Donatella Briosi, in morte di una sommelier

13/6/2018 5.6 MILA
Donatella Briosi
Donatella Briosi

Oggi nel nostro mondo opulento e ricco di storie in cui ci si divide per le barrique e le sferificazioni arrivano i lampi più brutali della vita.
E niente, parlo del caso di cronaca di Udine che tutti hanno seguito. Un uomo di 80 anni ammazza la moglie di 64 con un colpo di pistola nello studio del notaio dove stavano vendendo la casa a seguito della separazione. Un omicidio suicidio. L’ennesimo episodio di femminicidio. Solo che…
Lei, questo sfugge ai cronisti di nera, è una sommelier della Fis conosciuta nell’ambiente, molto brava.
E’ Donatella Cinelli Colombini che ce lo ricorda o che ce lo svela. Con queste parole nel suo blog.

Donatella Briosi ricordiamola mentre serve il vino con la squadra delle sommelier durante la cena di gala di Vinitaly 2018, ricordiamola mentre prepara la nostra degustazione di Portopiccolo lo scorso anno, oppure nel gruppo delle Donne del Vino che hanno partecipato come giurate al concorso Feminalise a Parigi, ricordiamola mentre insegna le caratteristiche del Friulano Merlot e Sauvignon alle socie del Friuli Venezia Giulia riunite in assemblea. Donatella Briosi sapeva dare un contributo di idee e di competenze a tantissime attività delle Donne del Vino e sempre con garbo e il sorriso sulle labbra.
Oggi è morta, uccisa dall’ex marito – che poi si è tolto la vita – davanti al notaio di Udine che redigeva l’atto di compravendita di un immobile posseduto in comune. Un femminicidio come se ne leggono tutte le settimane sui giornali. Un femminicidio che riguarda, questa volta, una persona che amavo, conoscevo bene e di cui sapevo il valore umano e professionale. Un femminicidio che deve rinnovare l’impegno a contrastare la violenza contro le donne.
Ecco che mentre ricordo Donatella Briosi con affetto e gratitudine rinnovo il mio impegno civile in difesa delle donne affinché la violenza che ci ha tolto Donatella non si ripeta ancora.

L’ultima domenica l’aveva trascorsa con gli amici Mario Busso e Stefano Cosma in una degustazione.
Non ci sono commenti da fare.

2 commenti

    Manuela Piancastelli

    (13 giugno 2018 - 20:08)

    Sono sconvolta da questa notizia. Avevo conosciuto Donatella Briosi al Vinitaly 2017, era nello spazio Fivi, proprio accanto a noi e rappresentava un’azienda sarda. Era una donna allegra, intelligente, piena di vita, desiderosa di condividere le sue esperienze di donna e di sommelier….Starle vicino era stimolante e divertente. Mi aveva chiamato quest’anno per sapere se sarei tornata al Vinitaly e saputo che non avrei partecipato, ha voluto saperne, per comprenderli, i motivi. Ci siamo consolate dicendo: ci vedremo alla prossima manifestazione della Fivi. E’ davvero un grande dolore. Spesso crediamo che queste storie tremende accadano solo lontano da noi, invece la follia che sta dilagando ci tocca tutte. Senza eccezione. Ciao Donatella.

    Montosoli

    (14 giugno 2018 - 04:04)

    Ognuno si dovrebbe fare un grande esame di coscienza e chiedersi il perche si avvera tutto questo…uomini e donne.
    Il giocare con I sentimenti altrui, la gelosia creata apposta, vantarsi, avere sempre ragione, il non rispetto, unirsi e lasciarsi come se niente fosse, crescere figli in totale disaccordo…e tanto altro veleno crea il mostro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.