Mondo Pizza abbandonato e dimenticato dalle istituzioni, decine di migliaia di pizzaioli in sofferenza

30/3/2020 4.7 MILA
Binario Calmo - forno
Binario Calmo – forno

Non era mai successo da quando è nata, mai. Durante la Rivoluzione napoletana del 1799, i moti del ‘48, la caduta del Regno delle Due Sicilie, le due guerre, il colera, il terremoto, la guerra di camorra. Mai i forni dei pizzaioli erano stati spenti. Per Napoli non ci può essere nulla di più simbolico di questa nuova e inedita crisi figlia della globalizzazione.
La chiusura delle pizzerie è avvenuta improvvisamente, mentre, per usare una parola che si sente spesso in questi giorni difficili, il picco della espansione della pizza napoletana in Italia e nel mondo non era ancora arrivato.
I pizzaioli non hanno né i Landini e né i Boccia che scrivono e telefonano a Conte un giorno si e l’altro pure: anche se negli ultimi anni c’è l’orgoglio, soprattutto fra i giovani, di fare questo lavoro, l’individualismo regna sovrano, quasi la sintesi, il concentrato, dell’individualismo napoletano erede della Magna Grecia che è a sua volta un distillato di quello italiano. Ognuno per se, Dio per tutti.
Intendiamoci, ci sono stati tentativi di dare una risposta corale: il Gruppo Piccola Napoli ha per esempio prodotto decine di video per sollecitare le istituzioni. L’Associazione Pizzaioli Napoletana si è mossa aderendo alla petizione di ristoratori e cuochi. Ma è evidente che si tratta di armi poco efficaci rispetto a quelle che possono mettere in campo altre categorie, molto più organizzate anche se meno numerose.
Quando parliamo di pizzaioli non dobbiamo pensare alle star di 50ToPizza, che pure hanno non pochi problemi perché si naviga a vista e non si sa come e in che termini si potrà riaprire. Ma sono decine di migliaia di giovani pizzaioli, tanti con famiglia e figli a carico, che non sanno mentre scriviamo se potranno rialzare la saracinesca. E dietro di loro tante decine e decine di piccoli produttori di qualità che avevano trovato qui lo sbocco naturale delle loro eccellenze sempre respinte dalle grandi catene di distribuzione perché insufficienti sul piano quantitativo. Per non parlare dei distributori di eccellenze che avevano solo ristoranti e pizzerie come clienti e non i supermercati.
I parlamentari campani, quelli che amano farsi fotografare con i pizzaioli, ora mettano mano a degli emendamenti che siano capaci di dare risposte concrete che possano essere messe in considerazione nell’approvazione nel decreto economico.

Le richieste messe a punto dal Gruppo Piccola Napoli, ad esempio, sono quattro: 1) sospendere gli affitti dei locali e delle utenze di questi; 2) eliminare le tasse dei mesi (marzo, e di quelli che verranno), comprensiva di IVA; 3)la copertura dei fornitori e degli operai-dipendenti nei mesi di chiusura obbligatoria; 4)un prestito a tasso zero da parte dello Stato per poter pagare i fornitori e i dipendenti alla ripresa.
Certo la riapertura sarà difficile: è infatti impensabile rivedere, almeno sino a quando non ci sarà un vaccino, la calca delle file davanti a locali strapieni. Si dovrà ripartire con il basso profilo, probabilmente solo con asporto, solo con le classiche. Il Coronavirus del resto decreterà nell ’immediato la fine della pizza gourmet così come era intesa negli ultimi anni.
Per la prima volta la pizza non è il cibo rifugio della povertà, siamo tornati al pane con un salto indietro di tre secoli. Ma accendere i forni è la priorità che chiunque abbia responsabilità istituzionali si deve dare come primo obiettivo, altrimenti alla emergenza sanitaria subentrerà quella sociale.

4 commenti

    Massimo De Simone

    Buongiorno Egregio Luciano Pignataro. Io non credo più nello stato dovremmo lottare a lungo per ottenere queste richieste che il mio caro amico Paco Linus ed Enzo Fiore, io sarò sempre presente al loro fianco come ho sempre fatto insieme a loro. Grazie soprattutto a lei Luciano che ci da sempre spazio hai nostri appelli soprattutto nel Mondo Pizza, speriamo che passi tutto molto in fretta altrimenti siamo rovinati.

    30 marzo 2020 - 12:16Rispondi

    Marco contursi

    Servono soldi e subito nelle tasche degli italiani che non hanno altra fonte di guadagno. Sennò oltre a essere a rischio la tenuta sociale, lo sono alla riapertura anche le migliaia di attività: ristoranti,pizzerie,gioiellerie, ecc

    30 marzo 2020 - 14:26Rispondi

    roberto valentino

    ringrazio mostrando le mie pizze con queste bellissime parole ma credo che nonostante questa sciagura ci rilanceremo molto presto e ritorneremo piu motivati di prima

    30 marzo 2020 - 18:37Rispondi

    Gianni Liccardi

    La ringrazio a nome di tutti i colleghi pizzaioli per l’i interesse che ha sempre avuto verso il mondo pizza e specie in questa terribile occasione dove tutti ci hanno abbandonato rendendo tragico dalla sera alla mattina quello che era un mondo del quale tutti andavamo fieri e orgogliosi di essere pizzaioli ,rivalutati agli occhi del mondo con l’arte del pizzaiolo , dando lavoro a tanti giovani e tanti giovani tentavano la via del successo lavorando onestamente e improvvisamente buio totale . Non so cosa faranno o faremo ma vedo un strada tutta in salita non tanto per loro ma da parte dei clienti diffidenti a trovarsi in spazi stretti e vicino gli uni agli altri . Per chi ha pizzerie organizzate solo per l’asporto penso sia la soluzione giusta ma chi si trova con spazi grandi e riaprire solo per l’asporto non riuscirebbe a coprire i costi generali per cui è nera . Ma penso anche al paladino in capo che da ordini di chiudere e poi so c…. vostri , neanche questo è giusto visto che in tutta Italia il delivery si fa e in Campania anche i fruttivendoli , supermercati , pescivendolo ecc consegnano a casa , dov’è la differenza di penalizzare un settore così trainante , non capisco . Cmq grazie di tutto e saluto tutta la nostra categoria ,un abbraccio e restiamo in contatto e uniti che insieme c’è la faremo .

    30 marzo 2020 - 22:05Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.