Addio a Nicola Trabucco, l’enologo del Falerno

1/11/2017 17.7 MILA
Sul Massico con l’enologo Nicola Trabucco nell’estate 2009

Nicola Trabucco è morto poco fa stroncato da una malattia con cui ha combattutto a lungo e con coraggio come si può vedere anche dal suo profilo Facebook. Lascia la famiglia a soli 51 anni e la sua scomparsa mi provoca molto dolore.
Nicola era una persona solare, semplice, tranquilla. Stava sempre in movimento. Forse è l’enologo con cui ho percorso più chilomentri in vita mia: ci si dava appuntamento alle uscite di Capua o Santa Maria, oppure a Benevento e Battipaglia e via a correre come i matti tra i vigneti sparsi non solo tra Caserta e Benevento, ma in tutta la Campania.

2010. Nicola Trabucco (quarto da sinistra) tra Tonia e il delegato Ais di Caserta Marco Ricciardi

Il suo era un approccio semplice e sincero, pre-social. Telefonata, appuntamento e via fin dove era possibile. L’avevo conosciuto da agronomo a Fontana Galardi nella seconda metà degli anni ’90, giovanissimo. E da agronomo aveva mosso i suoi primi passi nelle aziende più importanti della Campania al seguito di Riccardo Cotarella.
Poi l’ambizione di costruire qualcosa di proprio, una cantina vicino casa, a Santa Croce di Carinola, dove fare del buon Falerno. La curiosità e la sete di conoscenza lo ha portato anche lontano, in giro per il mondo, ma sempre con il baricentro ben fissato a Santa Croce, dalla sua moglie Maria, bella e coraggiosa.

 

Verticale di Galardi nel novembre 2010. In piedi da sinistra: Nicola Trabucco agronomo dell’azienda, Maria Luisa, Dora, Riccardo e Francesco. Seduti Daniel Gimmo e io

Insieme la passione per il vino e la fobia dell’autovelox, quante multe e quante risate. Quante serate e quanti bei momenti vissuti insieme.
Ciao Nicola, è stato proprio bello conoscerti. Mi resta la tua semplicità come valore assoluto.
Ti voglio bene.

Il funerale si terrà venerdì 3 alle 10 alla Chiesa di Santa Croce di Carinola.

Un commento

    Marco contursi

    (2 novembre 2017 - 06:40)

    Mi dispiace davvero. :-(

I commenti sono chiusi.