Zimara Negroamaro Rosato Puglia Igp 2014 | Voto 85/100

Letture: 241
Zimara Negroamaro Rosato Puglia Igp 2014 Sanchirico
Zimara Negroamaro Rosato Puglia Igp 2014 Sanchirico

Agricola Sanchirico
Uva: negroamaro
Fascia di prezzo. 10,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio
Vista 5/5 – Naso 25/30 – Palato 25/30 – Non omologazione 30/35

Ecco qua un’antica azienda salentina che privilegia soprattutto la coltivazione del negroamaro. Si tratta dell’Agricola Sanchirico di Salice Salentino, che appartiene alla famiglia dell’Antoglietta da circa un secolo e che può contare su una tenuta di centoventi ettari, di cui quaranta allevati proprio a negroamaro. L’attuale proprietario, nonché enologo aziendale, è Gianluca dell’Antoglietta che si è dedicato con vera passione alla viticoltura, memore della vecchia tradizione familiare. Da un documento conservato presso l’Archivio di Stato di Taranto, infatti, si evince che nel Feudo di Fragagnano il capostipite Francesco dell’Antoglietta già produceva vino nel lontano 1560!

Con i suoi vini Sanchirico ha partecipato con buoni risultati all’ultima edizione di Radici del SudZimara Negroamaro Rosato Puglia Igp 2014 è lavorato in acciaio.  

Controetichetta Zimara Negroamaro Rosato Puglia Igp 2014 Sanchirico
Controetichetta Zimara Negroamaro Rosato Puglia Igp 2014 Sanchirico

Alla vista risalta un brillante colore rosa pesca. Al naso si propongono intensi e delicati profumi fruttati di lamponi macerati,  ciliegie e noteagrumate. Sentori di chinotto e zenzero completano la ricca gamma olfattiva. Bocca morbida, fresca, elegante, suadente, succosa, polposa e sapientemente modulata da una buona sapidità e mineralità. Chiusura registrata su toni evoluti e reattivi e con un sottofondo leggermente amarognolo. Ottimo rosato ed ottimo prezzo. Da preferire su un classico risotto ai funghi, tagliere di salumi, carne bianca, crostacei e formaggi freschi. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Salice Salentino (Le) – S.P. 255 Km 2,5
info@sanchirico.net www.sanchirico.net
Ettari di proprietà: 120
Enologo: Gianluca dell’Antoglietta
Bottiglie prodotte: 15.000
Vitigni: negroamaro, primitivo e fiano