News dalle aziende e dagli enti
32

Osterie d’Italia Slow Food 2013. L’elenco delle 231 chiocciole italiane

25 novembre 2012

Oasterie d'Italia curata da Marco Bolasco e Eugenio Signoroni

Osterie d’Italia, si sa, non è una guida come tutte le altre. E anche quest’anno si distingue per l’estrema attenzione e la cura con cui gli oltre 400 collaboratori hanno visitato le osterie nelle varie regioni. Pilastri fondamentali del sussidiario del mangiar bere all’italiana, pubblicato da più di vent’anni da Slow Food Editore, restano la qualità dell’accoglienza e dell’ospitalità, l’attenzione ai prodotti locali e alle tradizioni e il rapporto tra qualità e prezzo.

Ma non solo: «Questa è la guida di Slow Food, costruita scheda per scheda da un gruppo di lavoro che non include solo esperti e critici enogastronomici, ma fiduciari e soci buongustai» spiegano Marco Bolasco ed Eugenio Signoroni, curatori del volume. Persone quindi che osservano la realtà locale con un occhio più simile a quello del consumatore, che hanno spesso un dialogo diretto con i ristoratori e sono parte integrante di quella microeconomia che coinvolge produttori, agricoltori e cuochi. Il risultato? «Una selezione di osterie attente al territorio e che, con i loro piatti, puntano alla bontà e alla semplicità».

Restano i simboli ormai familiari per riconoscere i locali selezionati: la Chiocciola per le osterie che più di altre entusiasmano per ambiente, cucina, accoglienza, assegnata quest’anno a 231 locali; la Bottiglia, per le osterie con le cantine più fornite e rappresentative della regione; e il Formaggio, per i locali che presentano la migliore selezione di caci. Segnalazione particolare è riservata ai locali accessibili ai disabili e  a quelli che aderiscono al progetto Alimentazione Fuori Casa dell’Associazione Italiana Celiachia. Ristoranti ma non solo: indicati anche i bar e le pasticcerie per una sosta piacevole, o i negozi e gli artigiani dove acquistare specialità gastronomiche locali. Da quest’anno è possibile riconoscere i ristoranti che aderiscono al progetto dell’Alleanza tra cuochi e Presìdi Slow Food, la rete di chef che si impegnano ad avere nel menù almeno tre prodotti dei Presìdi e a menzionare il nome dei produttori.

Immancabili gli Oltre alle Osterie, locali che propongono ricette simbolo della tradizione e del territorio ma in ambienti più eleganti e formali di quanto non sia un’osteria e con un conto più elevato rispetto al nostro limite di 35 euro. E poi gli Scelti per Voi, con i piatti più significativi dell’enogastronomia regionale, dal cuscus trapanese allo strudel altoatesino. Gli approfondimenti regionali ci accompagnano in un viaggio alla scoperta dei prodotti tipici o delle preparazioni dimenticate. A passeggio tra le pizzerie di Napoli, le bancarelle del cibo di strada di Palermo o le ombre veneziane.

Difficile riassumere la cucina campana in poche parole, per una regione che comprende mare e montagna. Ricette scandite dalle stagioni e dalle tradizioni locali, con agnello, pasta e patate, provola, ma anche stoccafisso e totani. E in guida non manca un inserto speciale sulla pizza e il cibo di strada, preparato rigorosamente con ingredienti di primissima qualità.

Appuntamento con la presentazione di Osterie d’Italia 2013 (riservata alla stampa) a Roma il 1 ottobre nei locali di Eataly, Piazzale XII Ottobre 1492. La giornata si apre alle 10,30 con la presentazione della nuova edizione della guida (riservata alla stampa e agli operatori), mentre per tutto il giorno i ristoranti di Eataly proporranno al pubblico alcuni piatti tratti da Osterie d’Italia. La presentazione è organizzata con il sostegno di Gruppo Italiano Vini, Mutti Spa, Philips, Unipol Assicurazioni e Eataly. Osterie d’Italia è già disponibile in libreria, mentre l’applicazione Iphone è scaricabile direttamente dall’App Store.

Osterie d’Italia 2013, Il sussidiario del mangiarbere all’italiana

Curatori: Marco Bolasco, Eugenio Signoroni

Pagine 928 – Prezzo 22 euro

ABRUZZO

1)    Zenobi – Colonnella, Rio Moro (Te)

2)    Sapori di Campagna – Ofena (Aq)

3)    Taverna de li Caldora – Pacentro (Aq)

4)    Taverna 58 – Pescara (Pe)

5)    Font’Artana – Picciano (Pe)

6)    Vecchia Marina – Roseto degli Abruzzi (Te)

 

ALTO ADIGE

 

1)    Kürbishof -  Anterivo-Altrei (bz)

2)    Oberraut -  Brunico-Bruneck (Bz)

3)    Signaterhof -  Renon-Ritten (Bz)

4)    Jägerhof -  San Leonardo in Passiria-Sankt Leonhard in Passeier (Bz)

5)    Lamm Mitterwirt – San Martino in Passiria- Sankt Martin in Passeier (Bz)

6)    Durnwald -  Valle di Casies-Gsies (Bz)

 

BASILICATA

 1)    Al Becco della Civetta – Castelmezzano (Pz)

2)    Valsirino – Lagonegro (Pz)

3)    Da Peppe – Rotonda (Pz)

4)    La Mangiatoia – Rotondella (Mt)

5)    Luna Rossa – Terranova di Pollino (Pz)

 

CALABRIA

 

1)    Max – Cirò Marina (Kr)

2)    Calabrialcubo – Nocera Terinese (Cz)

3)    Il Vecchio Castagno – Serrastretta (Cz)

4)    Zio Salvatore – Siderno (Rc)

 

CAMPANIA

1)    La Pignata – Ariano Irpino (Av)

2)    Valleverde Zi’ Pasqualina – Atripalda (Av)

3)    Il Focolare – Barano d’Ischia (Na)

4)    Nunzia – Benevento (Bn)

5)    Grillo d’Oro – Bisaccia (Av)

6)    Gli Scacchi – Caserta (Ce)

7)    Al Convento – Cetara (Sa)

8)    La Pergola – Gesualdo (Av)

9)    Fenesta Verde – Giugliano in Campania (Na)

10) Lo Stuzzichino – Massa Lubrense (Na)

11) Di Pietro – Melito Irpino (Av)    

12) La Taverna dell’Arte – Napoli (Na)

13) Osteria del Gallo e della Volpe – Ospedaletto d’Alpinolo (Av)

14) Angiolina – Pisciotta (Sa)

15) Perbacco – Pisciotta (Sa)

16) Abraxas – Pozzuoli (Na)

17) La Ripa – Rocca San Felice (Av)

18) ’E Curti – Sant’Anastasia (Na)

19) La Piazzetta – Valle dell’Angelo (Sa)     

 

CANTON TICINO

1)    Ul Furmighin – Breggia, Cantone Ticino

2)    Morchino – Lugano, Cantone Ticino

3)    Grotto dell’Ortiga – Manno, Cantone Ticino

 

EMILIA ROMAGNA

1)    Al Gambero Rosso – Bagno di Romagna (Fc)

2)    Osteria Bottega – Bologna (Bo)

3)    Campanini – Busseto (Pr)

4)    Locanda Mariella – Calestano (Pr)

5)    La Baita – Faenza (Ra)

6)    Entrà – Finale Emilia (Mo)

7)    La Campanara – Galeata (Fc)

8)    Antica Locanda del Falco – Gazzola (Pc)

9)    Da Giovanni al Belvedere (ex Osteria Vecchia) – Guiglia (Mo)

10) Osteria del Vicolo Nuovo da Rosa e Ambra – Imola (Bo)

11) Osteria di Rubbiara – Nonantola (Mo)

12) Ai due Platani – Parma (Pr)

13) Da Ottavio – Sogliano al Rubicone (Fc)        

 

FRIULI VENEZIA GIULIA

1)    Dal Cjco – Castelnovo del Friuli (Pn)

2)    Ai Cacciatori – Cavasso Nuovo (Pn)

3)    Borgo Poscolle – Cavazzo Carnico (Ud)

4)    Borgo Colmello – Farra d’Isonzo (Go)

5)    Ai Ciodi – Grado (Go)

6)    Vecchia Maniago – Maniago (Pn)

7)    Il Favri – San Giorgio della Richinvelda (Pn)

8)    Alle Nazioni – San Quirino (Pn)

9)    Devetak  – Savogna d’Isonzo-Sovodnje ob Soci (Go)

10) Da Afro – Spilimbergo (Pn)

11) Sale e Pepe – Stregna-Srednje (Ud)

12) Da Alvise – Sutrio (Ud)

13) Stella d’Oro – Verzegnis (Ud)

 

LAZIO

 1)    Iotto – Campagnano di Roma (Rm)

2)    Osteria del Tempo Perso – Casalvieri (Fr)

3)    Osteria del Contadino – Cori (Lt)

4)    Zarazà – Frascati (Rm)

5)    L’Oste della Bon’Ora – Grottaferrata (Rm)

6)    La Briciola di Adriana – Grottaferrata (Rm)

7)    Taverna Mari – Grottaferrata (Rm)

8)    Hostaria della Piazzetta – Monte San Biagio (Lt)

9)    Sora Maria e Arcangelo – Olevano Romano (Rm)

10) La Polledrara – Paliano (Fr)

11) Antica Osteria Fanti – Priverno (Lt)

12) Da Cesare – Roma (Rm)

13) Osteria del Velodromo Vecchio – Roma (Rm)

14) Palatium – Roma (Rm)

15) Saint Patrick – Terracina (Lt)

16) Tredici Gradi – Viterbo (Vt)

 

LIGURIA

 1)    Magiargè – Bordighera (Im)

2)    Da Casetta  – Borgio Verezzi (Sv)

3)    Armanda – Castelnuovo Magra (Sp)

4)    Ostaia da U Santu – Genova (Ge)

5)    La Molinella – Isolabona (Im)

6)    Antica Osteria dei Mosto – Ne (Ge)

7)    La Brinca – Ne (Ge)

8)    U Giancu – Rapallo (Ge)

9)    Gli Amici – Varese Ligure (Sp)

 

LOMBARDIA

 1)    Al Ponte Acquanegra sul Chiese (Mn)

2)    Dispensa Pani e Vini – Adro (Bs)

3)    Visconti – Ambivere (Bg)

4)    Le Frise – Artogne (Bs)

5)    Altavilla – Bianzone (So)

6)    Dentella – Bracca (Bg)

7)    Osteria al Bianchi – Brescia (Bs)

8)    La Madia – Brione (Bs)

9)    La Piana – Carate Brianza (Mi)

10) Hostaria Viola – Castiglione delle Stiviere (Mn)

11) Il Gabbiano – Corte de’ Cortesi con Cignone (Cr)

12) Locanda delle Grazie – Curtatone (Mn)

13) Caffè la Crepa – Isola Dovarese (Cr)

14) Da Mirta – Milano (Mi)

15) Osteria del Crotto – Morbegno (So)

16) Trattoria dell’Alba – Piadena (Cr)

17) Inarca – Proserpio (Co)

18) Via Vai Fratelli Fagioli – Ripalta Cremasca (Cr)

19) Le Caselle – San Giacomo delle Segnate (Mn)

20) Opera Ghiotta – San Giorgio di Mantova (Mn)

 

MARCHE

1)    Al Mandracchio – Ancona (An)

2)    Il Giardino degli Ulivi – Castelraimondo (Mc)

3)    Chalet Galileo – Civitanova Marche (Mc)

4)    Da Maria – Fano (Pu)

5)    Coquus Fornacis – Serra de’ Conti (An)

6)    La Pianella – Serra San Quirico (An)

 

MOLISE

 1)    La Grotta da Concetta – Campobasso (Cb)

2)    Dentro le Mura – Termoli (Cb)

 

PIEMONTE

1)    Osteria dell’Arco – Alba (Cn)

2)    Locanda dell’Olmo – Bosco Marengo (Al)

3)    Boccondivino – Bra (Cn)

4)    Marsupino – Briaglia (Cn)

5)    Bianca Lancia dal Baròn – Calamandrana (At)

6)    Violetta – Calamandrana (At)

7)    Il Moro – Capriata d’Orba (Al)

8)    Da Marisa al Castello – Castell’Alfero (At)

9)    Roma – Castelletto Stura (Cn)

10) Madonna della Neve – Cessole (At)

11) La Torre – Cherasco (Cn)

12) Ristorante del Mercato da Maurizio – Cravanzana (Cn)

13) Rosso Rubino – Dronero (Cn)

14) La Taverna di Fra Fiusch – Moncalieri (To)

15) Cantina dei Cacciatori – Monteu Roero (Cn)

16) Osteria Alpino – Paesana (Cn)

17) Osteria della Pace – Sambuco (Cn)

18) San Marzano Oliveto Del Belbo da Bardon Asti At

19) La Coccinella – Serravalle Langhe (Cn)

20) Lou Sarvanot – Stroppo (Cn)

21) Antiche Sere – Torino (To)

22) Consorzio – Torino (To)

23) Sotto la Mole – Torino (To)

24) San Bernardo – Verzuolo (Cn)

 

PUGLIA

1)    L’Aratro – Alberobello (Ba)

2)    Antichi Sapori – Andria (Bt)

3)    Perbacco – Bari (Ba)

4)    Il Castelletto – Carovigno (Br)

5)    Cucina Casereccia, Le Zie – Lecce (Le)

6)    Falsopepe – Massafra (Ta)

7)    Masseria Barbera – Minervino Murge (Bt)

8)    L’Antica Locanda – Noci (Ba)

9)    Peppe Zullo – Orsara di Puglia (Fg)

10) La Piazza – Poggiardo (Le)

11) La Fossa del Grano – San Severo (Fg)

 

SARDEGNA

1)    Santa Rughe – Gavoi (Nu)

2)    La Rosella – Giba (Ci)

3)    Pintadera – Iglesias (Ci)

4)    Su Recreu – Ittiri (Ss)

5)    Sas Benas – Santu Lussurgiu (Or)

 

SICILIA

1)    Don Ciccio – Bagheria (Pa)

2)    U Locale – Buccheri (Sr)

3)    Le Lumie – Marsala (Tp)

4)    La Locanda del Colonnello – Modica (Rg)

5)    La Perla - Naso (Me)

6)    Trattoria del Crocifisso da Baglieri – Noto (Sr)

7)    Trattoria del Gallo – Palazzolo Acreide (Sr)

8)    Piccolo Napoli – Palermo (Pa)

9)    Da Salvatore – Petralia Soprana (Pa)

10) Fratelli Borrello – Sinagra (Me)

11) Vultaggio – Trapani (Tp)


TOSCANA

1)    Il Tirabusciò – Bibbiena (Ar)

2)    Summertime – Capoliveri (Li)

3)    Antica Fattoria del Grottaione – Castel del Piano (Gr)

4)    La Taverna del Pian delle Mura – Castiglione d’Orcia (Si)

5)    Il Cantuccio – Castiglione della Pescaia (Gr)

6)    Osteria del Teatro – Cortona (Ar)

7)    Mangiando Mangiando – Greve in Chianti (Fi)

8)    Oste Scuro – Grosseto (Gr)

9)    La Paloma – Isola del Giglio (Gr)

10) Il Mecenate – Lucca (Lu)

11) Hosteria La Vecchia Ròta – Marciano della Chiana (Ar)

12) Il Frantoio – Montescudaio (Pi)

13) Il Pozzo – Pieve Fosciana (Lu)

14) Il Garibaldi Innamorato – Piombino (Li)

15) La Bottegaia – Pistoia (Pt)

16) Antica Trattoria Pelliccia – Pontremoli (Ms)

17) Da Bussè – Pontremoli (Ms)

18) La Tana degli Orsi – Pratovecchio (Ar)

19) Le Panzanelle – Radda in Chianti (Si)

20) Da Gagliano – Sarteano(Si)

21) Bistrot del Mondo da Bobo all’Acciaiolo – Scandicci (Fi)

22) La Botte Piena – Torrita di Siena (Si)

23) Il Conte Matto -Trequanda (Si)

 

TRENTINO

1)    Maso Cantanghel Trattoria da Lucia – Civezzano (Tn)

2)    Locanda delle Tre Chiavi – Isera (Tn)

3)    Boivin – Levico Terme (Tn)

4)    Osteria Storica Morelli – Pergine Valsugana (Tn)

5)    La Berlocca – Predazzo (Tn)

6)    Nerina – Romeno (Tn)

7)    Fuchiade – Soraga (Tn)

 

UMBRIA

 1)    L’Acquario – Castiglione del Lago (Pg)

2)    La Miniera di Galparino – Città di Castello (Pg)

3)    La Cantina della Villa – Nocera Umbra (Pg)

4)    Stella – Perugia (Pg)

 

VALLE D’AOSTA

1)    Locanda La Clusaz – Gignod (Ao)

 

VENETO

1)    Alla Rosa – Adria (Ro)

2)    Zamboni – Arcugnano (Vi)

3)    Alle Codole – Canale d’Agordo (Bl)

4)    Pironetomosca – Castelfranco Veneto (Tv)

5)    Al Portico – Cona (Ve)

6)    Dai Mazzeri – Follina (Tv)

7)    Isetta – Grancona (Vi)

8)    Locanda Aurilia – Loreggia (Pd)

9)    Al Ponte – Lusia (Ro)

10) Madonnetta – Marostica (Vi)

11) La Ragnatela – Mirano (Ve)

12) Da Paeto – Pianiga (Ve)

13) Al Forno – Refrontolo (Tv)

14) Antica Trattoria da Nicola – San Donà di Piave (Ve)

15) Taverna Kus – San Zeno di Montagna (Vr)

16) Antica Trattoria al Bosco – Saonara (Pd)

17) Dalla Libera – Sernaglia della Battaglia (Tv)

18) Da Doro – Solagna (Vi)

19) Alla Sorgente – Torrebelvicino (Vi)

20) La Tavolozza – Torreglia (Pd)

21) Locanda Solagna – Vas (Bl)

22) Ostaria Da Mariano – Venezia (Ve)

23) Al Bersagliere – Verona (Vr)

32 Commenti a “Osterie d’Italia Slow Food 2013. L’elenco delle 231 chiocciole italiane”

  1. Marco Contursi scrive:

    Se queste sono le chiocciole che ancora una volta hanno ignorato i locali Dell agro nocerino sarnese,mi dissocio dalle scelte che premiano nella prov. Di Salerno locali aperti solo 4 mesi all anno e non chi come Luna Galante e O Romano portano avanti tutto l anno una battaglia difficile a tutte la dei sapori locali.Ma l agro nocerino ce la farà anche se ignorato da tutti ancora una volta.

  2. Marcello scrive:

    Perfettamente d’accordo con Marco e non solo, il 90% dei locali premiati esistono da una vita e di osteria forse conservano solo il nome, sono ristoranti a tutti gli effetti. Negli anni scorsi la maggior parte dei locali erano recensiti sulla guida del Gambero Rosso con 1 o 2 Forchette

  3. Enea scrive:

    Concordo con il Sig Marco, sono stato nella mia vita a molte “chiocciole” e devo dire che il Luna Galante non ha nulla da invidiare a nessuno di quei locali. Cucina casereccia e davvero gustosa, inoltre ho notato con piacere, l’utilizzo nel menù di molti presidi Slow Food, cosa che spesso. ahimé, non ho riscontrato in altri posti “chiocciolati”.

  4. Giulio Cantatore scrive:

    Completamente d’accordo con Marco.

  5. Gennaro scrive:

    Ho conosciuto il vero san marzano proprio attraverso la cucina di luna galante, non capisco perchè ancora non abbia la sua chiocciola. Giro sempre con la guida slow e devo ammettere che i requisiti ci sono tutti, veri interpreti del territorio.
    E, restando in tema di piccole critiche, noto una grave mancanza: La Torre di Massa Lubrense! Cosa avranno mai fatto per essere messi fuori dalla guida? vorrei proprio saperlo…

  6. Enodreams scrive:

    In Toscana ottimo locale, anzi osteria, La botte piena, si sono sicuramente meritati questo riconoscimento

  7. Albert scrive:

    Il dato interessante secondo me è che la Campania anche nelle Osteria è ai vertici italiani. Inoltre a mio avviso Pasquale Torrente e il suo Convento, uno degli interpreti del distretto gastronomico di Cetara, sono la migliore espressione di osteria in Italia.

  8. ALESSIO scrive:

    CI RISIAMO ! MI ASSOCIO A MARCO CONTURSI E MI CHIEDO COME MAI LOCALII CHE NELL’AGRO MERITEREBBERO SENZA OMBRA DI DUBBIO LA CHIOCCIOLA NON SONO STATI CITATI !!!! SONO STATO ALLA FESTA IN CONDOTTA A NOCERA SUPERIORE (SA) E QUESTO MI MERAVIGLIA ANCORA DI PIU’ . SPERO SOLO CHE QUESTO SIA UNO STIMOLO IN PIU’ PER QUESTE PERSONE CHE STANNO FACENDO UNA BATTAGLIA PER FARCI GUSTARE ANCORA UNA VOLTA I SAPORI DI UN TEMPO!!!!

  9. Marco Contursi scrive:

    Mi sovviene che anche l’Espresso ignora Luna Galante,ma si può farlo di un locale che oggi è indiscussamente il faro promotore della gastronomia locale, colui che insieme con Raffaele Vitale porta il san marzano nel mondo,vedi Malazè……..e del o Romano a Sarno vogliamo parlarne, ignorato da tutte le guide tranne Slow Food eppure per ambiente, cucina e accoglienza è sicuramente l’Osteria più pura e per questo meravigliosa.Ma sapete che significa mangiare anguille e iammarielli sulla sorgente del Sarno dove sgorga un’acqua cristallina.Vengono da Napoli per assaggiare le sue linguine con lo stoccafisso eppure gran parte della critica gastronomica lo ignora colpevolmente come tanti altri locali della mia zona che solo questo blog ha portato alla ribalta un pochino.l’AGRO SARNESE NOCERINO NON è SOLO IL TRATTO INQUINATO DEL SARNO O L’ALLUVIONE DI SARNO MA E’ UNA DELLE GRANDI CAMPAGNE PRODUTTIVE DELLA CAMPANIA:SAN MARZANO,CORBARINO,CIPOLLOTTO,ZUCCA DI BAGNI,FRIGGITELLO DEL SARNO………SVEGLIAAAAAAAAAAAA GENTEEEEEEEEE.

  10. MassimoP scrive:

    Più che Slow Food poté Contursi!

    Grazie delle informazioni… a breve mi organizzo con moglie ed amici per verificare le bontà citate. :)

  11. FABIO Q. scrive:

    sono socio della slow food dell’agro nocerino sarnese e vorrei fare i complimenti a Marco perche si sta battnedo con tutte le sue forze per far conoscere l’agro non solo in campania ma in tutta Italia. Non sò quale siano i criteri per assegnare la chiocciola ma Luna galante la meritava. Sono stato alcune volte li ed ho visto che ha molti presidi nel suo menu (dell’agro,campani e nn solo) e poi il loro motto è IL TERRITORIO SI RACCONTA quindi il san marzano ,cipollotto, la zucca gialla di bagni, il peperoncino verde di fiume, il corbarino sono all’ordine del giorno ………Questa iniziativa presa da Marco di farsi sentire a voce alta e molto importante io mi associo a lui sperando che il prossimo anno sarà quella della svolta

  12. Maurizio Fava scrive:

    peccato non leggere nell’elenco il grande Paolo Perella di Villasalto (CA)
    IMa forse son cambiati i criteri della Guida.

    • Neko Malaika scrive:

      I criteri sono sempre li stessi. Per entrare in guida Osterie, è necessario che il costo di un pasto non superi i 35 € escluse le bevande, e purtroppo il ristorante di Paolo è fuori da questo target. Ciò non toglie che rimanga una delle eccellenze gastronomiche dell’Isola.

  13. Matteo Del Gaudio scrive:

    Sarei curioso di capire chi ha avuto la genialità di inserire tra le osterie D’Italia delle perfette “sale ricevimenti”. Sarebbe bello saperne di più…. forse io mi sono perso dietro altri giri… lo preferisco. Una guida che lascia il tempo che trova.

  14. FRANCESCO scrive:

    CI RISIAMO…..MA CHI AMMINISTRA SLOW FOOD IN CAMPANIA MI PIACEREBBE SAPERE CHI E PERCHE FA’ QUESTE SCELTE

  15. PAOLO scrive:

    Ma anzichè commentare i locali che non sono presenti, qualcuno che commenti le novità? No?

  16. Faccio parte del Direttivo costiera sorrentina e capri,Marco è un puro,un semplice,un genuino slowfoodiano,ha sempre lottato per portare alla ribalta, la conoscenza dei valori e dei principi slows.Purtroppo i suoi combattimenti non vengono riconosciuti circa i traguardi ottenuti nell’affermazione culinaria delle sue osterie.Marco continua,ti saranno vicino le persone buone,pulite e giuste.Con grande sprone peppe cicirelli.

  17. In genere mi piace parlare di territori e prodotti, ma quando tra i ristoratori di un territorio importante come l’Agro Nocerino Sarnese, non vedo chiocciole o riconoscimenti vari, allora la cosa mi irrita….Mi irrito, perchè la Condotta dell’Agro sta facendo un lavoro straordinario di conoscenza e tutela di prodotti e piatti della tradizione, 2 importanti eventi come il Gusta Natale (con cui ha donato un Orto in Africa) e la Festa in Condotta , che ha visto uniti sotto la stessa bandiera una nazionale di chef dell’Agro…Non aggiungo altro se non l’amarezza….

  18. Marco Contursi scrive:

    Ringrazio di cuore chi mi sostiene in questa battaglia,sapere che non si è soli è importante.Magari se anche i ” potenti” si unissero in questa battaglia in nome dei locali buoni pulito e giusti dell agro nocerino sarebbe tutto piu facile.Stasera ho mangiato delle linguine allo stoccafisso da paura e come nelle vere osterie si è creato uno scambio di opinioni con un tavolo vicino umbro-pugliese in puro stile slow.

  19. Carlo scrive:

    Dalla Padania : anch’io sono (o ero?) un fan delle osterie, mi sembra che facciano poca “ricerca” cioè tra un anno e l’altro la differenza dei locali é minima; sono sempre quelli, così nei decenni, più o meno. Non mi sembra possibile con quel varietà che c’é in giro. I “testisti” o “assaggiatori” sono così pochi ed indirizzati?
    Anch’io come voi vedo omissioni rilevanti ed osterie che assomigliano a ristoranti, per prezzo e presentazione. Saluti a tutti.

    • Sabino scrive:

      mi accodo, parlando di Toscana e di Firenze e dintorni (che conosco, abbastanza, bene)
      Firenze – città dai seri problemi gastronomici, causa iperafflusso turistico – ‘de-chiocciolata’, solo due chiocciole in tutta la provincia di Firenze . . .

      sinceramente: ci sarebbe da parlarne (e lo dico da ex socio SF, ultraventennale, nonchè ex socio della fu ‘piccola tavola’ e poi ‘comitato di condotta’ di Firenze) chè qualcosa di chiocciolabile, tra Firenze e provincia, lo si trova

  20. Marco Contursi scrive:

    Una critica arrivata dall’altra parte d Italia che propone critiche condivisibili anche al sud.Sicuramente c’è qualcosa da cambiare,forse più di qualcosa.

  21. claudio nannini scrive:

    Ottima la scelta di ABRAXAS, ma come si fa a non citare Sasà il Pescatore a Cirò Marina: Credo che lo spirito di Slow Food si ritrovi al 100% in questa vera osteria

  22. Come ristorante siciliano, siamo recensiti su Osterie d’Italia dal 2004 ad oggi. Siamo convinti dell’affidabilità della guida, quantomeno per ciò che riguarda la nostra regione (Sicilia); ci risulta strano e ci incuriosisce, per una guida come questa di slow food, l’assegnazione della chiocciola a locali aperti solo 4 mesi l’anno… Ci spiace per il Luna Galante, ma siamo certi che otterrà la chiocciola, dato che leggendo i vostri commenti si respira un giudizio molto positivo. La chiocciola, ahimè, è molto difficile da ottenere :-)… a presto, Fabio.

  23. In questo articolo è presente un commento di Gian Marco, Coordinatore Regionale della Guida per la Toscana, il quale spiega i nuovi criteri di valutazione seguiti da Osterie d’Italia. Magari è utile per scoprire il ‘mistero’ Luna Galante. A presto, Fabio :-)

  24. Federico scrive:

    Non capisco le scelte che avete fatto. Sono stati inseriti locali (almeno per quanto riguarda la Lombardia) indegni di appartenere ad una selezione di osterie. Come può essere definito osteria un locale che propone un menù degustazione a 90 euro???? Inoltre vengono proposti ristoranti di basso livello che, pur conservando la loro sacrosanta dignità, non meritano di comparire in una selezione che dovrebbe contenere le migliori osterie d’Italia. Comincio a pensare che per alcuni gestori apparire nella vostra guida sia semplicemente un investimento. Sono deluso.

  25. Mariella Onnis scrive:

    vorrei sapere dove trovare le vostre giude “osterie d’Italia” dal 2006 al 2013 a New York e chiaramente in inglese.
    ringrazio anticipatamente
    Mariella Onnis

  26. ken scrive:

    Sono capitato qui per caso, e devo dire che sono estremamente stupito da tutte le critiche che ho letto.
    Utilizzo la guida da anni e non sono mai rimasto deluso dai ristoranti consigliati, in varie parti d’Italia.
    Di osterie c’e’ solo il titolo, mi pare ovvio. Si bada al rapporto qualita’/prezzo, e alla predisposizione per la cucina locale.
    Il fatto che alcuni buoni ristoranti risultino esclusi puo’ sicuramente dare fastidio ai ristoratori interessati e ai loro “supporters”, ma non vedo perche’ si deve per questo sminuire il valore di una pubblicazione di questo livello.

  27. statista picardi scrive:

    mi meraviglio come in campania non appare il nome dell osteria i santi di mercogliano da anni e’ sicuramente il locale che esprime i principi slow al contrario appaiono ristoranti mediocri

  28. Lara Pedriali scrive:

    Che dire, andare sotto consiglio di questa giuda all’ “Antico Calice” a Venezia e mangiare, bere ed essere servita così male…credo che non ci siano parole da aggiungere! Vorrei davvero sapere con quali criteri è stata selezionata questa osteria perchè davvero non mi riesce di trovare punti favorevoli!!!!!!!!!!!