Caprarola, Trattoria del Cimino da Colombo, cucina della Tuscia da non perdere

21/6/2022 445

Trattoria del Cimino da Colombo a Caprarola
Via Filippo Nicolai, 44
Aperto: martedi e mercoledi solo a pranzo; giovedi, venerdi, sabato e domenica a pranzo e a cena
Chiuso: lunedi
Tel. 0761 646173
www.trattoriadelcimino.com

Trattoria del Cimino, Colombo con la moglie e il figlio
Trattoria del Cimino, Colombo con la moglie e il figlio

di Virginia Di Falco

Ci sono. Ci sono ancora le trattorie che profumano di trattorie. Il legno d’antan, una rispolverata all’arredo e alla tavola appena accennata, le radici profonde della gestione familiare (qui siamo alla sesta generazione).

 

Trattoria del Cimino, la sala
Trattoria del Cimino, la sala

L’abbecedario della cucina povera – ma di sostanza – della Tuscia lo trovate recitato sulla lavagna, mentre vengono consegnati a stampa i piatti del giorno, a seconda della disponibilità del mercato, dell’orto, ma anche del bosco.

Trattoria del Cimino, scorcio della sala
Trattoria del Cimino, scorcio della sala

Siamo a Caprarola, nel viterbese, all’ombra di castagni e noccioli tra il monte Cimino e il lago di Vico. La Trattoria del Cimino della famiglia Calistri si trova proprio nel centro storico, dove si arriva guardati a vista dal severo Palazzo Farnese qui dalla seconda metà del Cinquecento.

In sala l’accoglienza e le chiacchiere di Colombo, cresciuto praticamente tra questi tavoli; in cucina la moglie Maria Assunta e, a guardia della cantina – un centinaio di etichette aggiornate continuamente grazie a passione e formazione – il figliolo Samuele.

Trattoria del Cimino, il tagliere di salumi
Trattoria del Cimino, il tagliere di salumi
Trattoria del Cimino, la Susianella di Viterbo
Trattoria del Cimino, la Susianella di Viterbo

Ambiente e atmosfera confortevoli, si sceglie seguendo racconti e consigli da un menu con poche sorprese ma bello solido ed efficace. Il tagliere di salumi (c’è anche una degustazione di lardi) e formaggi della Tuscia, la pasta fatta a mano, le carni locali trattate a dovere, con la sapienza delle vecchie ricette. Ricco e variegato il tagliere di affettati, con la ‘susianella’ di Viterbo in pole position, gustoso insaccato di frattaglie, presidio Slow Food.

Trattoria del Cimino, la carbonara
Trattoria del Cimino, la carbonara
Trattoria del Cimino, il coniglio verde leprino
Trattoria del Cimino, il coniglio verde leprino

Succulento il coniglio verde leprino, quasi una cacciatora; più che indovinata, per cremosità ed equilibrio di sapidità la carbonara con uova felici, anche se avremmo preferito gli spaghetti più al dente.

Trattoria del Cimino, lavagnetta col piatto del giorno
Trattoria del Cimino, lavagnetta col piatto del giorno

Ma il nostro bonus del cuore va senza ombra di dubbio alla specialità del giorno: le lumache ‘alla viterbese’. Tra le più buone mai mangiate, piene, tenere, carnose, tuffate in un tradizionalissimo gustoso sughetto al pomodoro, piccantino il giusto. Da bis.

Trattoria del Cimino, lumache alla viterbese
Trattoria del Cimino, lumache alla viterbese

Chiusura dolce, in tutti i sensi, con semifreddo alle nocciole dei monti Cimini.
Si esce sazi e contenti, come dovrebbe essere sempre in trattoria; con un conto intorno ai 40 euro.
Superconsigliato.

Trattoria del Cimino, semifreddo alla nocciola
Trattoria del Cimino, semifreddo alla nocciola
Trattoria del Cimino, uno dei bianchi in degustazione
Trattoria del Cimino, uno dei rossi al calice
Trattoria del Cimino, insegna

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.