Calibro Aglianico del Vulture Doc 2011 – Paternoster -Tommasi

30/10/2019 1.1 MILA
Calibro Aglianico del Vulture Doc 2011 Paternoster
Calibro Aglianico del Vulture Doc 2011 Paternoster

di Enrico Malgi

L’azienda vitinicola Paternoster-Tommasi di Barile propone l’Aglianico del Vulture cucinato in tutte le salse: sette vini fermi, uno rosato ed uno spumante metodo Martinotti, rendendo così onore al simbolo di un grande, apprezzabile e vocato territorio.

Dopo aver illustrato ampiamente poche settimane fa le due verticali dei must Don Anselmo e Rotondo, è venuta la volta di assaggiare un altro eccellente esponente aziendale come il Calibro Aglianico del Vulture Doc 2011. Etichetta dedicata a Pino Paternoster e prodotta soltanto in poche migliaia di bottiglie.

Controetichetta Calibro Aglianico del Vulture Doc 2011 Paternoster
Controetichetta Calibro Aglianico del Vulture Doc 2011 Paternoster

Questo vino è l’unico che viene affinato in vasche di cemento per un anno e poi si eleva in vetro per altri dodici mesi. Tasso alcolico di quattordici gradi. Prezzo non pervenuto, ma sarà sicuramente favorevole.

Nel bicchiere risalta un colore rosso rubino. Timbro olfattivo di ottimo spessore, che svela al naso umori fruttati di rosso di piccole e medie bacche come la ciliegia, la susina, il ribes ed il mirtillo. Cadenze speziate. Il sorso entra bello deciso e sicuro: impatto caldo, opulento, elegiaco, sulfureo, fresco, armonico, bene equilibrato e sicuramente “calibrato”. Trama tannica gentile. Palato avvolgente, gradevole, fine, elegante e pulito. Retroaroma infinito ed appagante. Insomma si tratta sicuramente  di un vino che è ancora in piena fase evolutiva. Sulla classica cucina terragna del Vulture.

Sede a Barile (Pz) – Contrada Valle del Titolo
Tel. 0972 770224 – Fax 0972 770658
[email protected]www.paternostervini.it
Enologo: Fabio Mecca
Ettari di proprietà: 10 più 10 in affitto
Bottiglie prodotte: 150.000

3 commenti

    Denny

    Da segnalare anche il mtico “Barigliott” un aglianico leggermente mosso ottimo sulla pizza e sulla cucina Lucana semplice e saporita…

    30 ottobre 2019 - 11:45

    Francesco Mondelli

    Pater Nostrum qui es in Lucania Aglianicum cotidiano da nobis hodie.Ne blasfemo ne irriverente solo un gioco goliardico che mi è ritornato in mente.Non lo conoscevo e di questo ringrazio.PS.E ritornammo a stappare e a consolarci con un Aglianico stellare.FM

    30 ottobre 2019 - 13:07

    Enrico Malgi

    Noblesse oblige caro Francesco. Ottimo anche l’Aglianico Barigliott gentile sig, Denny che con questo nome identifica proprio gli abitanti e le cose di Barile.

    30 ottobre 2019 - 16:44

I commenti sono chiusi.