Re Manfredi 1999 Aglianico del Vulture doc

Letture: 43

TERRE DEGLI SVEVI

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Sul capretto natalizio pochi dubbi sulla necessità di abbinare un buon Aglianico. Ecco allora perché lo sprint finale sulla tavola è stato vinto da Terre degli Svevi, il primo rosso dell’azienda venusina del gruppo Giv e, dopo lungo attendere, abbiamo optato per una 1999 che può essere considerata l’annata d’esordio di  questa realtà in un momento di grande crescita del Vulture. Due conferme, la grandezza di una annata inizialmente poco strombazzata e la incredibile longevità dell’Aglianico: rosso rubino, nessun filo di stanchezza agli occhi mentre al naso dopo alcuni secondi in cui prevale una leggera nota ossidata, spuntano ancora aromi di frutta rossa ben matura e fresca, una linearità visiva e olfattiva che trova il suo coronamento in bocca dove il vino mostra intatta la sua freschezza con il ritorno di note di frutta, mineralità, giusta speziatura di un legno che, benché di primo passaggio, fa sostanzialmente da paggio al vitigno che guadagna soprattuto in finezza e in eleganza. Sono contento del fatto che la bottiglia stappata è solo la prima di una lunga serie perché sinceramente posso dirvi che è un rosso appena entrato nella sua maturità, diciamo un uomo di 40 anni, e ha ancora molto da sviluppare con il passare degli anni. La distanza del tempo si avverte solo, a chi conosce bene il terroir, per una morbidezza naturale acquisita con il passare delle stagioni e non forzata dalla tecnica. L’Aglianico al suo ingresso è insomma ormai domato, entra morbido e dolce, ma rivela la sua natura nel prosieguo della beva che è fragrante e davvero molto appagante: oltre alla bella acidità, c’è la struttura in buon equilibrio con l’alcol, tutte le componenti sono a posto nel bicchiere. Un vino importante, da bere al tempo stesso con la giusta attenzione e con piacevolezza se abbinato, come abbiamo fatto noi, in una semplice ricetta del Natale. La testimonianza, se fosse pure ancora necessaria, delle enormi potenzialità del territorio e dello strepitoso rapporto fra qualità e prezzo che con questa bottiglia ha davvero pochi eguali in Italia.

Sede a Località Pian di Camera a Venosa. Tel. 0972.374175. Sito: www.gruppoitalianovini.com. Enologo: Nunzio Capurso. Ettari: 90 di proprietà. Bottiglie prodotte: 150.000. Vitigni: aglianico