - 11:45)

    Complimentoni, ci voleva , è bellissimo il vostro blog, perchè mettete in risalto realtà nascoste,e non solo, ho notato che queste realtà vengono seguite passo passo, qui avete premiato vigna, passione, qualità, che avete sicuramente accertato, finalmente qualcuno che ha premiato su dati oggettivi, finalmente un nome nuovo, continuate così, e un meritato bravo a Marilena che con il suo greco ,quest’anno si è superata.

  • angelo

    (4 ottobre 2012 - 12:10)

    Bravi ragazzi, sono felicissimo, da quando vi ho conosciuto non vi siete mai fermati, il vostro unico obbiettivo è la qualità,bravi.

  • maria

    (4 ottobre 2012 - 12:31)

    ragazzi , xhè il mio commento non è visibile,forse ci sono problemi di collegamento?

  • Francesco Mondelli

    (4 ottobre 2012 - 23:24)

    Ripeterò fino alla noia ciò che mi disse tanti anni fà un degustatore professionista:voi Campani state facendo rossi da concorso ,ma la vostra vera vocazione è a bacca bianca. Non desti quindi più meraviglia se il padrone di casa,come canditamente ammette,è di fede bianchista:sceglie il meglio.

I commenti sono chiusi.