Coronavirus: per la prima volta nella storia a Milano si mangia la pizza mentre a Napoli è vietato

1/4/2020 12 MILA
Sorbillo delivery a Milano
Sorbillo delivery a Milano

A Milano il delivery di Gino Sorbillo.
Ebbene sì: abbiamo visto l’uomo sulla Luna, due Papi, la caduta del Muro di Berlino. Ma vedere la pizza a Milano e sapere che a Napoli è proibito fa impressione.
Forse è il simbolo di una realtà ancora più profonda: non è più la pizza artigianale il cibo dei poveri, ma la munnezza piena di conservanti e coloranti prodotta dalle multinazionali che ha i suoi canali di distribuzione.
Gli unici favoriti da una politica regionale assurda e incomprensibile. O meglio, molto comprensibile.
Già, perchè non credo che il sindaco di Milano e il governatore della Lombardia siano dei folli mentre in Campania ci sono i saggi.
Non penso che l’Istituto Superoore della Sanità sia governato da folli.
Non penso che al governo ci siano folli.
Perchè? Perché se sei artigiano le puoi evadere, questo è il sottinteso di chi sta facendo macelleria sociale con la scusa della sicurezza.
Finirà che le pizzerie resteranno a Milano mentre Domino’s Pizza fare le pizze a Napoli. In alternativ alle pizze surgelate

3 commenti

    simone

    a napoli la pizza la stiamo mangiando, ma ce la facciamo noi a casa, i poveri milanesi non saprebbero farla bene (ovviamente è una battuta, lo sottolineao per i “sensibili”)

    1 aprile 2020 - 18:29

    friariello

    A Milano I MORTI SONO MIGLIAIA. Detto questo forse qualche compromesso si poteva trovare.

    1 aprile 2020 - 23:04

    Daniele Amati Buonaccorsi

    Un articolo scritto peggio di questo neanche su libero lo si trova

    2 aprile 2020 - 10:27

I commenti sono chiusi.