Felice a Testaccio: la famosa cacio e pepe questa volta non convince

30/7/2022 1.1 MILA

di Raffaele Mosca

Torno da Felice al Testaccio a distanza di un anno e, purtroppo, non trovo la conferma che cercavo dopo l’entusiasmante esperienza di cui abbiamo dato conto. Qualcosa è cambiato con il ritorno ai ritmi pre-pandemia… e non in positivo!

elice a Testaccio_Cacioe Pepe
elice a Testaccio_Cacioe Pepe

Delude questa volta la famosa cacio e pepe, mantecata frettolosamente e decisamente in eccesso di pepe. Leggermente meglio la carbonara, immersa in una crema di giusta consistenza, ma con lo spaghetto che si spezza troppo facilmente al momento dell’arrotolamento. Senza infamia e senza lode il tortino di melanzane; valido il tiramisù al bicchiere, magra – si fa per dire! – consolazione a conclusione di una cena che lascia un bel po’ di amaro in bocca.

Felice a Testaccio - Carbonara
Felice a Testaccio – Carbonara

Impossibile, in definitiva, non notare un arretramento rispetto all’esperienza dell’anno scorso. Serata storta?! Carenza di personale che rende difficile garantire i soliti standard di una tavola sicuramente turistica, ma che, fino a questo momento, riusciva ad offrire una qualità più che discreta?

Non lo sappiamo, ma di certo il segnale non è confortante, e ci mette in guardia sul rischio che il ritrovato fermento turistico, unito alle problematiche che tutti conosciamo, azzeri una parte dei progressi fatti dalla ristorazione romana in questi ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.