La carne alla pizzaiola da Tonino

Letture: 207
La Carne alla pizzaiola.

Ingredienti per 4 persone:

4 fette di punta di natica sottili

1 kg pomodori pelati

2 spicchi aglio nostrano

Origano nostrano q.b.

Olio extravergine d’oliva q.b.

1 decina olive nere di Gaeta snocciolate

Sale q.b.

Procedimento:

Il nome di questa ricetta deriva dalle più semplici delle pizze, la marinara.

Aglio, olio, origano  e pomodoro: ingredienti ancestrali dal gusto memorabile.

In un ampio tegame alto disponete tutti gli ingredienti insieme e lasciate cuocere a fuoco medio per circa 15 minuti, rigirando la carne di tanto in tanto. Togliete quindi il coperchio e lasciate asciugare il liquido in eccesso; regolate di sale e disponete nei piatti con il sugo caldo e una foglia di basilico. Questa salsa può diventare un sontuoso condimento per una pasta “ampress’, ampress”, si tratta infatti di un piatto molto amato dalle donne napoletane amanti della tradizione, ma,  con poco tempo a disposizione.

Ricetta raccolta da Giulia Cannada Bartoli

Osteria da Tonino dal 1880

Via S. Teresa a Chiaia 47
Tel. 081. 421533
osteriadatonino@libero.it

Aperto: da lunedì alla domenica a pranzo h. 12,00 – 15,00
Venerdì e Sabato anche di sera ( consigliata la prenotazione)
Chiusi: dal lunedì al giovedì sera
Carte di credito e bancomat: si
Ferie: 2 settimane centrali in agosto

5 commenti

  • Adriano Anglani

    (1 febbraio 2012 - 14:38)

    Sono io ad essere impreparato sulla cucina napoletana oppure il testo e la foto contaraddicono il titolo???

    • luciano pignataro

      (1 febbraio 2012 - 15:31)

      Corretto, grazie Adri

      • marisa sammarco

        (2 febbraio 2012 - 23:59)

        Mi permetto di suggerire una variante: prima soffriggere per un pò la carne, poi aggiungere i pomodori e gli aromi. Forse è irrispettoso della tradizione, non so, ma così non si rischia quell’effetto “bollito” tanto spiacevole quanto frequente….

  • Mariano

    (3 febbraio 2012 - 17:54)

    Sono d’accordo con Marisa, la carne deve essere rosolata preventivamente per bloccarne i succhi nel suo interno. Poi le olive le eliminerei a vantaggio di una fresca fogliolina di basilico. Una volta ristretto quasi del tutto il sugo si inserisce la carne (il taglio ideale è la fracosta ovvero la napoletana “locena”). Breve cottura della stessa e …Buon Appetito!.

  • lettieri federico

    (8 febbraio 2012 - 08:21)

    Preferisco utilizzare la colarda e tagliata non tanto sottile in quanto la faccio cuoicere per circa 1 ora . Ai pomodori pelati ed all’aglio ( rosso di Sulmona) aggiungo un mezzo bicchiere di vino bianco secco. Non unisco le ulive nere. fondamentale l’origano: origano fresco raccolto in collina essicato e poi utilizzato. buon appetito

I commenti sono chiusi.