Fiumicino, Osteria dell’Orologio: l’imperdibile fuoriporta marinaro di Marco Claroni

28/10/2019 3.7 MILA
Osteria dell'Orologio, la magnifica degustazione di bottarga
Osteria dell’Orologio, la magnifica degustazione di bottarga

OSTERIA DELL’OROLOGIO A FIUMICINO
Via  Torre Clementina, 114
Tel. 06.6505251 – 347.5179051
Aperto: pranzo dal giovedì alla domenica e a cena dal martedì alla domenica.
Chiuso: lunedì
www.osteriadellorologio.net

 

di Virginia Di Falco

Osteria dell’Orologio a Fiumicino. Questa volta cominciamo dalla fine: la cucina di Marco Claroni è un’esperienza da non mancare se amate il mare. Davvero una delle migliori tavole del Lazio.

Una saletta con pochi coperti che si fanno spazio in una ex stalla dell’800 recentemente ristrutturata, con un suggestivo soffitto a volta in mattoncini che rendono più caldi i colori degli arredi. Fuori invece tavoli e sedie in bianco si affacciano sulla passeggiata affollata (e trafficata) con l’orologio monumentale che dà il nome al locale.

Osteria dell'Orologio, uno scorcio della sala
Osteria dell’Orologio, uno scorcio della sala

E’ qui che circa dieci anni fa lo chef Marco Claroni e sua moglie Gerarda Fine, sommelier e responsabile della sala, hanno cominciato. Pochi mezzi ma forte determinazione e idee chiarissime: mettere a frutto le rispettive esperienze per proporre un ristorantino di mare con una propria personalità, che si distinguesse dall’offerta a dir poco omologata dei locali vicini.

Osteria dell'Orologio, i tavoli all'aperto
Osteria dell’Orologio, i tavoli all’aperto

Una cucina in cui tecnica e scuola non perdono tuttavia i riferimenti popolari, quelli delle ricette di casa e del pesce povero. E neppure quelli del pranzo familiare fuori porta per definizione: spaghetti con le vongole & frittura – che infatti qui in carta troverete sempre, insieme ai jolly come polpo alla Luciana o alla genovese di tonno.
Un menu dunque double face, dove poter scegliere tra diverse proposte degustazione oppure ‘pescare’ – è il caso di dire – à la carte.

Osteria dell'Orologio, pizzette fritte di mare
Osteria dell’Orologio, pizzette fritte di mare

L’impostazione dello chef è chiara sin dal benvenuto, completamente dedicato all’alice, della quale si propone tutto, dalla lisca alla testa utilizzata per il brodo. Un inizio divertente e stuzzicante sul pesce più povero del nostro mare.

Osteria dell'Orologio, l'alice di benvenuto
Osteria dell’Orologio, l’alice di benvenuto

L’assaggio di un ottimo olio extra vergine di oliva, insieme al burro alla paprika (decisamente meno interessante) proposto con una tiepida pagnottella fatta in proprio ci permette di soffermarci brevemente sul capitolo ‘pane’, anche perché qui lo troverete tra le voci del conto (tre euro a persona).

Osteria dell'Orologio, pane, olio e burro alla paprika
Osteria dell’Orologio, pane, olio e burro alla paprika

In generale, far pagare il pane a parte – spesso solo per mascherare l’odiosa gabella del coperto – è una pratica che abbiamo più volte stigmatizzato. Così come quella di presentare un cestino di anonimi panini colorati non si sa bene con cosa, spesso insipidi, come «i nostri pani».
Bene. Non è questo il caso. All’Osteria dell’Orologio abbiamo trovato dei pani davvero notevoli, tutti fatti in proprio, ben eseguiti e, soprattutto, pensati per le diverse portate. Dalle farine ai semi, dai condimenti alla cottura: il pan brioche tostato, il cornetto salato, la focaccia, ma anche i crackers e i grissini.

Osteria dell'Orologio, pani e crackers
Osteria dell’Orologio, pani e crackers
Osteria dell'Orologio, il cornetto salato
Osteria dell’Orologio, il cornetto salato

Tra gli antipasti il consiglio è partire (in realtà potrebbe anche esser preso come un piatto unico) con la meravigliosa selezione di bottarghe e ventresche stagionate, esperienza davvero unica, che vale il viaggio (e anche la coda di auto, se è domenica). Dal prosciutto e ventresca di tonno alle bottarghe di diversi pesci, fino al cuore. Il mare in tutto il suo sapore. E nella sua essenza. Con una decina di ciotoline il cui contenuto serve a smorzare sale e fuoco sulle papille, ma anche a farle divertire: dal carpaccio di rapa rossa alla scapece di zucca, dalla robiola al burro, dalle nocciole tostate alle cipolle di Tropea in agrodolce, e poi ancora, la confettura di fichi, la salsa di frutti rossi, la julienne di sedano, le carote e gli agrumi. Piatto strepitoso, senza se e senza ma.

Osteria dell'Orologio, la degustazione di bottarghe
Osteria dell’Orologio, la degustazione di bottarghe

Tra i primi, una ricca, quasi ruspante, minestra di pasta mista con fagioli, cozze e pesce di fondale che ricorda molto il sapore della classica zuppa di pesce, confortevole e appagante. Delicati e allo stesso tempo incisivi i tortelli con gamberi, caviale in un delizioso dashi di mela.

Osteria dell'Orologio, minestra di pasta mista con fagioli e cozze
Osteria dell’Orologio, minestra di pasta mista con fagioli e cozze
Osteria dell'Orologio, i tortelli
Osteria dell’Orologio, i tortelli

Abbinamento ormai classico nel polpo con crema di ceci e broccoletti, ma la cottura è davvero degna di nota.
Vi sembrerà di stare in un ristorante francese, invece, con l’arzilla (la razza), sia per il doppio servizio, al piatto e al tavolo, sia per la cottura, con un fondo importante e uno studiato accompagnamento vegetale.

Osteria dell'Orologio, il polpo
Osteria dell’Orologio, il polpo
Osteria dell'Orologio, il servizio dell'arzilla
Osteria dell’Orologio, il servizio dell’arzilla
Osteria dell'Orologio, l'arzilla
Osteria dell’Orologio, l’arzilla

Quattro o cinque ragazzi preparati e gentili tengono testa a tutti i tavoli, sia dentro che fuori, con una buona organizzazione del lavoro e un livello di pathos che fa sempre piacere riscontrare in sala. La carta dei vini di Gerarda Fine segue il suo percorso professionale e personale, cercando di accontentare chi non vuole allontanarsi dalla regione ma anche chi ama bolle e vini d’Oltralpe.

Si chiude con una lista dei dessert che predilige il cucchiaio, dalla quale abbiamo scelto un cremoso di cioccolato e salsa di more, con gelato al latte di capra. Ancora una volta, sapori decisi ma in equilibrio, con la giusta dolcezza che si chiede alla fine di un pasto.
Conto medio sui 60 euro (N.B. previste in carta anche le mezze porzioni).

Osteria dell'Orologio, il dessert al cioccolato, more e gelato di latte di capra
Osteria dell’Orologio, il dessert al cioccolato, more e gelato di latte di capra

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

QUI DI SEGUITO LA NOSTRA PRIMA RECENSIONE, NEL 2016

 

Osteria dell'orologio, Chef Marco Claroni
Osteria dell’orologio, lo Chef Marco Claroni

Osteria dell’Orologio a Fiumicino
Via Torre Clementina 114
Tel. 06.6505251, 347.517905
sempre aperti dal martedì alla domenica
www.osteriadellorologio.net

Osteria dell'orologio, lo staff di sala
Osteria dell’orologio, lo staff di sala

Sempre più interessante il litorale laziale degli ultimi anni. Non solo Pascucci, ma tante novità degne di nota che finalmente ci liberano dalla banalità e dalla noia di una cucina spesso talmente ripetitiva da non essere neanche più rassicurante.

Osteria dell'orologio
Osteria dell’orologio, scorci della sala

Un bel faro a Fiumicino è costituito dall’Osteria dell’Orologio di Marco Claroni, poco più che trentenne chef e patròn di questo locale rilevato qualche anno fa e che, passo dopo passo, ha scelto la via delle proposte originali e basate una grandissima conoscenza della materia prima. La sala, cortese, veloce e molto motivata, gira davvero una bellezza.

Osteria dell'orologio, il benvenuto
Osteria dell’orologio, il benvenuto

Il benvenuto è una parodia della prima colazione, magari un po’ greve come entrata ma molto divertente e saporita.
Ma quello che va davvero sottolineato è la capacità del cuoco di abbinare crudi e cotti di mare in maniera decisamente efficace e senza sbavature.

Osteria dell'orologio, carpaccio di dentice alla puttanesca
Osteria dell’orologio, carpaccio di dentice alla puttanesca

Ci sono le citazioni, come questo carpaccio al sugo di pomodoro ben estratto e saporito.

Osteria dell'orologio, crudo di gamberi bianchi, con chiacciata alla salsa verde, patate al burro e spadellata di sconcigli
Osteria dell’orologio, crudo di gamberi bianchi, con ghiacciata alla salsa verde, patate al burro e spadellata di sconcigli

Ma non è il caso: praticamente la batteria di antipasti non ha una sbavatura.

Osteria dell'orologio, ceviche di ombrina marinata al lime e zenzero con latte di cocco e verdure croccanti
Osteria dell’orologio, ceviche di fragolino marinata al lime e zenzero con latte di cocco e verdure croccanti

Decisamente da applauso è la ceviche di fragolino marinata al lime. L’occhio della cucina è sempre e comunque puntato sulla freschezza.

Osteria dell'orologio, carpaccio di tonno tiepido con asparagi e favette in consomme di carne
Osteria dell’orologio, carpaccio di tonno tiepido con asparagi e favette in brodo di spuntature

Anche il carpaccio di tonnno in brodo di spuntature è da applauso.

Osteria dell'orologio, gambero rosso con foie grass, carote, nocciole e zenzero
Osteria dell’orologio, gambero rosso con foie grass, carote, nocciole e zenzero

 

Osteria dell'orologio, ....
Osteria dell’orologio, le ostriche

 

Osteria dell'orologio, polpo all apiastra con soia, agretti e peperoni
Osteria dell’orologio, polpo alla piastra con soia, agretti e peperoni
osteria dell'orologio, il baccalà
Osteria dell’Orologio, il baccalà
Osteria dell'orologio, carciofo con crudo e cotto di palamita, mentuccia e salsa fume
Osteria dell’orologio, carciofo con crudo e cotto di palamita, mentuccia e salsa fume’

Unico appunto, una frittura affogata in una salsa. Meglio proporla a parte e intingere.

Osteria dell'orologio, fiore di zucca, merluzzo, latte di acciughe e asparagi
Osteria dell’orologio, fiore di zucca, merluzzo, latte di acciughe e asparagi

Dopo la batteria un paio di primi, uno di pasta lumga e uno ripieno.

Osteria dell'orologio, tonnarelli burro e limone con piselli e mazzancolle
Osteria dell’orologio, tonnarelli burro e limone con piselli e mazzancolle

 

Osteria dell'orologio, tortello di parmigiano con calamaretti, fave, piselli e brodo di calamari al balsamico
Osteria dell’orologio, tortello di parmigiano con calamaretti, fave, piselli e brodo di calamari al balsamico

Infine all’Osteria dell’Orologio i dolci sono decisamente cosigliabili.

Osteria dell'orologio, bavarese di cioccolato al latte, arachidi,caramello e sale di Maldon
Osteria dell’orologio, bavarese di cioccolato al latte, arachidi,caramello e sale di Maldon

 

Osteria dell'orologio, mousse alla nocciola con crumble di liquerizia e limone
Osteria dell’orologio, mousse alla nocciola con crumble di liquerizia e limone
Osteria dell'orologio, ....
Osteria dell’orologio
Osteria dell'orologio, piccola pasticceria
Osteria dell’orologio, piccola pasticceria

CONCLUSIONI
Osteria dell’Oroloio a Fiumicino. Un fuoriporta marinaro assolutamente da consigliare. L’idea di fondo è prendere la batteria di antipasti cotti e crudi e poi passare a un primo o un secondo. Lo stile dello chef rispetta molto la materia prima che conosce nei dettagli anche perchè partecipa alle aste e ha un rapporto con i pescatori sin da ragazzino. Il risultato si vede nel piatto come spesso scriviamo, tra questa generazione la differenza non la fa la tecnica ma il mercato. I margini di miglioramento ci sono ancora soprattutto nei primi. Buona e divertente la carta dei vini con ricarichi onesti.

Osteria dell'orologio, vini
Osteria dell’orologio, vini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.