Muore Santi Santamaria, il cuoco tradizionale che combatteva Ferran Adrià

Letture: 185
Santi Santimaria

Troppo presto per smettere di polemizzare. Eppure è andata così: a soli 53 anni è morto a Singapore stroncato da un infarto Santi Santimaria, il grande cuoco catalano nemico di Ferran Adrià, colpevole di aver trasformato, a suo dire, il cibo in un oggetto hi-tech


Pioniere dell’alta cucina catalana, Santamaria è stato il primo chef nel nordest della Spagna ad ottenere le tre stelle Michelin per il suo locale, nel 1994: il Can Fabes. Ho avuto il piacere di cenare nel 2009 al Sant Celoni di Madrid, dove i camerieri sembravano ballerini acquatici per il perfetto coordinamento dei movimenti: piatti con il sapore centrato, soprattutto quelli di carne.
Forse il suo seguace più convinto in Italia, anche nei toni oltre che nei contenuti della polemica, è Rocco Iannone, con il quale si frequentava quando poteva: il catalano bussò al suo ristorante di Cava de’ Tirreni e fu amore a prima vista.
Ma ecco la notizia Ansa con la carriera.

Ansa. Figlio di contadini, autodidatta, aveva aperto nel 1981 il suo primo ristorante, Raco de Can Fabes, a Sant Celoni, vicino a Barcellona, nella casa di famiglia.
La sua cucina fatta di sapori tradizionali e di prodotti naturali lo aveva fatto diventare nel 1994 a 35 anni il primo chef catalano a ottenere le tre stelle Michelin. Aveva poi aperto il Santceloni a Madrid, 2 stelle Michelin, considerato uno dei migliori, se non il migliore, della capitale spagnola.
Negli ultimi anni si era lanciato in una crociata in difesa della tradizione gastronomica contro gli ‘stregoni’ della cucina molecolare inventata dal suo amico Ferran Adria, l’altro grande tre stelle catalano, titolare di El Bulli’. Lo scontro culinario-ideologico fra i due aveva innescato una vera e propria ‘guerra degli chef’ in Spagna, fra sostenitori dei sapori della tradizione e fautori della cucina chimico-innovativa.
“Con Ferran Adrià c’è un divorzio enorme, concettuale e etico: lui e la sua magnifica equipe vanno in una direzione contraria ai miei principi”, diceva Santamaria, apostolo della “grandiosa saggezza del buon prodotto” e dei sapori della sua terra catalana. Lo scontro con Adrià gli aveva valso solide antipatie nel mondo dell’alta cucina spagnola. Ma lui non aveva peli sulla lingua, e non esitava a mettere in guardia perfino contro gli effetti nocivi per la salute della ‘cucina chimica’.
Nel libro ‘La cocina al desnudo’ aveva denunciato la “cucina spettacolo”, fatta di prodotti e additivi industriali, che aveva trasformato, diceva, la gastronomia in un “circo mediatico”. Parole politicamente scorrette nel mondo di oggi, ma che esprimevano forse quanto molti pensano ma non dicono.
Era un grande difensore della dieta mediterranea: invitava la gente a usare “meno cose in scatola, meno prodotti del supermercato, ed a tornare a sbucciare le cipolle” e denunciava le “stupidaggini come mangiare le ciliege d’inverno”, perché “con le cose del mangiare – tuonava – non si scherza”.

10 commenti

  • Ciccio Sultano

    (17 febbraio 2011 - 21:39)

    Pace all’anima sua…. ancora a fare polemiche pure quanno se more… grande Neruda “er popolo cojone”…

  • Ciccio Sultano

    (17 febbraio 2011 - 21:46)

    Sorry Carlo Alberto Salutri in arte Trilussa… pensavo alla Spagna e all’anima in pace del collega!!! e mi è uscito Neruda..

  • gaetano

    (18 febbraio 2011 - 00:42)

    Ciao Grande chef ti ho ammirato e ti ammirero sempre che la tua anima riposo felice nelle grazie del Signore

  • agostino

    (18 febbraio 2011 - 01:25)

    buon viaggio chef……..

  • Monica Piscitelli

    (18 febbraio 2011 - 01:37)

    Addio a un grande chef e a un uomo scomparso troppo presto davvero.

  • Claudio Comandini

    (18 febbraio 2011 - 06:53)

    Quale inestimabile perdita !!!
    Sincere ed affettuose condoglianze a tutti i suoi cari !!!
    R.I.P.

  • nicola marino

    (18 febbraio 2011 - 09:38)

    salve amici sono entrato nel vostro sito ed e la prima ed ultima volta .quasi nessuno delle persone che lascia un conmmento conosce ne il lavoro ne la professionalita di santi,solo vedo una banda di invidiosi e falliti .da 20 anni a barcellona ho avuto la fortuna di conoscere il due artisit della cucina come santi santimaria e ferran adria .
    hasta nunca

  • ARJAN

    (18 febbraio 2011 - 14:46)

    CONDOLIANCA DA PARTE MIA MIDISPIACE ABIAMO LA NOSTRA SOFERENCA PERCHE ANCHE SE NON CONOSEVA MI ANO DETTO CHE ERA UN GRANDE CHEF SPERIAMO CHE LUI E IN MISERICORDIO DI DIO

  • pasquale t

    (18 febbraio 2011 - 15:02)

    addio Maestro , ma che tristezza le polemiche anche quando si parla di morte

  • alessandro

    (18 febbraio 2011 - 20:44)

    Il suo seguace italiano resta da solo a questo punto…. Chissà se avrà la forza di continuare a sostenere questa crociata…. Addio al maestro

I commenti sono chiusi.