Cutaja Nero d’Avola Riserva Sicilia Doc 2014 Caruso e Minini | Vino arrivato secondo ex aequo a Radici del Sud 2017

1/10/2017 1.4 MILA
Cutaja Nero d'Avola Riserva Sicilia Doc 2014 Caruso e Minini
Cutaja Nero d’Avola Riserva Sicilia Doc 2014 Caruso e Minini

di Enrico Malgi

L’azienda vitivinicola Caruso di Marsala può vantare una storia antica raccontata da varie generazioni. Nasce, infatti, alla fine del XIX secolo su iniziativa di Francesco Caruso. Dal 2004 l’azienda trapanese ha poi cambiata la denominazione in Caruso & Minini, quando a Stefano Caruso si è affiancato l’imprenditore bresciano Mario Minini. Una produzione connotata da grandi numeri, ma sempre attenta a privilegiare la massima qualità dei vini che sono esportati in oltre trenta paesi di tutto il mondo.

Una qualità che è stata confermata e ribadita anche alla recente edizione di Radici del Sud, dove l’etichetta Cutaja Nero d’Avola Riserva Sicilia Doc 2014 ha conseguito un apprezzabile secondo posto ex aequo, certificato dalla giuria dei Wine Writers.

Retroetichetta Cutaja Nero d'Avola Riserva Sicilia Doc 2014 Caruso e Minini
Retroetichetta Cutaja Nero d’Avola Riserva Sicilia Doc 2014 Caruso e Minini

Dopo la fermentazione in acciaio, il vino transita per due anni in legno, di cui un anno e mezzo in tonneaux di rovere francese ed americano, per poi elevarsi in vetro per altri sei mesi. Quattordici i gradi alcolici. Prezzo finale della bottiglia intorno ai 15,00 euro, ben spesi.

Vivo e leggiadro il bel colore rosso rubino nel bicchiere. Pregevole e complesso l’espansivo bouquet che ammalia le narici con respiri di evidente sicilianità: carrubo, bergamotto, fichi d’india, zagara, viola, gelso, acacia e cappero, a cui si associano ben volentieri sussurri di ciliegia, di mora, di ribes, di cacao, di balsamo e di mentolo. Anche le spezie pretendono la loro parte e così mettono in campo sentori di chiodi di garofano, di vaniglia, di cannella e di noce moscata. Sulla lingua atterra un sorso fresco e morbido, raffinato ed elegante, che è poi sostenuto da un tannino imperiale. Percezione palatale avvolgente, sapida, armonica, equilibrata, rotonda, tonica e dinamica. Il finale è permeato da giusta calibrazione e da un frutto compatto, polposo, vibrante e persistente. Ottimo vino davvero, da preferire su un agnello al forno ed un pecorino siciliano.

 

Sede a Marsala (Tp) – Via Salemi, 3
Tel. 0823 982356 –  Cell. 329 6524790
[email protected]www.carusoeminini.it
Enologo: Giuseppe Clementi
Ettari vitati: 120 – Bottiglie prodotte: 900.000
Vitigni: nero d’avola, perricone, frappato, nerello mascalese, syrah, cabernet sauvignon, merlot, catarratto, inzolia, grillo, grecanico, zibibbo e chardonnay.